Il potassio contenuto nella frutta e verdura puo’ prevenire gli infarti

E’ primavera, sbocciano i fiori e sboccia anche l’uso di integratori.

A farla da padrone sono quelli di potassio e magnesio utilizzati molto anche dalle persone anziane.

Il potassio è importante per regolare il ritmo cardiaco, condurre gli impulsi nervosi e per la contrazione muscolare.

Ma come sempre l’ottima natura viene incontro alle esigenze degli umani e così una revisione italiana di 11 studi che hanno visto la partecipazione di 247mila persone per 19 anni, ha evidenziato che le persone che consumano cibi ricchi di potassio potrebbero avere minor rischio di infarto.

La particolarità interessante è che si parla di cibi che contengono potassio, non della sua integrazione chimica.

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of the american college of cardiology e il gruppo di studio di Lanfranco D’Elia, della facoltà di Medicina dell’Università di Napoli, invece ha potuto collegare l’aumento di 1640 mg nell’introito giornaliero di potassio ad una riduzione del 21% del rischio d’infarto.

Anche se il potassio potrebbe non essere l’unico fattore benefico, i dati raccolti vanno nella direzione di un maggior apporto nelle persone sane.

Via libera, senza essere una novità, a cibi freschi, frutta, verdura non sottoposti a trattamenti tecnologici di conservazione che sono fonti privilegiate di potassio. (fonte ilserpentedigaleno.blogosfere.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *