L’Estratto di Mirtillo puo’ rallentare la crescita del Tumore al Seno

L’estratto di mirtillo può rallentare la crescita del tumore al seno. Lo rivela un nuovo studio americano condotto sui topi e pubblicato su The Journal of Nutrition. Secondo i risultati della ricerca, le dimensioni del tumore al seno nei topi di laboratorio si sono ridotte del 60-75% quando nella dieta degli animali è stata aggiunto mirtillo in polvere.

I ricercatori della Division of Tumor Cell Biology presso il Beckman Research Institute di City of Hope (California) hanno effettuato due esperimenti separati.

Nel primo hanno suddiviso i topi in tre gruppi, in base al regime alimentare: una dieta di controllo, una integrata con il 5% di mirtillo in polvere e una dieta integrata con il 10% di mirtillo in polvere.

Dopo due settimane di dieta ai topi sono state iniettate cellule tumorali molto aggressive. Dopo un ulteriore periodo di sei settimane di osservazione, i ricercatori hanno riferito che i gruppi a dieta integrata con il 5 e il 10% di estratto di mirtillo hanno mostrato una riduzione del 75 e del 60% delle dimensioni del tumore al seno, rispetto al gruppo di controllo.

Inoltre, i risultati dell’analisi molecolare hanno rivelato che il consumo di mirtillo è associato ad un’alterazione nell’espressione dei geni legati a infiammazioni, cancro e metastasi, cosa che comporta una riduzione del rischio di sviluppare patologie.

Nel secondo esperimento i ricercatori hanno diviso i topi da laboratorio in due gruppi: uno con dieta di controllo e uno con alimentazione integrata con il 5% di mirtillo in polvere. I risultati hanno dimostrato che, integrando la dieta con il mirtillo, si verifica una diminuzione significativa nella diffusione del tumore e nel diffondersi delle metastasi.

“E’ interessante notare che il volume del tumore si è ridotto maggiormente nella dieta integrata con il 5% di mirtillo in polvere rispetto all’integrazione al 10%, nonostante questa differenza non fosse significativa”, hanno scritto i ricercatori.

Per lo studio completo in inglese vai su jn.nutrition.org/content/early/2011/08/31/jn.111.140178.abstract.

(fonte www.freshplaza.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *