Vitamina K

Con il termine vitamina K si indica una serie di composti derivati dalla molecola 2-metil-1,4-naftochinone tra cui la vitamina K1, sintetizzata dalle piante verdi e la vitamina K2, prodotta nel tratto intestinale dalla flora intestinale. Caratterizzata da proprietà antiemorragiche, la vitamina K (liposolubile) è utile per la coagulazione del sangue.

La vitamina K è contenuta in natura negli ortaggi a foglia verde (spinaci, lattuga, broccoli, cavolfiore, cavoletti di Bruxelles) e, in quantità inferiori, nei cereali, nella carne e nei latticini.

Non sono state definite quantità minime giornaliere raccomandate di vitamina K: si ritiene però che l’apporto ottimale debba aggirarsi intorno a 1 microgrammo per ogni kg di peso corporeo, normalmente fornito da una dieta mista. La vitamina K è in condizioni normali sintetizzata dalla flora intestinale: per questo motivo non se ne riscontrano facilmente stati di carenza, che si verificano invece in seguito alla somministrazione di farmaci che interferiscono con l’azione dei batteri intestinali (antibiotici, sulfamidici) o in situazioni di inadeguato assorbimento intestinale (ad esempio per mancanza di bile).

In ogni caso, una carenza di vitamina K dà luogo a una coagulazione anormale che può manifestarsi con epistassi, ematuria (presenza di sangue nelle urine), sanguinamento dello stomaco. Navigazione Home Page Vitamine Vitamine Idrosolubili Vitamine Liposolubili Sali Minerali Ricerca

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *