Peperoncino: attenzione alla quantita’

Le proprietà benefiche del peperoncino sono innumerevoli: come antiossidante è considerato una alimento antitumorale; può essere usato come antidolorifico; favorisce la digestione ed aiuta nella cura del raffreddore. Il suo potere antibatterico ed antimicotico evita la fermentazione e la formazione di gas intestinali e di tossine.

Il peperoncino attiva il sistema nervoso simpatico – che aiuta a controllare la maggior parte degli organi interni del corpo – a spendere più energia, quindi il corpo brucia più calorie mangiando lo stesso cibo, grazie all’aggiunta di peperoncino.

Ma perché può anche far male?

“Mangiare peperoncino è associato ad un aumento del tasso metabolico e della termogenesi” dice John Prescott, professore alla Sussex University, ma “la capsaicina, l’ingrediente attivo del peperoncino, causa l’infiammazione del tessuto quindi la mucosa dello stomaco o dell’intestino potrebbero essere danneggiate da una dose eccessiva.” (fonte www.freshplaza.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *