Il basilico

Il basilico oltre ad essere utilizzato in cucina per il suo gradevolissimo aroma anche per le sue proprietà terapeutiche.

E’ un ottimo tonificante per il sistema cardiovascolare ed adatto per le persone che soffrono di ipertensione arteriosa.

Ha inoltre proprietà digestive, disinfettante, antispasmodiche, carminative, antisettiche, combatte l’alitosi, disturbi gastrointestinali e delle vie urinarie, le emicranie e la stanchezza in generale, è stimolante ed eccitante.

E’ un ottimo defaticante sia a livello nervoso che muscolare.

Ha proprietà che agiscono sul sistema nervoso ed è molto utile in casi di ansia, esaurimento, astenia ed è utile in caso di insonnia.

Aumenta la produzione di latte, facilita le mestruazioni e diminuisce i dolori uterini.

Si raccomanda però di non assumerne in eccesso perché troppe quantità possono portare ad effetti narcotici o ad irritazioni delle mucose se utilizzato per uso esterno 

Il basilico viene anche impiegato come sostanza stimolante dell’apparato intestinale, in quanto, le sue proprietà facilitano la digestione e favoriscono l’appetito,

 Il basilico contiene grassi, proteine, fibre, zuccheri e naturalmente acqua; presenti i seguenti minerali: calcio, sodio, manganese rame, potassio, fosforo, ferro, magnesio e zinco.

Buona la presenza di vitamine, A, B (niacina, tiamina, riboflavina), vitamina C (acido ascorbico) e vitamina  E.

In ultimo sottolineiamo l’abbondante presenza di amminoacidi come il Triptofano, la Lisina, la Leucina, l’Acido aspartico, l’Acido glutamminico, l’Alanina, l’Arginina e altri ancora.

Le foglie e le sommità fiorite del basilico contengono olii essenziali, saponina e tannino, che hanno proprietà toniche, stimolanti ed eccitanti, già conosciute da Plinio il Vecchio. Il basilico è ricco di olio essenziale (ocimene, linalolo, estragolo, eugenolo, cineolo), tannini, glicosidi della quercitina.

Il contenuto di eugenolo, linalolo e  metilcavicolo lo rende un antimicrobico ideale nelle terapie antinfiammatorie compreso il mal di gola, nei casi di influenze accompagnate da complicanze di origine batterica.

 Sembra inoltre accertato il suo potere nella cura dei dolori reumatici.

Infuso: porre una manciata di piante essiccate in un litro d’acqua bollente. Lasciar riposare per 15 minuti, quindi berne tre bicchieri al giorno dopo i pasti per favorire la digestione, lenire i crampi dello stomaco ed evitare le fermentazioni, per il raffreddore, l’influenza, il mal di testa, la nausea, i crampi addominali, il nervosismo, la depressione.

Decotto: bollire per 5 minuti in un litro d’acqua una manciata di piante essiccate alleviano il mal di gola.

Unito all’acqua del bagno tonifica e profuma la pelle oltre che lasciare un gradevole profumo. L’acqua distillata al basilico è usata come tonico per la pelle e per massaggi anticellulite.

Le foglie fresche usate come impacchi calmano le irritazioni cutanee.

Ha anche capacità afrodisiache.

Polvere: ridurre in polvere finissima le seguenti piante in parti uguali: foglie e sommità fiorite di basilico, di menta piperita o di qualsiasi altra menta e origano. Annusata come il tabacco, la polvere lenisce il raffreddore e la sinusite.

Dolori reumatici e articolari. Preparate un decotto facendo bollire per 10 minuti10 foglie di basilico in una tazza abbondante di acquea. Filtrate, fate intiepidire e bagnate delle bende con il liquido ottenuto per fare degli impacchi sulle zone doloranti. Se il problema riguarda in particolare le ginocchia, mescolate in una ciotola di porcellana (non di metallo) il decotto di basilico con 1 o 2 cucchiai di argilla verde. Mettete una garza sul ginocchio e ricopritela con l’impasto lasciandolo agire fino a quando non sarà  secco.

Per attenuare le ragadi del seno. Mescolate 4 /5 gocce di olio essenziale di basilico a 100 g della vostra abituale crema idratante. Applicate sul seno dopo aver allattato.

Contro afte e stomatiti. Bagnate un cotton fioc con qualche goccia di olio essenziale e fate delle spennellature

Contro il mal di denti, frullate 4-5 foglie di basilico con 1 cucchiaio di olio di oliva battuto e spennellate la parte dolorante 3-4 volte al giorno.

Fiorisce anche in vaso, trasformandosi in pianta ornamentale su finestre e balconi e assolvendo la duplice funzione di fornire preziosi aromi in cucina e tenere lontane le zanzare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *