I semi di sesamo

Il sesamo è caratterizzato da un elevato contenuto di proteine (18,7%), grassi (53,5%) e carboidrati (15,6%), elementi che conferiscono a questo seme un potere calorico di tutto rispetto (595 kcal). Anche la dotazione di sali minerali risulta superiore alla media degli altri semi oleosi, grazie al contenuto record di calcio (815 mg), fosforo (477 mg), magnesio (815 mg) e ferro (20,1 mg). Assai interessante appare anche la dotazione di vitamina B1 (0,92 mg), B2 (0,47 mg) e PP (6,9 mg). Unico inconveniente di questo prezioso seme oleoso è rappresentato dalla presenza di sesamolo, una sostanza potenzialmente cancerogena che forma durante il processo di tostatura. Per ridurre al minimo la sua presenza è però sufficiente effettuate una tostatura assai leggera, in modo da evitare la formazione di sostanze tossiche. Insieme alle mandorle, i semi di girasole costituiscono il frutto oleoso dotato di minore potere calorico (557 kcal), grazie al bassissimo tenore di grassi (45,6 %), inferiore a quello di qualsiasi altro seme oleoso. Utile come ricostituente in caso di fisico debilitato o convalescente, rafforza il sistema immunitario e stimola il sistema nervoso. Oltre il 25% dei semi è composto da proteine di ottima qualità e da aminoacidi essenziali, prima fra tutti la metionina, difficile da trovare i altri vegetali. In più apporta zinco che rafforza il sistema immunitario e difende dalle infezioni ma anche il selenio che ostacola la formazione dei radicali liberi. Senza dimenticare alcuni importanti sali minerali, cioè il potassio, che aiuta a mantenere l’equilibrio idrico e a evitare i cali di pressione (soprattutto in estate), e il magnesio, un eccellente riequilibratore dell’umore. Ma tra i pregi nutrizionali maggiori dei semi di sesamo c’è la ricchezza di calcio un sale minerale indispensabile per rafforzare le ossa e prevenire l’osteoporosi. Solitamente, per recuperarlo si punta sul consumo di latte formaggi, senza sapere che anche il sesamo ne è ricchissimo : 30 gr. apportano circa 300 mg di calcio contro i 120 gr. di un’analoga quantità di mozzarella e i 185 gr. Presenti in due palline di gelato di fior di latte. E, soprattutto sono un valido sostituto dei latticini in tutti i casi di allergie e intolleranze al latte. Hai qualche dubbio che facciano ingrassare? In effetti il 69 % circa dei semi di sesamo è costituito da lipidi, ma si tratta i gran parte di acidi grassi insaturi di tipo omega 6 e omega 3, preziosi per abbassare il colesterolo e difendere dalle malattie cardiocircolatorie. Un recente studio giapponese ha poi isolato una sostanza, il sesaminolo dotata di spiccate virtù antiossidanti e capace di prevenire i tumori. Ottimo ricostituente e per le piastrine del sangue e l’emoglobina; utile per la milza, sistema nervoso, muscoli, pelle, ustioni. I semi e l’olio di Sesamo hanno proprietà eccezionali: l’uso come integratore nell’alimentazione dei bambini, dà risultati eccezionali, soprattutto nei casi in cui la crescita è inferiore alla norma (il sesamo e tutti gli altri semi oleosi si possono introdurre nell’alimentazione del bambino dopo il secondo anno di vita). I semi di Sesamo sono una fonte primaria di fattori vitali per adulti ma sopra tutto per i piccoli; essi contengono fattori di crescita, calcio, fosforo, disinfiammanti, tranquillanti, acido linoleico e linolenico, vitamine B, E, T e D, istamina; di fatto è una “pillola” vitaminica e minerale (come tanti altri semi) per la crescita ed il mantenimento della perfetta salute. Questo seme contiene la vitamina T e si è riscontrato che il complesso vitaminico T aumenta le piastrine ematiche. Venti gocce di olio di Sesamo assunte ogni giorno raddoppiano il numero delle piastrine in un periodo di 3/4 settimane. I semi di Sesamo inoltre sono una fonte notevole di proteine. Nelle malattie della pelle, come la porpora emorragica, vi sono notevoli migliorie e spesso la guarigione completa; è utile anche nelle terapie del sistema nervoso (calmante e tonificante, ricco degli elementi vitali per avere nervi saldi) e della milza, nelle ustioni e nei casi di congelamento; promuove una rapida cicatrizzazione. Riequilibra le funzioni dell’organismo: in caso di mal di testa, nausea, vomito, dolori mestruali, disturbi gastrici e intestinali e per aumentare la secrezione del latte materno, si consiglia di mangiare ogni giorno 5-10 mg di semi di Sesamo non tostati. Infine la sesamina tutela il fegato dai danni derivanti da ossidazione. Il sesamo e tutti gli altri semi oleosi si possono introdurre nell’alimentazione del bambino dopo il secondo anno di vita.

Con i semi di sesamo si può preparare una valida alternativa al sale, il gomasio, tradizionalmente usato in Giappone per aromatizzare zuppe, minestre, pasta, riso e condire le insalate. Per fare il gomasio occorrono solo due ingredienti: sale grezzo (marino, integrale) e semi di sesamo. Si mescolano 7 parti di semi di sesamo (7 cucchiai)  con 1 parte di sale (1 cucchiaio). Una volta spianati su carta da forno su una teglia, tostateli in forno a 100 gradi per 15 minuti e si lasciate a raffreddare. Se preferite, si possono tostare anche facendoli saltare in padella. Poi si macina il tutto, fino ad ottenere una polvere a grana grossa e oleosa. Conservate in frigorifero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *