Il Dente di Leone per Depurare

Una cura da fare 2 volte l’anno, che stimolerà le cellule del fegato e agirà anche sul sangue.

La cura con il dente di leone, comunissima pianta dai fiori gialli che si trovano in tutti i prati, i cui semi formano i così detti soffioni.

I contadini usavano e usano ancora preparare le foglie bollite in insalata con olio, sale e limone; sono molto amare e come tutte le erbe amare, fanno molto bene a fegato e intestino.

Veniamo adesso alla cura disintossicante da fare bevendo per 15 giorni o più, il succo fresco spremuto dalle foglie, o facendo semplicemente un decotto:

  • Bollire le foglie di tre o quattro piantine in 1 litro di acqua,
  • oppure due manciatine di radici in 1 litro di acqua,
  • quando il liquido si è ridotto, bere tiepido o freddo, 3 volte nella giornata.
  • E’ una cura che può accompagnare con notevole giovamento un trattamento contro la cellulite.

Attenzione, a differenza dai tempi dei nostri nonni, quando era possibile raccogliere tranquillamente le erbe per la salute nei prati, oggi occorre cercare posti lontani dalle strade e lavarle bene prima di utilizzarle.

(Fonte www.alimentazione-benessere.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *