Daily Archives: giugno 24, 2011

Quinoa, Chicchi di Salute

La quinoa è una delle piante con più proprietà nutritive al mondo. Grazie all’alto contenuto di proteine ed amido è un alimento quasi completo e rappresenta allo stesso tempo sia una valida alternativa ai cereali classici come grano, granoturco e riso, che agli alimenti proteici come carne e latte.

La pianta della quinoa è un’erbacea annuale originaria del Sud America che cresce ad altezze comprese tra i 1.800 e i 5.000 metri e che viene erroneamente considerata un cereale; in realtà la quinoa è strettamente imparentata con la pianta degli spinaci e delle barbabietole e non con la famiglia delle graminacee come il frumento. La Bolivia ed il Perù sono il luogo di origine della quinoa; in questi luoghi la sua coltivazione avviene ancora secondo metodi tradizionali tramandati di generazione in generazione.

La quinoa è una delle piante con più proprietà nutritive al mondo; anche se viene utilizzata come un cereale, a causa del suo contenuto abbondante di amido, tuttavia la quinoa non contiene affatto glutine ed è pertanto indicata nella dieta delle persone con problemi legati alla celiachia.

In natura esistono molte varietà di quinoa, quelle più conosciute sono le varietà bianche, rosse e nere tutte accomunate da un alto potere nutritivo e da un gusto che richiama molto quello delle noci.

Il tempo di cottura della quinoa è molto breve, infatti sono sufficienti circa 20 minuti scarsi per cucinarla.

Essendo un alimento particolarmente ricco di proprietà nutritive, la quinoa è consigliata quale ingrediente nelle diete per bambini, atleti, donne in dolce attesa e persone in stato convalescente.
La quinoa è composta principalmente da: proteine, carboidrati, grassi , fibra alimentare. Presenti anche alcuni minerali tra cui, particolarmente abbondante la presenza di magnesio, il sodio, il fosforo, il ferro e lo zinco. Per quanto riguarda le vitamine presenti alcune del gruppo B, la vitamina C e la vitamina E, quest’ultima molto importante per le sue proprietà antiossidanti.

Nella composizione della quinoa sono presenti due importanti aminoacidi: la lisina, importante per la crescita delle cellule cerebrali, e la metionina, molto importante in quanto è essenziale nell’essere umano e va assunta tramite alimentazione, poiché il nostro organismo non è in grado di sintetizzarla; la metionina svolge un ruolo attivo nella metabolizzazione dell’insulina.

Le proprietà della quinoa ne fanno un alimento idoneo per l’alimentazione moderna e molto utile per quelle persone che si sottopongono a diete dimagranti ed hanno così bisogno di energie e minerali senza dover assumere alimenti che appesantiscono ed ingrassano. Oltre ad avere un buon sapore ed essere molto nutriente, la quinoa è anche in possesso di proprietà salutari; l’abbondanza di magnesio è in grado di prevenire malattie cardiovascolari, aritmie ed ipertensione.
La vitamina E, che sappiamo essere un ottimo antiossidante, ha proprietà protettive nei confronti dell’azione dei radicali liberi e delle cellule del sistema cardiocircolatorio. Lisina e vitamina C, entrambi presenti nella quinoa, svolgono un’azione attiva nel contribuire alla stabilità del tessuto organico.

A conferma delle buone proprietà nutrizionali, ogni 100 grammi di quinoa, abbiamo un apporto calorico pari a 350 calorie. (fonte www.naturaemente.com)

 

Il Sole fissa il Calcio

“Il sole fa bene perché fissa il calcio nelle ossa”. Ce lo siamo sentiti dire chissà quante volte, quando eravamo piccoli. E lo abbiamo ripetuto noi stessi ai nostri figli. Ma quanti di noi possono giurare di sapere con esattezza il significato di queste parole?

Non è un luogo comune
Partiamo da un presupposto: non si tratta certo di un luogo comune, ma di una verità scientifica. D’estate il sole è il migliore alleato del nostro apparato scheletrico, perché ha la grande prerogativa di trasformare la provitamina D in vitamina D, che fissa il calcio e ha un effetto anti-infiammatorio e antireumatico. Ma che cosa significa con precisione “fissare il calcio”? Semplice: gran parte del calcio che assumiamo ogni giorno attraverso il cibo, viene espulso dall’organismo. Ebbene, il procedimento messo in moto dal sole contribuisce a trattenerlo. A tutto vantaggio delle ossa.

Gli altri benefici
Ma le proprietà benefiche dell’esposizione ai raggi solari non finiscono qui. Oltre a quelle per lo scheletro, ci sono quelle per le articolazioni. Per chi soffre di artrosi, ad esempio, prendere il sole può rappresentare un’ottima terapia. Ma è importante che la malattia non sia in fase infiammatoria acuta (riconoscibile, oltre che dal dolore, da un gonfiore della parte e talvolta anche da un po’ di febbre): in questo caso il sole aggraverebbe l’infiammazione. Meglio quindi raffreddare la parte con una borsa del ghiaccio. E il discorso vale anche per i malati di artrite reumatoide.
E i reumatismi? In questo caso il sole giova moltissimo, specie nelle forme più dolorose e molto diffuse come il reumatismo psoriasico (collegato cioè alla malattia della pelle chiamata psoriasi). Il calore dei raggi aiuta ad alleviare il forte dolore eliminando i ristagni di umidità nelle articolazioni. Ma è importante evitare gli sbalzi di temperatura, per esempio immergendosi di colpo in acqua dopo essere stati a lungo sotto il solleone.
I bagni di sole fanno bene anche a chi è reduce da traumi molto gravi, come una frattura: oltre al calcio necessario per una buona ripresa della struttura ossea, stimolano il recupero della piena funzionalità delle articolazioni. (fonte staibene.libero.it)

Anguria e Melone, i Frutti migliori per l’Estate

Con l’arrivo dell’estate, e del caldo, la voglia di anguria e di melone diventa irresistibile. Niente di meglio! Con il sole che picchia, infatti, è facile disidratarsi e questi frutti, ricchi di acqua e vitamine, sono perfetti per reintegrare i liquidi persi.

Superato l’ostacolo della buccia, l’anguria e il melone sono una miniera di sostanze nutritive. L’acqua copre il 90% della polpa, caratteristica che rende questi frutti amici della linea, ma anche i sali minerali e le vitamine A e C sono particolarmente abbondanti.

L’anguria, in particolare, è composta dal 94% di acqua, e in piccolissime quantità anche da proteine e fibre alimentari. E’ un frutto ricco di vitamine A, C, PP, B1, B2 e licopene, che gli conferisce il classico colore rosso. Il licopene è una sostanza antiossidante e come tale aiuta a contrastare i radicali liberi e l’invecchiamento cellulare.

La presenza di sali minerali, come sodio, potassio, ferro, fosforo e calcio, rende l‘anguria particolarmente utile per contrastare il senso di spossatezza tipico del periodo estivo. Grazie all’alto contenuto di acqua, inoltre, ha un potere dissetante e diuretico. Nonostante la sua polpa sia dolce, l’anguria ha un modesto apporto calorico (20 Kcalorie per ogni 100 grammi di polpa), ed è indicata nelle diete dimagranti.

Anche per il melone, l’elemento principale è costituito dall’acqua (90%). Non mancano le proteine, la fibra alimentare, i lipidi, i minerali, soprattutto fosforo e calcio, e le vitamina C, B3 e PP. In piccole percentuali, si trova anche la vitamina A.

Il melone è un frutto molto dissetante, diuretico e ricco di sostanze antiossidanti che aiutano a prevenire lo stress ossidativo. La presenza di betacarotene, inoltre, stimola l’organismo a produrre la melanina. L’apporto calorico è leggermente maggiore rispetto all’anguria. A parità di peso, infatti, porta circa 33 kcalorie. Il melone è un ottimo spuntino, che si presta molto bene anche per dei gustosi frullati spezza fame. (fonte www.dietaland.com)