Tra i Fiori di BACH, il RESCUE REMEDY, il Rimedio Universale di Pronto Soccorso

Ci sono dei momenti nella vita che richiedono un intervento immediato: sostenere situazioni che ci turbano, mantenere il controllo di fronte a cattive notizie, affrontare persone che ci stressano.

Ecco a cosa serve il Rescue Remedy.

 Il 39esimo rimedio tra i fiori di Bach è il Rescue Remedy, messo a punto da Edward Bach stesso, come pronto soccorso universale, per fronteggiare tutte le situazioni di emergenza.

Immaginate lo stato di shock dopo un incidente d’auto o motorino, oppure la paura di perdere il controllo in un momento di forte rabbia o rancore, o ancora il terrore di prendere l’ascensore o l’aereo o affrontare un esame, un colloquio di lavoro. La possibilità di svenire in seguito a brutte notizie: abbandoni, separazioni, lutti, etc.

Si tratta di situazioni che richiedono un intervento immediato, dove non è possibile scegliere con calma i propri rimedi personali.
 Il Rescue Remedy può essere usato con un effetto calmante istantaneo in ogni situazione di stress, o quando si ha bisogno di aiuto se sopraffatti da una varietà di emozioni o ansia.

Rescue Remedy e i 5 fiori di Bach

Il Rescue Remedy include più fiori di Bach, ovvero si tratta di una miscela composta da 5 rimedi floreali, che Bach scelse secondo la segnatura della pianta, in quanto si accorse che in natura i fiori hanno un atteggiamento simile a quello di un essere umano. Vediamo ora come si comportano questi fiori nell’ambiente in cui vivono, per capire il motivo della scelta che fece il padre della floriterapia per creare il rimedio universale di pronto soccorso.

Rock Rose: le sue caratteristiche spine fanno sì che, se una persona entra in contatto con la pianta, rimane come paralizzata dal dolore, specialmente se si ferisce alle gambe, fatto che le impedisce di camminare. Allo stesso modo il fiore serve per gli attacchi di panico paralizzanti, per il tremore esterno e interno, sudorazione, tachicardia e blocco della capacità di reazione in una situazione d’emergenza. Il fiore aiuta chi si lascia travolgere dalle proprie emozioni, quando la paura si trasforma in panico estremo e si resta bloccati, con il fiato corto e il cuore in gola, incapaci di reagire. Nel Rescue Remedy è utilizzato per l’angoscia massima, per fronteggiare uno stato forte e acuto di terrore o la paura scatenata da un evento traumatico (incidente o malattia improvvisa).

Impatiens: è una pianta che assorbe con avidità l’acqua del terreno fino a trasudare dalle foglie quella in eccesso. Come indice della sua costante attività, per tutto il periodo estivo essa porta germogli, fiori e semi nello stesso tempo, senza seguire i tempi delle altre piante. La sua azione nel Rescue Remedy serve a moderare l’impazienza, l’ansia da anticipazione, l’eccessivo impeto, agitazione, frustrazione o irritabilità nei confronti di una situazione, che impone un tempo di attesa.

Clematis: questa pianta rampicante non riesce a radicarsi al suolo perché possiede una radice, molto piccola. Le sue guide pendono e le danno un aspetto galleggiante Allo stesso modo serve alle persone che non riescono a stare con i piedi per terra, la cui mente scivola via dal presente per fantasticare sul futuro o su delle versioni alternative del presente. Nel Rescue Remedy aiuta soprattutto per scongiurare lo svenimento e per alleviare quello stato di confusione e di stordimento che può comparire nelle situazioni di emergenza, quando si vorrebbe fuggire dalla realtà.

Cherry Plum: apparentemente calma, la pianta interiormente sta processando i fiori che nasceranno anzitempo e in maniera compulsiva. Il fiore serve a chi ha paura di impazzire, di agire irrazionalmente, di compiere gesti estremi e inconsulti, anche autolesionisti, dando sfogo a impulsi pericolosi. Non riesce ad arrestare il senso di rumore stridulo dei mille terribili pensieri che gli si affollano in testa in un vero iperlavoro mentale. Ha l’impulso a compiere atti violenti di cui prova orrore. Nel Rescue Remedy aiuta a ritrovare la calma, l’autocontrollo e la capacità di gestire la rabbia e tutti gli stati emotivi che possono condurre alla violenza.

Star of Bethlehem: come l’acido che contiene il suo fiore, se toccato, fa piangere, così il rimedio aiuta a liberare un’emozione repressa o un qualsiasi tipo di trauma. Aiuta chi prova dolore per una pena che arriva all’improvviso (cattiva notizia, perdita di lavoro, malattia, lutto, incidente); per la perdita inconsolabile di persone amate.

Questi traumi possono manifestarsi anche a distanza di tempo sottoforma di apatia, indifferenza, depressione, intorpidimento mentale e spirituale, paralisi dell’anima, blocco mentale ed energetico nel crescere e fare esperienza. Nel Rescue Remedy serve a dare forza interiore nonostante uno shock; il rimedio conferisce pace, tranquillità, in quanto provvede alla risoluzione dei blocchi psicologici conseguenti a traumi.

Il Rescue Remedy e la sua assunzione

Il Rescue Remedy può essere usato da tutti in qualsiasi momento, senza alcuna controindicazione. Il rimedio è valido anche per le piante (quando si rinvasano, si spostano o si trapiantano, oppure anche quando la pianta ha sofferto uno stress termico o di scarsità di acqua); per gli animali (quando hanno subito un trauma, sono impauriti, terrorizzati o prima di un intervento chirurgico).

Questo fiore di Bach per i bambini che hanno paura è molto indicato; stesso discorso vale per bambini che hanno avuto un incubo o abbiano subito qualsiasi cosa abbia alterato il loro stato emotivo, come una caduta, ad esempio.

Come si procede? Si mettono 4 gocce del fiore di Bach Rescue Remedy in un dito d’acqua e lo si sorseggia lentamente. Se non si ha disposizione l’acqua o il bicchiere, si possono assumere 4 gocce del rimedio puro.

Esiste anche una versione in crema che viene normalmente utilizzata per tutti quei problemi di pelle che richiedono un intervento immediato: punture di insetti, contusioni, piccole ferite, sbucciature, piccole scottature, cicatrici. Si applica un leggero strato di crema sulla parte interessata anche più volte al giorno secondo la necessità. (fonte /www.cure-naturali.it/)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *