Daily Archives: luglio 6, 2011

La Dieta Colorata per la Salute

La dieta dei colori, o cromodieta, è perfetta per tutte coloro che vogliono dimagrire in vista dell’estate e preparasi alla prova costume. Una dieta dei 5 colori che, secondo una ricerca condotta dall’Istituto nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, The British Dietetic Association e Deutsche Gesellschaft für Ernährung e.V., scegliere frutti del “colore giusto” aiuta a stimolare il metabolismo. In questo modo potrete anche avere grandi benefici grazie ai loro fitopigmenti.

Vediamo nel dettaglio tutte le proprietà di frutta e verdura, in base al loro colore dominante.
 
Rosso. Pomodori, ciliege, fragole, peperoni, cocomero: ricchi di vitamina C, carotenoidi, antiossidanti come il licopene e antocianine. Aiutano a combattere i radicali liberi e stimolano le funzioni metaboliche dell’organismo.
 
Bianco. Patate, banane, mele, cavolfiori, aglio, cipolle, cereali, legumi, frutta secca: sono tutti ricchi di antoxantine, polifenoli e composti solforati. Ottimi per la circolazione sanguigna, la pressione e contro il colesterolo.
 
Giallo/Arancio. Albicocche, carote, meloni, zucche, pesche: ricchi di vitamine A,B,C, flavonoidi, carotenoidi e beta-carotene. Ecco i frutti che favoriscono l’abbronzatura.
Verde. Tutte le insalate, zucchine, kiwi, peperoni, cetrioli, uva. Ricchi di clorofilla (antiossidante e antianemico), magnesio, carotenoidi e polifenoli.
 
Viola/Blu. Melanzane, radicchio, fichi, prugne, mirtilli. Ricchi di antocianine, antiossidanti e anti age. Aiutano a depurare e stimolano la circolazione sanguigna. (fonte dieta.pourfemme.it)

Frutta e Verdura di Stagione: la spesa di Luglio

Con Luglio l’arcobaleno dei colori che la natura ci offre è davvero al suo massimo splendore. Questo è il mese in cui i pomodori finalmente si lasciano cogliere e ci permettono di godere della loro freschezza e del loro sapore così succoso e fragrante. Ma è anche il mese in cui possiamo dedicarci, magari durante le piacevoli serate, ad una rilassante attività di immagazzinamento e conservazione delle prelibatezze estive, da gustare durante il grigio inverno per farci ricordare gli odori ma soprattutto i gusti dell’orto: melanzane e zucchine sott’olio, marmellate di fragole, ciliegie o di nutrienti albicocche.

E allora cosa ci riserva questo mese così caldo in cui potremo vantarci di aver messo in tavola non solo leggerezza anche tanto gusto?

VERDURA

Lattuga

Raccoglierla dal proprio orticello sul balcone, lavarla delicatamente e finalmente gustarla è  certamente molto più che un semplice piacere, forse addirittura un gradito primo premio.

Fresca e croccante, la lattuga è una delle migliori compagne dell’estate, infatti se mangiata prima dei pasti principali ci da quella gradevole sensazione di sazietà. Priva di grassi ed in tantissime varietà (riccia, romana o cappuccina) la lattuga è però ricca di minerali, fosforo, ferro e vitamine A-C.

Cetrioli

Da mangiare crudi, i cetrioli non solo ci rinfrescano, aiutandoci a digerire magari a fine pasto, ma se consumati come stuzzichino della mattina o del pomeriggio ci nutrono e ci aiutano a non perdere quella linea faticosamente conquistata per la prova costume. Infatti questo ortaggio, tra i più verdi dell’orto estivo, è privo di calorie (solo 13 per 100gr) il che lo rende un ottimo alleato durante le diete con il suo alto contenuto di acqua (96%), basso di carboidrati (2%) ma alto di sali minerali e vitamina C. .

Se addentandolo, il cetriolo scrocchia allora questo significa che è davvero buono. Leggi qui tutti i benefici del cetriolo.

Pomodori

Rossi e tondi come si fa a non tenerli pronti nel frigo per ogni occorrenza? In insalata, da soli conditi con un po’ di olio d’oliva, come condimento cotti o crudi per una vera pasta “alpomodoro” questi ricchi frutti dell’estate sono anche molto preziosi se utilizzati come contenitori per preparare dei succulenti pomodori ripieni con cous cous o con il riso. E che dire di una fresca panzanella con il basilico da gustare al ritorno di una lunga e faticosa giornata al mare? Per non parlare della salsa fatta in casa.

Ricchi di vitamine idrosolubili il loro ingrediente principale è però l’acqua. Privi di calorie, i pomodori hanno un buon contenuto di minerali, sono dunque leggeri rimineralizzanti, dissetanti e per finire disintossicanti.

E ancora nel vostro cesto delle verdure per questo mese potreste mettere:

 FRUTTA

Melone

E voi sapete come scegliere un buon melone? L’unico modo per sapere se sotto la dura scorsa si nasconde il delizioso e dolcissimo frutto o una vera e propria zucca insapore è odorarlo con cura.

Come antipasto o come dessert non può certamente mancare sulle tavolate estive! E se vi accorgete che scegliendolo avete proprio sbagliato, basta addolcirlo con un po’ di zucchero e prepararne delle ottime marmellata che vi aiuteranno ad affrontare meglio, grazie alla ricchezza di vitamina C, il tanto lungo e freddo inverno.

Prugne o susine

Frutto contenente in particolare Vitamina A, B e C la polpa della susina o prugna è famosa per la sue proprietà o meglio per il suo effetto lassativo (soprattutto se consumate a digiuno o prima dei pasti). Molto caloriche, le prugne, rispetto al resto della frutta estiva, infatti bisogna non esagerare ed evitare di farne un’abbuffata. Disponibili secche o sciroppate noi certamente le preferiamo fresche e appena raccolte dall’albero.

Per tutto il mese di Luglio possiamo ancora trovare:

L’Omocisteina

L’omocisteina è una molecola molto aggressiva contro le arterie, più aggressiva del più noto colesterolo. Un suo valore elevato è un importante fattore di rischio per la comparsa di malattie cardiache e vascolari,di aterosclerosi. La omocisteina si forma all’interno dell’organismo umano e deriva dalla metionina: un aminoacido introdotto con le proteine alimentari. Un eccesso di proteine animali apportano alte dosi di metionina,che viene trasformata nel metabolismo cellulare in omocisteina,che a sua volta deve passare a cisteina. Se non avviene questo passaggio, l’omocisteina aumenta progressivamente nel sangue procurando danni sul cuore e sulle pareti arteriose. Per bloccare la azione aggressiva della omocisteina,occorre mangiare alimenti a prevalente origine vegetale,ridurre il cibo di origine animale ( formaggi,carne,salumi,uova). In particolare occorre introdurre con gli alimenti tre vitamine : B6,B12, acido folico. Queste vitamine fanno ridurre il livello tossico di omocisteina. L’acido folico ,come indica il nome,lo si trova in tutte le verdure a foglia verde,da mangiare però crude perché la cottura distrugge l’acido folico. La vitamina B6 è contenuta negli alimenti integrali,pesci,noci e mandorle,mais, orzo e farro integrali, latte,frutta, olio di germe di grano. Questa vitamina è distrutta durante la cottura degli alimenti. La vitamina B12 la si trova pesci, uova,latte e latticini,carne,lieviti alimentari. Per arginare colesterolo e omocisteina occorre mangiare vegetale e possibilmente alimenti crudi che conservano tutte le loro proprietà nutritive.