Daily Archives: luglio 21, 2011

I benefici del Pisolino Pomeridiano

Quanti di voi non possono rinunciare al pisolino pomeridiano e ne sentono la mancanza quando non hanno abbastanza tempo da dedicargli? E quanti invece ritengono che sia solo una perdita di tempo che poi ci rende insonni la notte? In realtà la siesta pomeridiana non è solo un momento di riposo per staccare la spina per quell’oretta, ma offre tanti vantaggi dal punto di vista fisico (e non solo). Aiuta inoltre la digestione che viene favorita dal momento di riposo.

Ci aiuta però soprattutto ad alleviare le tensioni. Recuperiamo le forze prima di affrontare la seconda parte della giornata. A livello cardiaco un po’ di riposo è capace di migliorare la salute cardiovascolare, eliminando lo stress cardiaco. E a livello psicologico? Il senso di liberazione dallo stress e dalla fatica che ci dà il riposo pomeridiano si riflette anche a livello mentale: la mente si rilassa, i riflessi saranno più reattivi, la nostra capacità di concentrazione potenziata. Di conseguenza rendiamo meglio sul lavoro, ritrovando anche qualche ricaduta positiva sul livello dell’umore. (fonte /www.benessereblog.it)

Occhi e Pelle al sicuro con le Zucchine

Gustose, croccanti e ipocaloriche, le zucchine estive sono una miniera di sostanze ricostituenti utilissime per i tessuti della pelle e anche per la vista.

Dall’ortolano si trovano ormai tutto l’anno, ma è soprattutto d’estate che le zucchine e i loro fiori sono più ricchi di proprietà nutritive di pronto utilizzo. Le zucchine, che appartengono alla famiglia delle cucurbitacee (di cui fanno parte anche le zucche, le angurie e i cetrioli) sono una miniera di acqua e di fibre indispensabili per mantenere pulito l’intestino durante il periodo più caldo dell’anno.

Ricche di sali minerali e vitamine e non solo…

Nelle zucchine è altissima la percentuale di sali minerali (tra cui spiccano potassio, ferro e fosforo) e di vitamine, soprattutto la E e quelle del gruppo B. che sono indispensabili per l’efficienza del sistema nervoso e per conservare la salute dei tessuti. Ma le zucchine sono soprattutto una fonte di luteina, un carotenoide che ha effetti curativi sugli occhi, che “arrivano all’estate” stanchi e sono messi a dura prova dalla luce intensa del sole, dall’aggressione del vento, del calore e della salsedine contenuta nell’acqua di mare. Recenti ricerche scientifiche confermano che la luteina non solo svolge un’azione anti-arteriosclerotica e antinfiammatoria, ma protegge anche la retina dalla degenerazione dovuta all’invecchiamento e allo stress.

Per tutte queste proprietà le zucchine si candidano ad essere l’ortaggio jolly da consumare tutti i giorni per tutto agosto.

Non gettate la buccia, è la più preziosa

La parte più preziosa e “curativa” delle zucchine è la buccia, che spesso viene eliminata: tenera e saporita, è un’ottima fonte di acido folico e di carotenoidi (tra cui la luteina) che migliorano l’elasticità cutanea, favoriscono una buona digestione e aiutano anche la funzione visiva.

Per consumare la buccia senza rischi, basta spazzolare bene le zucchine sotto l’acqua corrente e risciacquare gli ortaggi con acqua e al limite bicarbonato.

Ricetta: l’insalata che nutre la retina

Le zucchine e i loro fiori sono ideali mangiati crudi in insalata per fare scorta di vitamine e antiossidanti. Ecco un’insalatona molto saziante, diuretica e leggermente lassativa, perfetta dunque per risolvere il pasto di mezzogiorno in estate.

Ingredienti (per 2 persone)

–  2 zucchine medie (o 4 piccole)

–  8-10 fiori di zucchina

–  2 foglie di basilico

–  una decina di pomodorini Pachino

–  una pera soda

–  un peperone

–  un cipollotto

–  una manciata di germogli di soia

–  olio extravergine d’oliva q.b.

–  semi di sesamo (un cucchiaino)

Preparazione

Lavare, asciugare ed affettare tutte le verdure. I fiori di zucchina vanno privati del pistillo e spezzettati a mano (non col coltello), le zucchine vanno tagliate a fiammiferini con l’apposito attrezzo, la pera va sbucciata e tagliata a tocchetti e lo stesso vale per pomodorini, peperone e cipollotto. Riunire tutte le verdure in due grandi scodelle e condire con olio, semi di sesamo e foglie di basilico spezzettato.

I vantaggi. Grazie alla presenza dei fiori di zucchina (ricchi di betacarotene) e dei germogli di soia, quest’insalata è benefica anche per la pelle. (fonte //www.riza.it)

Pol Henry e la Gemmoterapia: il Potere curativo dei Germogli

Medico omeopata belga, è stato il pioniere di nuove ricerche che concepivano le foreste come “farmacie viventi”, capaci di curare diverse patologie con le virtù delle parti più fragili di alberi e arbusti: le gemme.

Il legame tra gemmoterapia e Pol Henry è così indissolubile, che questo medico omeopata di Bruxelles è considerato, a tutti gli effetti, il padre fondatore di questa medicina naturale. A lui si deve l’ideadi utilizzare i germogli vegetali di alberi e arbusti nella terapia umana. Egli ha elaborato e proposto un metodo terapeutico innovativo fondato sulla corrispondenza pianta/terreno/corpo umano, trovando poi le conferme sul piano farmacologico e clinico. I risultati dei suoi primi lavori apparvero negli Archives Homéopathiques de Normandienel 1959 e oggi ancora la diffusione della gemmoterapia dimostra l’efficacia del suo metodo e dei suoi rimedi.

Questa terapia utilizza i tessuti meristematici (i tessuti embrionali in via di accrescimento) 
di alberi e arbusti. Mentre la fitoterapia classica impiega fiori, foglie, radici e cortecce già formate; la gemmoterapia prepara i suoi rimedi, i gemmoderivati, a partire dai tessuti embrionali, cioè le parti della pianta in via di sviluppo, (gemme e germogli emergenti; semi e amenti; giovani getti di radici e cortecce) conservati in una soluzione di acqua, alcol e glicerina. Per questo motivo i gemmoderivati vengono anche chiamati macerati glicerici o macerati glicerinati (MG).

Se facciamo una camminata nei boschi, possiamo notare che i grandi alberi (querce, faggi, olmi, tigli, betulle, ecc.) vivono formando gruppi (querceti, faggeti ecc.) e intorno a loro si associano arbusti, erbe e piante di altre specie, con cui condividono il suolo, il clima e l’acqua, andando così a formare un particolare ecosistema. Secondo la teoria di Pol Henry una pianta, o gruppi di piante, è in grado di elaborare e arricchire il suolo o degradarlo nella composizione. Analogamente lo stesso effetto si può avere per il “terreno” umano con precise azioni terapeutiche.

Secondo Henry, esiste quindi un’analogia tra il comportamento di un albero, o gruppo di vegetali, che vivono in un determinato ambiente, rispetto alle funzioni svolte su questo ecosistema particolare, e la capacità che la pianta, o il gruppo di piante associate, ha di operare su altri sistemi biologici, in particolare l’uomo. Per cui, la loro simbiosi, o antagonismo, è in grado di modificare il “terreno”, che sia quello su cui vivono o quello appartenente ad altri esseri viventi, trovando corrispondenza con il l’organismo umano e le sue patologie.

La sperimentazione degli effetti dei germogli sulle proteine del sangue umano ha dimostrato che questa corrispondenza aveva un riscontro farmacologico e clinico. Infatti, alle proteine plasmatiche si deve il mantenimento delle specie e la trasmissione dei fattori ereditari. Ogni variazione patologica, secondo la gemmoterapia, corrisponde ad analoghe variazioni vegetali e di terreno. Quindi esiste un parallelismo tra l’evoluzione delle foreste, le modificazioni del terreno che esse provocano, e le alterazioni del terreno biologico nel corpo umano.

A fondamento della gemmoterapia Pol Henry sviluppò, sulla base di queste intuizioni, il modello biologico analogico che utilizza le piante a scopo terapeutico, tenendo conto delle interazioni tra individui di specie diverse, che condividono lo stesso terreno, delle alterazioni che su questo terreno provocano, e della capacità che esse hanno di modificare le quantità di proteine plasmatiche nel nostro organismo: come se nelle proteine plasmatiche fosse conservata l’impronta del terreno che ha contribuito a far crescere la pianta corrispondente.

Inoltre nel confronto fra gemma e tessuto adulto, Pol Henry ha dimostrato che esistono notevoli variazioni qualitative e quantitative in principi attivi, in quanto essi sono particolarmente ricchi in enzimi, vitamine, minerali, oligo-elementi, fattori di crescita, acidi nucleici (RNA e DNA), ormoni vegetali (che scompaiono quando si forma la clorofilla). Quindi l’estrazione dei gemmoderivati apporta tutta l’informazione genetica della pianta (virtù embrionale del meristema) oltre ai principi attivi contenuti nelle diverse parti (frutto, foglia, fiore, stelo, scorza, radice, semi, la linfa), proprie della specie. Questi rimedi combinano quindi le proprietà di tutta la pianta, e per questa ragione per ogni albero o arbusto, il gemmoderivato è più completo in termini di principi attivi rispetto alla sua tintura madre o alla tisana o a qualsiasi altra estrazione, in quanto contiene tutti principi attivi che quella pianta possiede nella sua totalità. (fonte www.cure-naturali.it)