Lo Zenzero

Lo Zenzero è parente stretto delle orchidee, è originario dell’Asia meridionale, ha l’aspetto di una canna con grossi rizomi orizzontali tuberosi, molto aromatici e dal profumo canforato, con sentore di Limone e di Citronella.

Lo Zenzero è un energico stimolante per la presenza di un olio essenziale di color giallino, dalla composizione molto complessa; la sostanza più importante è chiamata gingerolo e proprio questa dà il sapore intenso alla droga che è rappresentata proprio dal rizoma e che, per il suo profumo pungente e per il gradevole sapore piccantino, viene usato in cucina per aromatizzare e insaporire i cibi e oggi è usato anche in Europa, in focacce, biscotti, crackers, tè aromatizzati, ma anche per condire gli spaghetti, semplicemente riscaldando leggermente un po’ d’olio extravergine di oliva e versandoci lo Zenzero grattugiato e uno spicchietto di aglio, ma è usato anche in liquoreria come correttivo e per bibite dissetanti, e nella produzione della frutta candita e di confetture e anche nell’industria della birra, specie nei paesi anglosassoni. Non per niente viene definito il pepe dei pasticceri.

Lo Zenzero è usato anche come rimedio medicamentoso per svariati disturbi. Viene considerato una spezia “calda”, che stimola la circolazione, rilassa i vasi sanguigni periferici. Efficace contro la dispepsia: esso infatti è capace di agire efficacemente su tutto l’apparato digerente, nei casi di inappetenza o di digestione lenta e laboriosa, E’ la più importante erba digestiva, per rimettere in sesto lo stomaco, specie se si soffre di nausea mattutina o se si è afflitti da problemi intestinali flatulenza, meteorismo e gonfiore intestinale per le sue proprietà carminative. Lo zenzero è un antinfiammatorio generale molto efficace al riguardo Ma esso si è dimostrato efficace anche contro il mal d’auto, la nausea e il vomito in gravidanza, e come antispasmodico. attenua i sintomi delle malattie da raffreddamento, un impacco caldo di zenzero è utile in caso di artrite, di dolori muscolari, in caso di strappi, distorsioni, mal di schiena, e altre lesioni, l’infuso tiepido è efficace nell’alleviare il dolore provocato da piccole ustioni ed eruzioni cutanee determinerebbero conseguentemente un miglioramento della sintomatologia emicranica. Presenta una spiccata attività anti-ossidante aiuta ad abbassare il colesterolo. La radice polverizzata in infusione o miscelata al miele contiene molecole antistaminiche e sostanze narcotiche naturali che diminuiscono la percezione del dolore. Ne basta mezzo cucchiaino al giorno. Ha una azione stimolante degli organi sessuali. La sua attività antinfiammatoria viene sfruttata anche per preparare colliri che hanno una grande capacità decongestionante, utile in moltissimi casi di infiammazione oculare, ad esempio in caso di allergia, di blefarite, o semplicemente per lavaggi oculari rinfrescanti e igienizzanti. Infine è da sottolineare il suo potere dinamizzante ed energizzante, in tutte le condizioni di debolezza ed esaurimento fisico.

Gradevole è anche il gusto dell’infuso che può essere assunto in qualsiasi momento durante l’arco della giornata divenendo l’occasione per una piacevole pausa accompagnata da una bevanda calda.

Sarebbe meglio non consumare lo zenzero fresco a stomaco vuoto. E attenzione che a dosaggi eccessivi può provocare eruzioni esantematiche. Cautela in gravidanza e comunque per le donne incinte è più sicuro lo zenzero fresco. Prestare attenzione anche nei sofferenti di gastriti e ulcera peptica. Lo zenzero puo’ prolungare il tempo di sanguinamento e non va utilizzata in caso di litiasi biliare. Puo’ interferire con una concomitante terapia anticoagulante, antidiabetica, cardiologica e con l’acido acetil-salicilico., Non usare in presenza di calcolosi biliare.

Trova altresì impiego come componente di cosmetici e profumi che hanno fragranze dal tono maschile o orientaleggiante.

Alcuni consigliano di conservare il rizoma, immerso in un barattolo pieno di sabbia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *