La zucca

La zucca appartiene alla grande famiglia delle Cucurbitacee, e si distingue in diverse varietè per forma e colore.

Le zucche più diffuse sono:

• Cucurbita maxima (zucca dolce): è la zucca per eccellenza, di grandi dimensioni, presenta una polpa di colore giallo-arancio farinosa e dolciastra.

• Cucurbita moschata: è la zucca di forma allungata, cilindrica e ringonfia all’estremità. Di medie dimesioni, è di colore verde scuro o arancione ed ha polpa dolce e tenera.

La polpa di zucca è ipocalorica (solo 15 calorie ogni 100 grammi!) grazie alla presenza al suo interno di un’alta concentrazione di acqua (94%) e una bassissima percentuale di zuccheri semplici. Grazie al suo sapore dolciastro è ideale anche per l’alimentazione dei bambini, soprattutto se abbinata a pasta o riso. Fornendo un basso apporto di calorie, un centrifugato arancione è perciò leggero ed è allo stesso tempo un concentrato di salute.

Tra i nutrienti che apporta alla nostra dieta ci sono aminoacidi, acido oleico, palmitico e silicico. E’ ricca di vitamine A, B e C e di betacarotene; contiene inoltre minerali come il ferro, il potassio, il fosforo, il calcio. Ha proprietà antidiabetiche e antipertensive. In più contiene un’alta quantità di fibre, preziose per la salute dell’intestino, ma è anche un alimento che migliora i sintomi dei reumatismi, ha potere diuretico, agisce positivamente sull’artrite. Il betacarotene presente nella zucca ha proprietà preventive nei confronti dell’insorgere di diverse patologie; da non sottovalutare i benefici che derivano dalla sua capacità di contrastare i radicali liberi, sostanze altamente pericolose per il nostro organismo. Ma il betacarotene ha anche altre proprietà: protegge il sistema circolatorio, è antinfiammatorio e, grazie alle sue proprietà antiossidanti, rappresenta un ottimo alleato nel rallentare l’invecchiamento delle cellule del corpo umano.

Oltre a queste proprietà, aggiungiamo i benefici che essa apporta all’organismo per quanto riguarda il rilassamento, gli effetti diuretici e quelli sedativi. Fin dai tempi più antichi alla zucca si sono attribuite proprietà calmanti, indicata per chi soffre di ansia, nervosismo ed insonnia. La zucca è indicata nella prevenzione dei tumori e per mantenere un corretto equilibrio idrico dell’organismo e delle mucose.

Rimedi a base di zucca!

La polpa di zucca, schiacciata e ridottta in poltiglia, può essere usata come lenitivo in caso di infiammazioni cutanee, mentre per attenuare il dolore di scottature superficiali si puo’ invece applicare sulla piaga la buccia ben lavata. Anche i semi sono preziosi: aiutano ad alleviare gli effetti della febbre, rafforzano il cervello, contengono preziosi minerali e acidi grassi essenziali. Hanno anche potere depurativo, specialmente sui reni. I semi sono utili per prevenire e sostenere la terapia contro le disfunzioni a livello delle vie urinarie. Sono inoltre un sicuro aiuto contro la tenia. Aggiunto al latte o al succo di frutta, l’estratto di zucca è indicato nel controllo delle nausee mattutine, dei disturbi gastrici e prostatici. La zucca aiuta a prevenire le rughe, distende la pelle, combatte i radicali liberi e, grazie alla presenza di fibre, aiuta nella regolazione delle funzioni intestinali.

La zucca intera può essere conservata a lungo in luogo fresco, buio e asciutto. La tradizione vuole che debba essere comunque consumata entro carnevale. Una volta aperta deve essere conservata in frigorifero nello scomparto della frutta e verdura, ben coperta, ed essere consumata entro 1-2 giorni. Se invece la si vuole conservare nel congelatore, si dovrà limare la buccia, tagliare la zucca a dadini e “sbollentarla” un po’, prima di congelarla.

Come si apre? Lavare la zucca in superficie con acqua fresca. Rimuovere il picciolo e tagliarla a metà. Con un cucchiaio togliere i semi interni e i filamenti. Tagliarla a spicchi, quindi togliere la buccia. A questo punto è possibile procere alla cottura.

La zucca in cosmesi

Con la polpa della zucca si può preparare un’ottima maschera di bellezza, in grado di restituire tonicità e lucentezza alla pelle del viso. Schiacciare una fettina di zucca cruda e un pugnetto di semi, mescolare il tutto con un po’ di miele, applicare l’impasto sul viso e lasciarlo in posa per qualche minuto: quasi miracolosamente tutti i tipi di pelle, specialmente quella grassa con i punti neri, risulteranno più puliti e levigati.

La zucca utilizzata come contenitore

In Africa gli abitanti del luogo sono soliti fabbricare con le zucche cave, delle pipe ad acqua, dove il fumo prodotto dal piccolo braciere viene “indirizzato” tramite un cilindro di legno, nell’acqua contenuta in una zucca dopo aver praticato un foro nella parte superiore di essa, dal quale viene aspirato il fumo filtrato. Alcune varietà di zucche appartenenti alla specie Cucurbita Lagenaria, quando raggiungono la piena maturazione, hanno una buccia durissima e anticamente erano coltivate nelle campagne con il preciso scopo di ricavarne contenitori, borracce per vino o acqua, e perfino imbuti. Per questo motivo la Zucca Lagenaria viene anche detta “Zucca da vino”, poiché dopo essere stata essiccata, al suo interno presenta una cavità che può essere utilizzata per conservare o per trasportare queste bevande o altri liquidi. Le zucche più piccole, invece, dopo essere state essiccate e spaccate a metà, vengono utilizzate come cucchiaio o mestolo.

La zucca in cucina

Con la zucca si può veramente cucinare un pasto intero, dall’antipasto (tortini di zucca), al primo piatto, (i famosi tortelli di zucca) al contorno (è molto indicata ad esempio per accompagnare la carne di maiale), fino al dolce, dove viene utilizzata per la “tipica” torta americana molto nota con il nome di “pumpkin pie”. Il modo più “classico”per gustarla è di tagliarla a fette abbastanza spesse e sbollentarla nel forno al naturale, per poi condirla con una noce di burro e un po’ di sale.

Vellutata alla zucca (per 4 persone) Ingredienti: mezzo chilo di zucca; un dado per brodo vegetale; 20 gr. di burro; 1 cucchiaio di farina 00; crostini di pane tostato; parmigiano reggiano grattugiato Preparazione: pulire la zucca, tagliarla a pezzi e metterli in un tegame ben coperti d’acqua fredda. Dopo aver raggiunto l’ebollizione aggiungere un dado e portare a cottura a fuoco dolce e a tegame coperto per circa un’ora. Fare sciogliere il burro al quale andrà aggiunto il cucchiaio di farina. Lasciar tostare pochi istanti sul fuoco mescolando continuamente. Passare al passa-verdure la zucca cotta, riportarla sul fuoco aggiungere il mix di burro e farina mescolando con una frusta per qualche minuto, fino ad addensare il composto. Regolare di sale, se necessario. Servire nelle fondine con parmigiano reggiano grattugiato e crostini di pane tostato.

Farfalle ai fiori di zucca (per 4 persone) Ingredienti: 350 gr. di pasta formato farfalle; 200 gr. di fiori di zucca; una piccola cipolla; una bustina di zafferano; un cucchiaio di basilico tritato; grana padano grattugiato; olio extravergine d’oliva; sale; pepe. Preparazione: pulire i fiori di zucca eliminando i pistilli e le corolle esterne, poi passarli velocemente sotto il getto d’acqua e farli sgocciolare. Tritare finemente la cipolla e farla appassire in 3 cucchiaiate d’olio poi unire i fiori di zucca suddivisi in falde e cuocerli a fuoco basso per cinque minuti. Diluire lo zafferano in poca acqua calda e versarlo nel tegame. Profumare con il basilico tritato, quindi salare e pepare e lasciare sul fuoco ancora pochi minuti. Nel frattempo scolare la pasta, lessata in acqua bollente salata, poi condirla col sugo preparato e condire con del grana grattugiato.

Pumpkin Pie per Halloween (ricetta classica americana) Ingredienti: 250 gr di farina 00; 1 cucchiaio di zucchero; una punta di lievito; 180 gr di burro a temperatura ambiente spezzettato; 80 ml di acqua ghiacciata; 1 bustina di vanillina. Preparazione: mettere la farina, lo zucchero ed il lievito nel robot da cucina ed azionare, aggiungere il burro e poi l’acqua con la vaniglia mentre il motore sta girando. Togliete l’impasto mettetelo nella pellicola e fatelo riposare per 30 minuti in frigorifero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *