Il Kamut come mangiarlo e perchè

Abbiamo già parlato di kamut, descrivendone alcune virtù nutrizionali e non solo. E’ uno dei pochi cereali ad essere ancora coltivato secondo il metodo dell’agricoltura biologica. E’ molto digeribile ed è molto meglio tollerato rispetto al frumento. Spesso però, pur volendolo utilizzare, non si sa come trattarlo e cuocerlo. Perciò, vediamolo insieme.

Il kamut va messo in ammollo prima della cottura e va lasciato così per almeno 12 ore, perciò bisognerebbe pensarci la sera prima, per cuocerlo il giorno successivo. Poi va cotto con abbondante acqua, fredda, portando ad ebollizione e salando leggermente. Bisognerà far sobollire per almeno 60 minuti.

Non cedendo molto amido, non è adatto a preparazioni legate, tipo risotti ed i suoi chicchi risultano sempre ben separati. Va benissimo invece per le zuppe invernali, assieme ai legumi o a della verdura, per fare il pieno di vitamine e minerali. (fonte www.benessereblog.it)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>