Nuovi studi confermano le Proprieta’ Anti-Infiammatorie delle Amarene

Ulteriori evidenze scientifiche sui benefici anti-infiammatori delle amarene emergono da sperimentazioni condotte da un team di ricercatori dell’Università del Michigan. Lo studio è stato presentato al meeting annuale “Experimental Biology”. I ricercatori hanno riscontrato non soltanto una generale proprietà anti-infiammatoria delle amarene, ma una diminuzione di fenomeni infiammatori in alcuni organi chiave, come grasso addominale o muscolo cardiaco, noti per la loro correlazione con il rischio di patologia cardiaca nelle persone obese.

I test sperimentali sono stati condotti su topi-cavia, alimentati per 90 giorni con una dieta tipicamente americana, caratterizzata da un elevato apporto di grassi e una moderata quantità di carboidrati. La dieta è stata arricchita con amarene in polvere per un quantitativo pari all’1 per cento dell’alimentazione complessiva.

Il gruppo di cavie alimentate con l’apporto di amarene in polvere ha mostrato una riduzione nei fattori di rischio per le patologie cardiache, inclusi colesterolo, peso corporeo, massa grassa e altri noti segnali di infiammazione.

Se l’infiammazione è il normale processo che l’organismo utilizza per combattere infezioni o ferite, studi recenti dimostrano che uno stato cronico di infiammazione aumenta il rischio di patologie. Il potere anti-infiammatorio delle amarene risulta così un valido alleato per ridurre tale rischio.

La ricerca sperimentale si è estesa anche ad un campione di dieci soggetti umani, tutti sovrappeso od obesi, ai quali sono stati somministrati 23 cc di succo di amarena ogni giorno per un periodo di quattro settimane. Al termine del test si sono manifestate significative riduzioni in diversi segnali di infiammazione cronica, oltre a minori livelli di trigliceridi, altro fattore di rischio per la salute del cuore.

I ricercatori, incoraggiati dai primi risultati, procederanno in ulteriori indagini sul contributo della dieta alle situazioni infiammatorie e al rischio di patologie.

(fonte
www.freshplaza.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *