I rimedi naturali per le allergie di primavera

Peggiorano con cibi sbagliati e stress; le allergie sono da affrontare subito con interventi preventivi e curativi tutti al naturale

Come difendersi dalle allergie primaverili

Negli ultimi anni si è osservato un notevole aumento delle pollinosi, cioè le forme allergiche dovute ai pollini precoci (che si manifestano nei periodi di gennaio-aprile) e di quelle da specie erbacee a fioritura estiva (come la paritaria e l’ambrosia). Se si è fortunati, i sintomi si possono limitare a starnuti, occhi che lacrimano, naso che cola, prurito al naso e occhi; ma spesso purtroppo il fenomeno si esprime con asma, congiuntiviti o fastidiose dermatiti che limitano molto di più la vita attiva e sociale delle persone.

Utile quindi sapere che esistono dei rimedi naturali che possono apportare grandi benefici a questo tipo di disturbi, essendo capaci sia di alleviare i sintomi, sia di evitare in alcuni casi le crisi allergiche.

Allarme allergie: le precauzioni fondamentali

Allergie e alimentazione

Dopo aver mangiato frutta o verdura avverti gonfiore e prurito alle labbra e alla bocca? Questo fatto è dovuto alla presenza nei cibi di allergeni comuni tra i pollini. Devi pertanto, per precauzione, evitare l’assunzione di cibi sospettati di dare reazione crociata con i pollini che scatenano l’allergia.

Allergie e stile di vita

Molti comportamenti quotidiani possono “spianare la strada” al manifestarsi delle allergie: cerchiamo di limitare lo stress a lavoro, evitiamo di fumare, curiamo l’alimentazione, moderando il consumo dei cibi raffinati e ricchi di grassi, e non sottovalutiamo mai l’importanza dell’igiene personale.

Allergie e inquinamento

Tra i fattori che concorrono a scatenare l’episodio allergico, ci sono anche l’esposizione a inquinanti ambientali esterni e interni. In particolare, è bene fare attenzione all’inquinamento causato dall’uso di combustibili fossili utilizzati per il riscaldamento.

I rimedi omeopatici contro le allergie

Sono due i rimedi naturali per prevenire gli attacchi e alzare le difese dell’organismo.

– I vaccini “dolci”- Prendere 10 gocce di Vincetoxium e 10 di Sulphur, in preparazione omotossicologica, in poca acqua zuccherata, 3 volte al giorno. Sotto i due anni di età, la dose è ridotta della metà.

– Il tonico generale – Bere 50 gocce di Ribes nigrum in macerato glicerico I Dh, da sciogliersi in poca acqua al mattino prima di colazione. Per i bimbi (al di sotto dei 2 anni), il dosaggio è di 5-10 gocce, in poca acqua zuccherata o diluite in poco succo di frutta, una volta al giorno. (fonte www.riza.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *