Usa il Porro, la Cipolla “Gentile”

Disinfettante, anti anemico e digestivo, abbassa il colesterolo, irrobustisce le articolazioni e ringiovanisce la pelle: e dissolve la stanchezza d’inverno

Durante l’inverno puntiamo la nostra attenzione sul porro (Allium porrum), un ortaggio appartenente alla famiglia delle Liliaceae e dal gusto molto simile a quello della cipolla, ma più delicato. Si ritiene che provenga dai territori celtici, dove veniva coltivato già tremila anni fa. Lo conoscevano anche gli egizi, dai quali impararono a utilizzarlo i romani (che gli attribuivano, fra l’altro, notevoli virtù afrodisiache), ed ecco come, secolo dopo secolo, il porro è arrivato sulle nostre tavole. Oggi le coltivazioni del porro sono estese in quasi tutt’Europa e la Francia ne è il primo produttore; si trova in commercio tutto l’anno, ma il picco della sua stagione è tra novembre e febbraio.

Uno scrigno di virtù terapeutiche

Il porro è un ortaggio ricco di acqua (più del 90%), poco calorico e quindi da utilizzare spesso se, in questa stagione, volete seguire una dieta detossinante. Inoltre è ricco di vitamina A, vitamina C e discrete quantità di vitamine del gruppo B, oltre a ferro, magnesio e acido fosforico (utili al sistema nervoso), sodio, zolfo e silice (quest’ultima favorisce l’elasticità delle articolazioni e della pelle), manganese, potassio e calcio (toccasana per le ossa). Il porro è inoltre adattissimo per chi soffre di dispepsie, anemie, reumatismi, artrite e per chi ha bisogno di dimagrire; ne raccomando l’impiego se volete migliorare o mantenere la freschezza della pelle del viso, quando si ha necessità di abbassare il livello di colesterolo nel sangue e di stimolare il sistema immunitario e, questo è utile a tutti, per sviluppare un’azione preventiva contro il cancro.

Un’ultima raccomandazione: la parte bianca del fusto del porro contiene fibre molto delicate che possono essere consumate da tutti, mentre la parte verde è più dura: una volta lessata, costituisce un’ottima “zavorra” per favorire il transito intestinale in modo non aggressivo ed è quindi adatto anche agli organismi più sensibili.

In zuppa cura l’insonnia e combatte la stitichezza

Il porro è una vera e propria pianta medicamentosa per uso alimentare. In cucina impiegatelo crudo, per dare sapore ai soffritti al posto della più “invadente” cipolla, come “base” per i risotti o nelle minestre che, consumate a cena, sono un’ottima cura contro l’insonnia: si affettano due piccoli porri a rondelle (si usa anche la parte verde) e si fa sobbollire con qualche dadino di zucca e un po’ di sedano, aggiungendo sul finale una manciata di orzo biologico, utile a chi ha problemi di evacuazione mattutina. Il porro può essere consumato anche crudo in pinzimonio o in insalata, ma attenzione: va tagliato al momento dell’uso, altrimenti si ossida e si scurisce. (fonte www.riza.it)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>