Dieta: Omega 3, toccasana per Cervello e Memoria

Il cervello per rimanere giovane e “scattante” il più a lungo possibile ha bisogno della giusta dose di nutrimento, ma, soprattutto, delle sostanze nutrienti adatte allo scopo. Tra gli ingredienti della ricetta salva cervello e salva memoria che non possono proprio mancare ci sono, sicuramente, gli acidi grassi omega 3. Infatti, da una recente sperimentazione a stelle e strisce è emerso che seguire un regime alimentare povero di omega 3 rischia di accelerare l’invecchiamento cerebrale, di compromettere le capacità cognitive e la memoria.

L’alimentazione giusta può rivelarsi una valida alleata della salute e della funzionalità del cervello e, al contrario, le scelte alimentari sbagliate possono risultare davvero deleterie. Per preservare le capacità cognitive cerebrali, memoria compresa, meglio puntare su un regime alimentare vario ed equilibrato  ricco di acidi grassi insaturi omega 3.

Per assumere i tre grammi giornalieri di Omega 3 raccomandati per il fabbisogno giornaliero, il miglior modo è quello di consumare gli alimenti che li contengono come i cereali, i legumi, in particolare i ceci, la frutta secca, come noci, arachidi, pistacchi o mandorle e l’olio di lino e altri oli vegetali, ma l’alimento vegetale che contiene il più alto tenore di acidi grassi omega 3 sono i semi di CHIA :

La conferma del ruolo fondamentale svolto dagli omega 3 nel mantenimento della “freschezza” e prontezza cerebrale, così come della memoria, arriva da una recente ricerca dell’Università della California di Los Angeles, pubblicata sulle pagine della rivista Neurology. Gli esperti d’oltreoceano hanno esaminato 1575 persone (età media 67 anni), sottoponendole a risonanza magnetica e a test cognitivi.

“Le persone con livelli più bassi di omega-3, inclusi l’acido docosaesaenoico (Dha) e l’acido eicosapentaenoico (Epa), nel sangue hanno un volume cerebrale inferiore equivalente a circa due anni di invecchiamento della struttura cerebrale” ha osservato uno degli autori della ricerca.

(Fonte www.tantasalute.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *