Daily Archives: giugno 8, 2011

7 cibi Antismog che fanno bene anche alla Linea

Città con concentrazioni sempre più alte di polveri sottili? La risposta migliore per combattere lo smog è a tavola, con i giusti alimenti antiossidanti alternandoli con la regola dei 5 colori. Con un vantaggio in più. Alcuni tipi di frutta e verdura, forniscono i sali minerali necessari per stimolare la diuresi cioè l’eliminazione dell’acqua attraverso l’apparato urinario ed eliminare le tossine. E il vantaggio è tutto per la linea, perché questi alimenti aiutano a sgonfiarsi e a ritrovare la silhouette per affrontare la fatidica prova costume. Cosa aspettate allora a farne il pieno?

Aglio
Ha solo 41 calorie in 100 g, ma dà tanto sapore alle pietanze ed è un ottimo alleato in cucina se si è a dieta. E’una formidabile difesa dell’organismo contro l’influenza, la bronchite, la tosse e perfino alcuni disturbi del fegato. Alcune ricerche scientifiche lo considerano, addirittura, una valida alternativa tutta naturale al Viagra.

Cipolla
La cipolla ha una caratteristica nutrizionale tutta particolare: se si mangia cruda, apporta solo 26 calorie ogni 100 g; se viene bollita, diventa più energetica: 109 calorie. Il motivo? Alle alte temperature, gli zuccheri racchiusi nelle fibre vengono rilasciati in grande quantità . Così l’apporto complessivo di calorie aumenta. I polifenoli che contiene, in particolare la quercetina, la rendono infine molto utile per prevenire e contrastare patologie serie come l’arteriosclerosi.

Cavolo
Indispensabile per prevenire i tumori e rimanere in salute, il cavolo (ma anche broccoli, broccoletti) è composto per il 90% di acqua, che facilita la diuresi e di conseguenza depura l’organismo. Un vero toccasana in vista della primavera per aiutare il fisico a smaltire le tossine e a ritrovare la linea per esser pronti alla prova bikini.

Salmone
E’ molto ricco di Omega 3, acidi grassi che svolgono un’azione preventiva nei confronti delle patologie cardiovascolari (ma non solo). In 100 g, infatti, ce ne sono fino a 4 g. Non solo apporta anche vitamine fondamentali per il nostro organismo: la D (con una porzione di salmone si copre il fabbisogno quotidiano di una persona) e la B3 (utile al sistema nervoso). Per chi fosse vegetariano la migliore fonte di omega3 vegetale sono i semi di CHIA.

Kiwi
Ha pochissime calorie ma tante vitamine come la C e la E, entrambe potenti antiossidanti, formidabili dunque come anti invecchiamento, ma anche come scudo per l’organismo: riducono infatti la durata e i sintomi del raffreddore. Gran parte degli agrumi non sono indicati per chi ha problemi di gastrite o ulcera: il loro succo ha un grado di acidità troppo elevato. Ma per il kiwi è diverso: più dolce e meno acido, non dà controindicazioni allo stomaco.

Mirtilli, ribes, more, lamponi e fragole
Sono cibi “ferma-tempo” per antonomasia: ricchi di vitamine A, B1 e B2, ma soprattutto di vitamina C e di sali minerali, in particolare di potassio, essenziali in una corretta alimentazione. Apportano pochissime calorie. Partiamo da quelli più calorici: le more, con 36 calorie per 100 g, seguono i lamponi con 34 calorie, il ribes apporta 28 calorie contro le 27 delle fragoline. E infine i mirtilli con sole 25 calorie per 100 g.

Mele
Il proverbio dice che mangiarne “una al giorno leva il medico di torno”. E il motivo c’è. E’ un frutto ricco di polifenoli che sono in grado di rallentare l’invecchiamento delle pelle e la formazione di rughe. Non solo. La mela contiene pectina che, una volta nello stomaco e a contatto con i liquidi, forma una massa consistente che dà una sensazione di pienezza. Ecco perché è consigliata da tutti nutrizionisti come un perfetto spuntino “spezzafame” . Le calorie? In media solo 45 per 100 g.

 (fonte staibene.libero.it/)

Ciliegie: un valido aiuto nella lotta contro Insonnia e Invecchiamento della Pelle, ricco di Antiossidanti e Melatonina

Le Ciliegie oltre ad essere buone fanno anche bene alla salute. Non solo perché in quanto frutta contengono vitamine, sali minerali e acqua che favoriscono l’idratazione nella stagione calda e un piacevole spuntino a basso contenuto calorico, ma anche perché pare funzionino anche contro l’insonnia e contro le rughe.

La notizia viene dall’America e si fonda sugli studi condotti a partire dal contenuto delle ciliegie in melatonina – che favorisce il sonno – e antiossidanti – contro l’invecchiamento cellulare. Responsabili di questi effetti positivi le antocianine, contenute in maggiore quantità nella varietà visciole, che insieme alla melatonina rendono questi frutti non solo golosi ma anche utilissimi. (fonte /sanisapori.ejnews.eu)

Succo di Ciliegie: bevanda ricca di Antiossidanti e Vitamine, che consente di Alleviare i Traumi Muscolari da Fatica e Sport

Le Ciliegie aiutano ad alleviare i traumi muscolari negli atleti.

La conferma arriva dai ricercatori dell`Oregon Health & Science University: i “runner” che hanno bevuto succo di ciliegia durante gli allenamenti hanno sentito meno il peso della fatica.

Il test, che ha interessato 60 adulti sani tra i 18 e i 50 anni che hanno ricevuto una dieta a base di succo di ciliegia naturale al 100% due volte al giorno nei sette giorni prima della gara di fondo e nella stessa giornata, ha rilevato che i podisti che hanno bevuto succo di ciliegie sentivano meno le contratture e gli indolenzimenti muscolari del dopo-gara.

Il segreto delle ciliegie, secondo i ricercatori, si trova nelle antocianine, antiossidanti naturali responsabili del caratteristico colore rosso dei frutti – sono contenuti anche in ribes e fragole – e della risposta anti-infiammatoria dei muscoli.

Nel caso di stiramenti muscolari o altri traumi “attualmente gli atleti adoperano la formula <rice> (riposo-ghiaccio-compressione-elevazione) e farmaci non-steroidei – ha spiegato l`autore dello studio Kerry Kuehl -, ma questi ultimi possono avere effetti collaterali che invece non hanno alimenti naturali come il succo di ciliegia”. (fonte sanisapori.ejnews.eu)

I Semi di Sesamo, ottimo Condimento e rimedio Naturale per le disfunzioni Ormonali

Anche i semi di sesamo contengono elevate quantità di fitoestrogeni, sostanze che aiutano a regolare e a riequilibrare le funzioni ormonali, in modo naturale, senza le forzature e i rischi che può comportare una cura con ormoni di sintesi. Ricco di magnesio, di calcio e di fosforo, il sesamo è poi fonte eccezionale di ferro (100 grammi di semi ne contengono ben 20,1 mg). Per migliorarne l’assorbimento, meglio gustare i semi di sesamo insieme alle verdure ricche di vitamina C, come i pomodori e i cavolfiori.

Anche chi è sempre di corsa e vuole qualcosa per tirarsi su, provi i semi di sesamo: grazie all’olio che contengono, ricco di acidi grassi insaturi, sono un ottimo ricostituente muscolare e nervoso. I semi di sesamo non sono buoni soltanto sui panini, ottimo il pane siciliano con i semini sopra, ma anche come condimento per l’insalata o la pasta e sono l’ingrediente base di deliziosi dolci: biscotti, torrone, croccante.

A questo proposito, è da provare la halva: una squisita pasta dolce, energizzante e tonificante, preparata mescolando sesamo macinato e miele. Si può spalmarla sul pane, oppure gustarla a cucchiaini con tè.

Dai semi di sesamo si ricava un olio che ha una composizione particolarmente ricca di acidi grassi del tipo insaturo, quelli “buoni” che esercitano un’azione positiva sul controllo del livello di colesterolo nel sangue. In particolare, è ricco di acido oleico e di acido linoleico, considerato essenziale quest’ultimo perché l’organismo non riesce a sintetizzarlo da solo e deve introdurlo per forza con il cibo.

Poco considerato da noi, i semi di sesamo sono molto usati in Oriente. Un condimento tipico è il tahin, il burro di sesamo, a base di semi tostati e pesati, finemente, perfetto per dare gusto a salse, minestre, brodi e piatti a base di legumi. (fonte www.mondobenessereblog.com)