L’Olio di Nocciola

Unico per purezza e proprietà nutritive, nonostante la sua forma lipidica, l’olio di nocciola è in grado di purificare le pelli grasse e acneiche.

L’olio di nocciola è un olio vegetale, leggero e gradevolmente aromatico, dal colore giallo-ambrato, utilizzato sia a scopi alimentari, per le potenti proprietà antiossidanti e remineralizzanti, che in cosmesi naturale, per l’azione purificante che svolge sulla pelle grasse. Caratterizzato da un sapore delicato e leggermente profumato di nocciola, può essere usato come condimento, nell’alimentazione quotidiana di bambini e anziani e nelle convalescenze; sia come prodotto naturale per la pulizia del viso, come fosse un latte detergente. Si ricava dalla spremitura a freddo, dei frutti del nocciolo, procedimento che permette di mantenere integre tutte le caratteristiche organolettiche.

Olio di nocciola: proprietà e benefici

Uso alimentare: le nocciole come tutti i semi oleosi sono un alimento molto ricco di “grassi buoni”, in grado di abbassare i livelli di colesterolo LDL (colesterolo “cattivo”) e di Trigliceridi. Tra questi spiccano gli omega 6 e gli omega-3 (di solito presenti nel pesce e alghe marine e nei semi di Chia), che aiutano a prevenire l’insorgenza di malattie cardio-vascolari ed abbassano l’eccesso di colesterolo nel sangue.  Digeribili più di ogni altro frutto oleoso, è una delle varietà di frutta secca più ricca di vitamina E, l’antiossidante della pelle per eccellenza. L’olio di nocciola contiene una buona percentuale di flavonoidi, che svolgono un’azione antinfiammatoria, antivirale e contrastano l’insorgenza dei tumori; e di fitosteroli, sostanze ritenute importanti nella cura delle malattie cardiovascolari. Inoltre è un’ottima fonte di selenio (un minerale che previene l’invecchiamento cellulare) di calcio, Vitamine B6, B1, B2 e PP.  

Viso: l’olio di nocciola è indicatissimo per le pelli grasse e che soffrono di foruncoli e acne. Su queste pelli infatti svolge tre benefiche azioni. Azione purificante libera i pori dalle impurità, soprattutto chi vive nelle città soggette a smog o usa il motorino; azione astringente aiuta a richiudere delicatamente i pori; azione riequilibrante capace di regolare la produzione di sebo. Può essere usato perciò come un latte detergente per la pulizia quotidiana del viso e anche come struccante.

Corpo: simile all’olio di mandorle dolci ma capace di essere assorbito più velocemente, è ottimo per elasticizzare la pelle, senza ungere, da solo o mescolato con altri olii vegetali o come veicolante di olii essenziali. Inoltre trova impiego in caso di eritema solare dei bambini e di eczemi molto secchi. Usato puro ha proprietà cicatrizzanti, astringenti, antinfiammatorie

Olio di nocciola: descrizione pianta 

Corylus avellana- Betulaceae

Arbusto di piccole dimensioni, con una chioma densa e globosa, che può andare da 1,5-4 m. di diametro, molto ricca di foglie. Crescendo il nocciolo a fusto unico diventa un piccolo albero, che può raggiungere i 7 m. di altezza. La corteccia è tipica e riconoscibile: sulla sua superficie, infatti sono presenti numerose cellule dalla forma di lenti, attraversate da una fessura, molto evidenti al tatto. Il suo colore è il grigio, che può tendere al bruno o al rosso. Le foglie sono alterne e hanno una forma quasi rotonda, con apice appuntito e margine dentato. Il nocciolo possiede fiori femminili e fiori maschili. Quelli maschili sono lunghi amenti penduli, dal colore bruno, mossi dal vento.

Quando, a inizio primavera, iniziano a liberare il polline, i fiori maschili diventano giallastri. I fiori femminili sono meno evidenti: si tratta di gemme con stigmi rossi, fecondate per via anemofila, cioè con il polline portato dal vento. I frutti del nocciolo sono naturalmente le nocciole: queste si trovano sull’albero già piene alla fine di luglio, ma maturano soltanto per la fine di agosto. Le nocciole vanno raccolte quando cadono dall’albero, perché sono buone solo a maturazione completa. Si formano in gruppi di 2 o 4 frutti. Originaria dell’Asia Minore. In Italia è diffuso in tutte le regioni, dalla pianura fino 1300 m di altitudine. (fonte www.cure-naturali.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *