Mirtilli alleati delle Ossa

I mirtilli, quei deliziosi frutti di bosco dalle particolari sfumature violacee intense, potrebbero rivelarsi alleati della salute più preziosi del previsto: non solo toccasana per la vista, ma anche per le ossa. E’ questa l’evidenza emersa nel corso di una sperimentazione, per ora condotta solo sui topi da un team di esperti a stelle e strisce.

Che la natura riservi sorprese davvero benefiche e che i suoi frutti, molto spesso, siano veri e propri toccasana per la salute di tutto l’organismo è ormai noto, ma che i mirtilli, già conosciuti per le loro proprietà protettive per gli occhi e la vista, fossero anche potenziali alleati delle ossa è una novità. Proprio così, secondo lo studio condotto dai ricercatori dell’Arkansas Children’s Nutrition Center di Little Rock, questi deliziosi frutti favoriscono lo sviluppo e la crescita di un apparato scheletrico più forte e robusto.
 
Ideali protagonisti della dieta di bambini e adolescenti, quindi, per mettere in atto una strategia di prevenzione davvero precoce: consumare mirtilli durante gli anni fondamentali per la crescita dell’organismo e delle ossa, può essere la scelta migliore per scongiurare la comparsa di malattie degenerative dello scheletro, come l’osteoporosi, in età adulta.

Tutto merito, o quasi, dei “soliti” polifenoli, responsabili anche della particolare colorazione dei mirtilli, come dimostra lo studio statunitense, che, nonostante sia solo nelle fasi iniziali, promette davvero bene.
 
La sperimentazione, pubblicata sul Journal of Bone Mineral Research, ha evidenziato una correlazione positiva tra i mirtilli e la massa ossea: le cavie nutrite con una parte di polvere liofilizzata di mirtillo hanno sviluppato ossa più robuste e forti. (fonte www.tantasalute.it/)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>