Cannella, Aiuto per Dimagrire

Una spezia dolce che puoi usare per controllare il livello di zuccheri nel sangue, arginare la voglia di dolci e favorire la perdita di peso, in particolare sull’addome

dimagrire con la cannellaLa tendenza ad accumulare grasso sulla pancia è tipica di chi non elabora bene gli zuccheri ingeriti a causa di una dieta ricca di zuccheri semplici (zucchero, dolci o bevande zuccherate) e/o di cibi raffinati, come pane e pasta bianchi (senza fibre), e anche povera di verdure. In questo modo l’organismo, con il passare del tempo, riduce la tolleranza agli zuccheri e si predispone al diabete e al sovrappeso, accumulando grasso soprattutto sull’addome, complice anche una vita sedentaria.

Aiuta i diabetici,  ma non solo loro…
Uno studio condotto qualche tempo fa dalla University of South Carolina Beaufort, USA, ha osservato i possibili benefici della cannella sulla gestione degli zuccheri nel sangue. La ricerca è stata condotta su 60 persone diabetiche suddivise in tre gruppi, uno che ha continuato con i farmaci, uno che ha assunto come rimedio un placebo e uno che ha preso dosi variabili di cannella (da 1 a 6 g al dì). I risultati hanno evidenziato in questi ultimi soggetti un miglioramento dei parametri della glicemia nel sangue, oltre che dei valori dei trigliceridi, dell’indice di massa corporea (IBM) e del peso. E i risultati più evidenti sono stati ottenuti da chi ha usato la dose più bassa di spezia, ovvero un grammo. In pratica, pare che la cannella svolga il ruolo di “sensibilizzatore” per l’insulina, cioè favorirebbe l’azione dell’ormone nelle cellule muscolari, adipose ed epatiche, facilitando quindi l’assorbimento di zuccheri nel sangue, riducendo di conseguenza il livello di glicemia, contrastando la formazione di grasso addominale e portando alla riduzione del peso corporeo, anche in chi di solito fatica a dimagrire.

(Continua a leggere su http://www.riza.it/dieta-e-salute/cibo/4530/cannella-inaspettato-aiuto-per-dimagrire.html)

Mantenere il Peso Forma dopo i Pranzi delle Feste con i Mirtilli

ritrovare il peso forma dopo le feste con mirtilliAvete esagerato con i pranzi di Natale?
È un costume comune praticamente a tutti, ma c’è possibilità di rimediare. Consumate mirtilli, che proteggono da diete troppo grassi.
A sostenerlo sono il Mykkänen OT e colleghi che hanno analizzato su modello animale gli effetti di una dieta ricca di grassi, protratta per tre mesi.

Che cosa è emerso? I ricercatori hanno valutato gli effetti della dieta ricca di grassi confrontati con una dieta normale e una arricchita con i mirtilli. Sotto la lente di osservazione soprattutto le cellule infiammatorie e livelli di citochine. E non è tutto, anche la pressione arteriosa sistolica, la tolleranza al glucosio, la sensibilità all’insulina e l’aumento di peso. Ovviamente, gli animali che hanno seguito un’alimentazione grassa hanno mostrato un aumento di peso e nocivi cambiamenti nel metabolismo glucidico e lipidico.

Molto interessante, però, l’effetto dei mirtilli, che hanno diminuito gli effetti infiammatori. Si è trovato che vi era un’alterazione nel profilo delle citochine e una riduzione dell’infiammazione provocata dalle cellule T del sistema immunitario. I mirtilli hanno anche impedito l’aumento delle pressione sanguigna causata dall’alta percentuale di grassi nella dieta. Insomma, in questi giorni consumate questo importante frutto di bosco. E per il cenone di Capodanno mettete in tavola delle ciotoline, magari condite con qualche lacrima di limone. I ricercatori hanno infatti commentato:

(continua a leggere su http://www.dietaland.com/mirtilli-peso-forma-pranzi-feste/30308/)

Il Succo di Pompelmo Fa Dimagrire e Riduce i Livelli di Glucosio nel Sangue

ridurre livelli di glucosio nel sangue e dimagrire con il pompelmoLa frutta e la verdura sono due alimenti che non devono mai mancare sulle nostre tavole.
È vero però che non tutti i frutti sono uguali. Se siete quindi interessati a non ingrassare, a digerire bene senza accumulare calorie, soprattutto dopo avere mangiato cibi un po’impegnativi, bevete il succo di pompelmo. Perché? Garantisce un minore accumulo di calorie e mantiene basso il glucosio nel sangue.

A sostenere questa tesi sono i ricercatori della University of California, Berkeley, che hanno testato questa sostanza su quattro gruppi di cavie. Nel primo caso, ai topolini hanno somministrato cibi ipercalorici e succo di pompelmo dolcificato con saccarina o glucosio, il secondo gruppo seguiva la stessa dieta ma beveva acqua dolcificata allo stesso modo, mentre il terzo gruppo fungeva da controllo e beveva solo acqua semplice.

Manca un ultimo gruppo di cavie, cui è stata data della metformina, un farmaco indicato per abbassare i livelli di glucosio ed è usato per il trattamento del diabete alimentare. Quali sono stati i risultati? I topolini che bevevano succo di pompelmo sono ingrassati il 18 percento in meno e hanno dimostrato di avere il miglior livello di glucosio nel sangue, così come quello di insulina e trigliceridi. I topi che hanno bevuto l’acqua dolcificata sono ingrassati, invece.

(Leggi l’articolo completo su http://www.dietaland.com/succo-pompelmo-dimagrire-riduce-glucosio-sangue/29974/)

Tenere lontana l’Ansia con la Contemplazione

Negli stati di meditazione il cervello attiva sostanze che cambiano l’atmosfera mentale e tengono lontana l’ansia e molti altri disagi interiori

come eliminare ansiaNella nostra cultura la meditazione (o “contemplazione”, come è stata chiamata per secoli in ambito più religioso) è spesso vista come qualcosa di arduo e complicato, riservato a menti superiori, ai santi o ai filosofi .
Ci immaginiamo siano necessari grandi sforzi mentali per raggiungere chissà quali vette di estasi, e questo può spaventarci. In Oriente invece – dove è pratica comune, ad esempio nello yoga o nel tai-chi – è vista in modo molto più semplice: in quelle culture non c’è gran differenza tra una pausa di contemplazione e la normale ginnastica del mattino. Sono pratiche salutari, nulla di meno e nulla di più: come il corpo si giova di una moderata attività sportiva, così la mente diventa più efficiente e resta giovane a lungo grazie alla contemplazione.

Cambia il tuo sguardo sulle cose

I malesseri interiori, l’ansia, la depressione, la disistima, le difficoltà relazionali causate da rabbia repressa o da gelosia e anche molti disturbi come ad esempio insonnia o cefalea, dipendono per lo più dalla mentalità in cui siamo calati, dagli obblighi e dai modelli mentali che ci imponiamo, insomma dal modo in cui trattiamo noi stessi: chi non ha un buon rapporto con se stesso finisce presto o tardi per sviluppare qualche disagio. Ecco il vero scopo della contemplazione: non è elevarsi, diventare migliori, più puri, più perfetti, più profondi o chissà cosa. Lo scopo è invece cambiare lo sguardo sulle cose e di conseguenza l’atmosfera mentale. La contemplazione allarga il tuo sguardo così da vedere ogni cosa, anche la più piccola, da un punto di vista diverso, più ampio, infinito.

(Continua a leggere su http://www.riza.it/psicologia/ansia/4509/la-contemplazione-tiene-lontana-l-ansia.html)

Eliminare Stress e Fame Nervosa con la Schisandra

È una pianta originaria della Cina e della Russia che ti rilassa e ti ricarica di energia vitale, vincendo anche la fame nervosa.

proprietà schisandraNota per le sue proprietà simili al ginseng, la schisandra non ha i suoi effetti collaterali. È quindi una pianta sicura, sempre fatta eccezione per una eventuale sensibilità individuale, che può essere utile a chi desidera dimagrire. Inoltre, la schisandra aumenta la resistenza allo stress, riequilibra il grado di acidità dell’apparato gastrodigerente (uno dei primi bersagli dello stress ), stimola il sistema nervoso centrale migliorando i riflessi e la resistenza psicofisica, aumenta il livello di energia vitale e contribuisce alla rigenerazione del fegato.

Aiuta anche a perdere peso
I principi attivi della schisandra consentono di vincere la fame nervosa, tipica di chi è stressato e “spilucca” tutto il giorno perché si sente stanco e privo di energie. Anche chi ha accumulato chili nel corso degli anni a causa di un consumo frequente di alimenti dannosi per il fegato, come fritti, fast food e cibi grassi e/o troppo salati o dolci in genere, alcolici può trarre beneficio dal suo impiego regolare, perché gli estratti di schisandra depurano e rigenerano le cellule della ghiandola epatica e attenuano la dipendenza dal cibo “spazzatura”. Poiché è un buon riequilibratore della pressione sanguigna, la schisandra è consentita anche a chi è affetto da sindrome metabolica (sovrappeso accompagnato da ipertensione, glicemia, trigliceridi e colesterolo alti). Ed è anche un buon rimedio antiossidante!

(Continua a leggere su http://www.riza.it/dieta-e-salute/cibo/4495/via-stress-e-fame-nervosa-con-la-schisandra.html)

Tisana allo Zenzero, Depurativa e Dimagrante

tisana dimagrante purificante zenzeroLo zenzero è una pianta appartenente alla famiglia delle Zingiberaceae (la stessa della curcuma) originaria dell’India. La parte che si utilizza è la radice, soprattutto in cucina, ma lo zenzero è molto di più che una semplice spezia per condire le pietanze. Vediamo insieme quali sono le sue proprietà e come preparare la tisana depurativa.

Proprietà dello zenzero
Lo zenzero è ricco di principi attivi che gli conferiscono importanti proprietà digestive, oltre che antiemetiche (previene il senso di vomito). Non è caso che sia consigliato proprio come rimedio naturale in caso di cattiva digestione e nausea. È utile anche contro le coliche e la diarrea. Sembra inoltre, che svolga un’azione dimagrante poiché accelera il metabolismo e consente di bruciare i grassi introdotti con la dieta più velocemente. Se assunto prima dei pasti principali ha anche un effetto saziante. Lo zenzero è anche un ottimo depurativo e drenante poiché combatte la stagnazione dei liquidi stimolando il sistema linfatico ad espellere le tossine. Per questo motivo è un buon alleato per chi vuole perdere peso.

Tisana depurativa allo zenzero
Per preparare la tisana tagliate 4-5 fettine di zenzero fresco (eliminate la parte esterna). Nel frattempo portate ad ebollizione l’equivalente di 1 tazza di acqua (250 ml). Spegnete e filtrate. Oltre alla tisana, potete masticare anche dei pezzetti di radice 1-2 volte al giorno.

(Continua a leggere su http://www.dietaland.com/tisana-zenzero-depurativa-dimagrante/30260/)

Col Karkadè Addio agli Sbalzi di Pressione

Questa bevanda rossa ottenuta dai fiori di ibisco stimola la diuresi e fluidifica il sangue: con un’azione preventiva contro ictus e patologie coronariche.

ridurre sbalzi di pressione con karkadèIl karkadè, è una bevanda molto diffusa soprattutto nei Paesi caldi. Si prepara con i fiori dell`Hibiscus ed è noto anche con il nome di “tè rosso” d’Abissinia (in effetti si prepara proprio come il tè), tè Nubiano, Acetosa Giamaicana…L’Hibiscus è un fiore molto rinfrescante e dissetante (si può consumare sia caldo che freddo) e per questo, nei lunghi viaggi, oltre a berlo, gli africani sono abituati a tenere in bocca e a succhiare una corolla essiccata. Ma non è tutto: il karkadè è un rimedio ideale per chi soffre di ipertensione; grazie ai polifenoli che contiene, da un lato stimola la diuresi e favorisce l’eliminazione di tossine e sostanze in accumulo, dall’altro fluidifica il sangue, garantendo un migliore funzionamento dell’intero sistema cardiocircolatorio.

La scienza ne conferma le grandi qualità
Un recente studio della Tuft University di Boston afferma che bevendo regolarmente tre tazze al giorno di karkadè per sei settimane, si riduce la pressione sistolica media del 7,2%. In particolare, nei soggetti con alti valori di ipertensione, la riduzione è arrivata al 13,2%. Le proprietà dell’infuso di ibisco appaiono quindi importantissime, soprattutto tenendo conto che la diminuzione della pressione sistolica è associata alla diminuzione del rischio di mortalità per ictus dell`8% e per patologie coronariche del 5%. Il karkadè non ha effetti collaterali ed è anche una bevanda diuretica e digestiva, ha proprietà antisettiche per le vie urinarie, regolarizza la funzione del fegato, è antinfiammatoria e ricca di vitamine. Evitate solo di abusarne in gravidanza e durante l’allattamento.

(Continua a leggere su http://www.riza.it/benessere/erbe-e-fitoterapia/4507/col-karkade-addio-agli-sbalzi-di-pressione.html)

Dieta per Prevenire Ictus

dieta per prevenire ictusSalute e dieta camminano sugli stessi binari, ormai è cosa nota. Una malattia grave e purtroppo in aumento come l’ictus può essere prevenuta con una vita sana e magari facendo particolare attenzione all’alimentazione. Come sempre prevenire è meglio che curare, per usare un vecchio slogan pubblicitario. A sostenerlo sono le nuove linee guida dell’American Heart Association (AHA) e dell’American Stroke Association (ASA).

Quali sono i cibi che non devono mancare? Per ridurre il rischio di ictus, bisogna fare il pieno di frutta, verdura, cereali integrali e frutta secca, soprattutto le noci. Inoltre, bisogna impostare la propria dieta seguendo lo schema di quella mediterranea o della dash, considerate in assoluto le più salutari. James Meschia, autore principale dello studio, Professore e Primario di Neurologia presso la Mayo Clinic di Jacksonville, in Florida, ha così commentato:

Abbiamo una grande opportunità per migliorare le modalità di prevenire nuovi ictus perché i fattori di rischio che possono essere modificati o controllati, in particolare l’alta pressione sanguigna, rappresentano il 90 per cento degli ictus.

(Leggi l’articolo completo su http://www.dietaland.com/prevenire-ictus-dieta/30088/)

Dieta Depurativa dei 3 Giorni

dieta depurativa di tre giorniPuò capitare che l’organismo non riesca a smaltire l’eccessivo accumulo di tossine dovuto all’assunzione di cibi raffinati, ricchi di grassi e poveri di vitamine e Sali minerali.  Depurarsi, quindi, diventa essenziale, evitando il consumo regolare di cibo spazzatura e privilegiando il consumo di cereali integrali, aumentando il consumo di frutta e verdura, riducendo l’assunzione di carne rossa, salumi e formaggi e degli alcolici.

1° GIORNO
Colazione:
Tè verde, 3 gallette di mais con 3 cucchiaini di marmellata di limone o arancia amara.
Spuntino:
1 ciotola di frutti di bosco.
Pranzo:
150 g di insalata belga saltata in padella con 2 cucchiaini di olio di oliva extravergine; 80 g di riso integrale. Fatelo tostare in una casseruola con 2 cucchiaini di olio di oliva extravergine, aggiungete poco alla volta del brodo vegetale in cui avrete sciolto mezza bustina di zafferano e portate a cottura.
Merenda:
1 fetta di ananas fresco
Cena:
150 g di al vapore; 200 g di finocchi saltati in padella con 2 cucchiaini di olio di oliva extravergine e 3 gallette di riso oppure di mais.

2° GIORNO
Colazione:
Tè verde, 3 gallette di riso con 3 cucchiaini di miele.
Spuntino:
1 pera
Pranzo:
150 g di germogli saltati in padella con 2 cucchiaini di olio di oliva extravergine; 80 g di orzo cotto in casseruola con 2 cucchiaini di olio di oliva extravergine e 2 zucchine tagliate a tocchetti.
Merenda:
1 budino di soia.
Cena:
120 g di pollo alla griglia; 200 g di carote saltate in padella con 2 cucchiaini di olio di oliva extravergine e 3 gallette di mais.

(Continua a leggere su http://www.dietaland.com/dieta-depurativa-3-giorni-menu/30274/

BUONE FESTE DA FAI DA TE CONSIGLI !!!

Buon Natale e Buon Anno !