I Miracoli della Frutta

LA FRUTTA VA MANGIATA IN MODO CORRETTO

Tutti pensiamo che mangiare frutta significhi comprarla, sbucciarla, affettarla e portarla alla bocca. Ma non è così semplice e banale. E’ importante sapere come e quando mangiarla. La prima regola è di non mangiarla mai a fine pasto, ma sempre a stomaco vuoto. Se voi imparerete a mangiare tanta frutta, e a farlo nel modo corretto, essa giocherà un ruolo basilare nella detossificazione del vostro sistema corporale, e metterà a vostra disposizione una enorme quantità di energia utile a farvi perdere eventuale sovrappeso e a condurre al meglio tutte le altre migliorie corporali.

NELLA FRUTTA STA IL SEGRETO DELLA BELLEZZA E DELLA SALUTE

TRE GIORNI A SOLA FRUTTA PER UNA BELLA RIPULITA INTERNA

Si può sempre optare per un semidigiuno di 3 giorni a sola frutta per una ripulita del corpo. Basta consumare solo frutta e succo di frutta fresco da mattina a sera, per 3 giorni, e sarete sorpreso dai vostri amici e dai vostri familiari, che si accorgeranno di quanta salute radiante emetta il vostro viso!

QUALI I MIGLIORI FRUTTI? KIWI E MELE SONO QUIALCOSA DI SPECIALE.

Il kiwi è piccolo ma potente e concentrato. Ottima fonte di potassio, magnesio, vitamina-E e fibra. Il suo contenuto di vitamina-C è doppio rispetto all’arancia. Una mela al giorno tiene lontano il medico di torno? E’ verissimo. Sebbene sia bassa in vitamina-C è dotata di antiossidanti e di flavonoidi che, al pari dell’acido ascorbico, abbassano il rischio di cancro al colon e di cardiopatie.

ARANCE E FRAGOLE NON SONO DA MENO

Le fragole sono frutti protettivi, dotate come sono di poteri anti-ossidanti e di azione specifica contro quei radicali liberi che causano intasamenti vascolari e infiammazioni. L’arancia rappresenta quanto di meglio esista. Trattasi di medicina dolce e naturale. Una manciata di arance al giorno azzera raffreddori e riniti, abbassa il colesterolo, previene e dissolve i calcoli renali e annulla il rischio di cancro intestinale.

ANGURIE E MELONI PER DELIZIARCI, PER TRONCARE LA NOSTRA SETE E PER RICOSTITUIRE LA NOSTRA CARICA IMMUNITARIA

L’anguria rappresenta quanto di meglio esista per soddisfare la sete. Composta del 92% di acqua, è anche confezionata dalla natura con una dose gigantesca di glutatione, basilare per dare la carica al sistema immunitario. E’ anche una fonte-chiave di licopene, il maggior anti-ossidante e anti-cancro previsto in natura. All’anguria non mancano ovviamente vitamina-C, potassio e tanta preziosa acqua biologica per ricambiare le nostre acque stagnanti. I meloni sono da considerarsi suoi ottimi e deliziosi cugini. Frutti speciali, rigorosamente non mescolabili ad altri cibi.

GUAVA E PAPAIA MAGGIORI FORNITORI DI VITAMINA-C

Guava e papaia meritano lo scettro per la vitamina-C, essendo di gran lunga i frutti che ne contengono di più. Il guava è anche ricco di fibra vegetale, indispensabile a prevenire fenomeni costipativi. La papaia contiene pure carotene, utile per gli occhi, e la famosa papaina, fantastica per aiutare la digestione.

LATTE DI MAMMA ED EVENTUALI INTEGRAZIONI COI SUCCHI DI FRUTTA

Non credo si debba dare a un bambino alcun cibo oltre al latte della mamma nel primo anno di vita, quando la mamma sia sana, ben nutrita e produca latte sufficiente e di buona qualità. Ma, nei casi che il latte sia insufficiente o non gradito totalmente dal bimbo, le cose cambiano. In tal caso, l’alternanza tra latte di mamma e succo fresco di frutta, ha sempre portato a risultati spettacolari, molto migliori di quelli in cui si è fatto ricorso a integrazioni con latte di altri animali.

Succo fresco di arancia, di pompelmo, di limone, di lime, di ananas, di pera, di susina, di albicocca, di nettarina, di ciliegia, di uva, di melone, di anguria, di carota. Sempre meglio succhi non mescolati tra loro e rigorosamente freschi, senza aggiunta di zucchero o altri dolcificanti.

NESSUNO E’ MIGLIORE DEL SUCCO D’ARANCIA DOLCE.

Il succo d’arancia batte tutti i concorrenti in termini di delizia gustativa, di gradimento e di salute. Contiene cibo pre-digerito dalla natura, per cui viene utilizzato al 100 per cento e a costo assimilativo zero.
Più dolce l’arancia e meglio è.
Ricchissime di calcio organicato e di altri sali alcalini. Indispensabili a contrastare l’acidificazione del corpo. Non esiste nulla di più prezioso e nutriente per un bambino che il succo d’arancia. Ci vuole almeno un bel bicchiere pieno al giorno.

LEVULOSIO O FRUTTOSIO NATURALE, OTTIMO PER TUTTI, INCLUSO I DIABETICI

Succo di frutta fresco significa levulosio o fruttosio. Nulla a che fare con lo zucchero comune saccarosio, che è autentico veleno. Nulla a che fare col fruttosio sintetico, pure negativo per la salute. Il fruttosio naturale sta solo nella frutta fresca e nel miele non cotto, mescolato al glucosio naturale che è suo isomero (costituito dagli stessi elementi-base ma con diverse proprietà chimiche, imputabili a diversità strutturali-molecolari). Il levulosio si forma nell’inversione del saccarosio e per idrolisi dell’inulina (cugina dell’insulina). Ha potere dolcificante superiore a quello del saccarosio. Il fruttosio è indicato per i diabetici, al contrario del saccarosio.

IN TERMINI DI LEVULOSIO, IL MIGLIOR SUCCO E’ QUELLO D’UVA

La migliore fonte di zucchero naturale per i bambini sta decisamente nel succo d’uva fresco. Se manca la frutta i datteri e i fichi sono la seconda fonte di fruttosio naturale. Il succo di fichi e datteri seccati al sole si ottiene mettendoli affettati in una terrina e riempiendola con dell’acqua distillata o comunque leggera. Si copre il tutto con coperchio e si lascia tutta la notte. Il giorno successivo si beve l’acqua dolce, non senza aver prima spremuto i frutti rigonfiati d’acqua. (dal blog di Valdo Vaccaro)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *