Monthly Archives: giugno 2011

Calcio e Vitamina D contro il Melanoma

È uno degli argomenti, il melanoma, che in estate acquista sempre maggiore eco per via dell’esposizione al sole e del fantasma del cancro alla pelle che ci terrorizza. Una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Journal of Clinical Oncology ha stabilito che integrando le quantità giornaliere di calcio e vitamina D si può raggiungere addirittura il 57% di rischio in meno di soffrire di melanoma.

La principale via di prevenzione tuttavia rimane sempre l’esposizione limitata nel tempo e con le adeguate protezioni che non ci si stancherà mai di ripetere sono essenziali non tanto per evitare le scottature quanto per prevenire problemi ben più gravi e a lungo termine. I raggi UV infatti sono considerati il principale responsabile dell’insorgere di cancro alla pelle.

La ricerca ha analizzato in particolare la pelle delle donne, superando addirittura le 35000 partecipanti allo studio. La metà di esse ha assunto integratori specifici di calcio e vitamina, le altre delle pillole placebo. I risultati sono stati positivi, perché l’assunzione di calcio e vitamina D ha ridotto effettivamente l’incidenza del cancro alla pelle in uno dei gruppi a rischio, cioè le donne che avevano già sofferto di carcinoma. (fonte www.benessereblog.it)

Fragole, Elisir di lunga Vita

Buone, afrodisiache e, a quanto pare, anche molto sane, almeno per chi non è allergico. Sono le fragole, frutto rosso per eccellenza che oltre ad fresco, idratante e poco calorico – è un toccasana per la nostra salute grazie al suo alto contenuto di antiossidanti e  flavonoidi, che aiutano a prevenire malattie gravi, come cancro, diabete e patologie coronariche e malattie dell’invecchiamento.

Secondo un esperimento effettuato su 12 volontari sani da un team di ricercatori delle Università Politecnica delle Marche e di Granada (Spagna), se si mangia mezzo kg di fragole al giorno (che corrispondono a due coppe da macedonia abbondanti) si riesce a combattere l’azione dei radicali liberi e si mantiene l’organismo in salute e giovane.

Abbiamo dimostrato che alcune varietà di fragole eritrociti – ha detto Maurizio Battino, autore dello studio – rendono più resistenti allo stress ossidativo. Questo fatto potrebbe essere di grande importanza se si tiene conto che il fenomeno può portare a gravi malattie“.

Insomma, per una volta un cibo buono e apprezzato da tutti è anche sano! Via libera quindi a macedonie, gelati a base di fragola, marmellate e composte, topping e salse a base di fragole, meglio ancora se coltivate nel nostro giardino. (fonte greenme.it)

Frullato di Uva e Melone

Il frullato di uva e melone è un ottimo integratore per l’estate, ricca di frutti rinfrescanti e gustosi proprio come il melone e la prima uva bianca. Un eccezionale mix in grado di eliminare le scorie e di ricaricare le energie.

Il melone o cocomero, come dir si voglia, è un frutto ricco di acqua e di vitamine, A (sotto forma di carotenoidi), C, preziose alleate della nostra pelle, perché rallentano i processi di invecchiamento cellulare, e aiutano a drenare le tossine, la causa numero 1 della tanto temuta cellulite. Il melone, inoltre, è una miniera di sali minerali quali potassio, ferro e manganese, particolarmente utili in questo periodo dell’anno, quando a causa dell’eccessiva calura siamo a rischio disidratazione. E’ un frutto indicato anche per chi è a dieta, visto il suo bassissimo apporto calorico (33 calorie per 100 grammi di polpa).

Anche l’uva è una buona fonte di potassio, calcio, con un buon contenuto di vitamine. Questo frutto è ricco di zuccheri, soprattutto fruttosio e glucosio, perciò è sconsigliato per i soggetti diabetici e per chi è a dieta va mangiata con moderazione. L’uva è estremamente digeribile, e svolge anche un’azione diuretica, in modo particolare quella bianca. E’ inutile dire che è ricca di antiossidanti, ed è molto rinfrescante.

Dopo aver eliminato i semi, centrifugate 200 g di uva bianca di provenienza biologica. Mettete nel mixer 200 g di melone maturo a dadini, aggiungete il succo d’uva e frullate il tutto finché non ottenete un composto schiumoso. Servite freddo e gustalo per tutto il mese 2 volte al giorno, lontano dai pasti.

Inoltre, se aggiungete al frullato di uva e melone, 20-30 gocce di tintura madre di meliloto, che potete facilmente acquistare in erboristeria, favorirete la digestione. Questa pianta dai fiori gialli, infatti, è un buon tonico digestivo e placa anche la cefalea e l’insonnia. (fonte www.dietaland.com)

La Frutta a Pranzo e a Cena per difendersi dal Caldo

La frutta, assunta a pranzo e a cena, consente di difendersi dal caldo di questa stagione appena iniziata. Infatti, l’eccessiva calura provoca surriscaldamento e di conseguenza sudorazione, che si può aggravare e sfociare in disidratazione. Per evitare una perdita di liquidi esagerata, con tutte le conseguenze che ne derivano occorre aiutarsi anche con l’alimentazione, oltre che prendere una serie di precauzioni.

La frutta, come alimento principale dell’alimentazione, aiuta a prevenire i disturbi causati dal caldo. La maggior parte degli italiani (circa 20 milioni) assume la frutta, regolarmente, sia a pranzo che a cena. Questa semplicissima regola è stata suggerita e sottolineata anche dalla Coldiretti nel decalogo del ministero della Salute. Anche l’associazione afferma che mangiare frutta e cibi freschi, contenenti acqua, vitamine, e sali minerali, aiuta a combattere l’eccessiva sudorazione.
 
Mentre, in questa stagione, è necessario evitare gli alimenti pesanti, come i fritti, i grassi, quelli troppo conditi e salati, le bevande alcoliche, e ghiacciate, e anche il caffè. Per quanto riguarda le bibite gassate e fredde, l’attenzione è d’obbligo per prevenire problemi alla digestione e all’apparato digerente. Insomma con semplici precauzioni ci si può difendere dal caldo, dall’eccessiva sudorazione e quindi dalla disidratazione. (fonte www.tantasalute.it)

La Frutta Essiccata efficace per combattere le Malattie del Metabolismo

La frutta essiccata è efficace per combattere le malattie del metabolismo. A dimostrarlo sono stati i risultati di alcuni studi condotti presso diverse università. Il consumo di frutta essiccata dovrebbe essere particolarmente raccomandato in vista del nostro benessere. In maniera specifica i frutti mangiati secchi sono utili contro le infiammazioni.

In termini di rapporto fra dieta e salute la frutta e la verdura possono essere considerate veri salva-vita. D’altronde in tema di alimentazione sono noti i benefici della frutta di stagione. A questi possiamo affiancare le proprietà della frutta essiccata, che riesce a fornire al nostro organismo fibre, potassio, composti fenolici, vitamine e minerali.
 
La frutta essiccata non ha un elevato indice glicemico e i polifenoli riescono a proteggere dalle malattie cardiache. In sostanza frutta e verdura per sentirci bene e per migliorare la qualità della nostra vita. (fonte www.tantasalute.it)

Un estratto di Cannella contro l’Alzheimer

Un nuovo studio ha rivelato che la cannella ha tutte le carte in regola per prevenire l’Alzheimer, malattia cronica e degenerativa che in Italia registra più di 800.000 casi, con un incremento di circa 80 mila casi ogni anno. Un team di ricercatori dell’Università di Tel Aviv (TAU) ha infatti scoperto che un estratto della corteccia di questa pianta può bloccare la progressione del temuto morbo.

La sostanza in questione si chiama CEppt ed inibisce la formazione di fibrille e amiloidi polipeptidici oligomerici tossici, che generalmente si depositano nel cervello delle persone affette da questa malattia. I risultati della ricerca hanno indicato che questo estratto potrebbe non solo essere utile nella prevenzione dell’Alzheimer, ma anche nella cura dopo che le molecole di questo morbo si sono già formate.

Il Professor Michael Ovadia in merito ha dichiarato:

“Questa scoperta è davvero promettente. Ci sono infatti aziende che producono inibitori di AD sintetici mentre il nostro estratto non è una droga con effetti collaterali ma una sostanza naturale completamente sicura che gli uomini consumano già da millenni”. (fonte www.benessereblog.it)

Alimentazione Sana e tanto Sport

Seguono un’alimentazione sana e fanno tanto sport. Sono i 50enni di nuova generazione, belli e con un fisico asciutto. Ne conoscete qualcuno? Vi basta sfogliare qualche rivista per soffermarvi sul bellissimo George Clooney, il presidente Barack Obama, ma anche due presentatori televisivi come Paolo Bonolis e Maria De Filippi. Un’indagine condotta da una società assicuratrice inglese ha verificato che il 70% degli over 50 fa più esercizio fisico rispetto alla gioventù.

Questa fascia di popolazione fa la dieta migliore, si muove di più e ciò dipende anche dal fatto che ha più tempo libero a disposizione. Il 70% afferma di prestare più attenzione al regime alimentare. Quindi più frutta e verdura e molti meno ‘take-away’ di quanto faceva nei decenni passati.
 
Pensate che negli anni 80′, alla domanda se si mangiavano le cinque porzioni di frutta e verdura consigliate, solo un quinto avrebbe risposto positivamente. Mentre oggi quel numero è salito al 75%. Inoltre il 25% ha affermato che l’esercizio fisico costituisce una parte importante della propria vita sociale. Ciò sta a indicare che c’è davvero una speranza per tutti.
 
I signori che hanno partecipato al sondaggio fanno sport in media quattro volte a settimana. Soprattutto camminate, nuoto, ciclismo e lezioni di fitness. Il mezzo secolo è un passaggio psicologico importante e probabilmente questa sensazione “di tempo che scappa” invoglia a vivere meglio gli ultimi anni. (fonte dieta.pourfemme.it)

Le virtù dell’Ananas, Disintossica, brucia i Grassi, ottimo per combattere la Cellulite

L’ananas è un alimento dimagrante, ma non solo: gli acidi organici che contiene hanno un’azione diuretica e depurativa e prevengono ristagni e ritenzione idrica. Nell’ananas è contenuta una preziosa sostanza, la bromelina, un enzima che facilita la digestione delle proteine, ha proprietà antinfiammatorie e antiedematose, migliora la circolazione e il trofismo cutaneo ed è un ottimo rimedio per combattere la cellulite. Così come gli agrumi, anche l’ananas è un alimento alcalinizzante: riduce quindi il livello acido del nostro pH, (causato spesso da alimentazione scorretta e sbilanciata), ripristinando l’equilibrio acido basico e prevenendo le infiammazioni, prima causa di malattie.

L’ananas è composto per l’86 per cento di acqua, che ha azione diuretica e depurativa; il 10 per cento è costituito da carboidrati, zuccheri della frutta dagli effetti benefici e il 4 per cento da vitamine (A e C del gruppo B, minerali (iodio, manganese, potassio, calcio), acidi organici e niente grassi.

Sebbene il consumo di frutta sia consigliato lontano dai pasti, l’ananas, grazie alle sue proprietà digestive, è consigliato anche a metà o dopo un pasto abbondante. Grazie alla sua azione brucia grassi l’ananas è ottimo abbinato a piatti elaborati e proteici. L’associazione prosciutto crudo e ananas è azzeccata così come è raccomandato usare il frutto a tocchetti per accompagnare stufati di carne (un abbinamento usuale nei paesi caldi). Ottimo anche negli spiedini, appena dorati, con un pizzico di cannella. Bene al naturale come fuori pasto e dessert. (fonte www.mondobenessereblog.com)

Tutti i benefici delle Fragole

Buone sono buone, ma fanno anche molto bene alla salute! Sono le fragole, frutto delizioso, bello da vedere, amato da grandi e piccini, perfetto da consumare così com’è o come ingrediente di dolci, gelati, confetture, macedonie e… chi più ne ha, più ne metta. Mangiare tante fragole, allergie individuali a parte, è un vero toccasana, perché questa frutta contiene tanti antiossidanti e flavonoidi che aiutano a prevenire malattie importanti dell’invecchiamento come diabete, cancro, patologie coronariche.

Uno studio condotto su 12 volontari sani da un team di ricercatori delle Università Politecnica delle Marche e di Granada (Spagna), ha scoperto che mangiando mezzo kg di fragole al giorno si combatte efficacemente l’azione dei radicali liberi e si mantiene l’organismo sano, giovane e in forma. Benefici non da poco.
 
“Abbiamo dimostrato che alcune varietà di fragole eritrociti – ha spiegato il dott. Maurizio Battino, autore dello studio – rendono più resistenti allo stress ossidativo. Questo fatto potrebbe essere di grande importanza se si tiene conto che il fenomeno può portare a gravi malattie“. Una buona, generosa e golosa porzione di fragole nell’alimentazione di ogni giorno, quindi, leva il medico di torno! (fonte salute.pourfemme.it)

Con la dieta iposodica meno Sale e più Spezie per condire i cibi

Aggiungere sale ai cibi per renderli più saporiti? Niente di più sbagliato per chi vuole un’alimentazione sana ed equilibrata. Oggi vi vogliamo suggerire una dieta iposodica, perfetta per tutti coloro che, per vari motivi, devono limitare l’assunzione di sale. Con che cosa condire allora le nostre pietanze? Prima di tutto le spezie, che aggiungono sapori unici alle nostre ricette, con pochissime calorie. Ricordate che un uso eccessivo del sale è tra le prime cause della ritenzione idrica che porta alla cellulite.

Ma non solo per motivi estetici, limitare il sale è fondamentale anche per la nostra salute: ricordate che una dieta povera di sodio è un rimedio per circa il 30% delle persone che soffrono di ipertensione. Il problema però non è solo il sale che aggiungiamo ai cibi, ma i cibi stessi troppo pieni di sale, come insaccati e condimenti. Giornalmente un adulto dovrebbe assumere fra i 2400 e i 3500 mg di sodio, per chi segue un regime iposodico, le quantità sono decisamente minori: 800 mg al giorno.  (fonte dieta.pourfemme.it)