La Dieta del Cuore, i Cibi che migliorano la Salute Cardiovascolare

Il cuore ci tiene in vita. Non è ora di ricambiare adottando una dieta più sana? L’invito arriva dall’American Heart Association, che ci suggerisce come adottare un modello alimentare heart-friendly in cinque semplici mosse.

Tutto sta nel far finire nel carrello i cibi giusti, modificando la nostra spesa e le nostre abitudini a tavola in funzione della salute del cuore.
Ma quali sono i cibi che fanno bene al cuore e come introdurli senza grossi sacrifici nella nostra dieta?
Più che introdurre dobbiamo sostituire, è questa la parola chiave per ogni cambiamento da mantenersi a lungo termine.

Di seguito i cinque passi suggeriti dall’American Heart Association.

  • Aumentare il consumo di frutta e verdura. Se la nostra dieta è sulle 2000 calorie giornaliere, portarlo a 5 porzioni: è la quantità giusta. Fare uno spuntino con una mela piuttosto che con merendine e crackers, ad esempio. Meglio variare, scegliere frutta di stagione e particolarmente appetibile, altrimenti rischiamo di stancarci presto e torneremo ai break ipercalorici, dolci o salati che siano. Via libera ai succhi di frutta ma controllate la dicitura 100% sulla confezione e che non siano presenti zuccheri aggiunti, altrimenti non sono propriamente salutari.
  • Sostituire tutto quello che abbiamo in dispensa con la versione integrale o con la variante light. Pane integrale, pasta integrale, cereali integrali. L’apporto calorico resta più o meno invariato, ma cambia la quantità di grassi saturi e colesterolo cattivo, decisamente inferiore nei cereali integrali. Inoltre, sono ricchi di fibre.
  • Sì agli oli vegetali in cucina impiegati con moderazione, in primis l’olio extravergine d’oliva, da preferire al burro come condimento. In generale bisogna limitare l’utilizzo dei grassi in cucina. Meno olio, meno salsine, meno burro.
  • Per quanto riguarda la carne, dobbiamo preferire le carni bianche, come il pollame, alle rosse. Per garantirci un adeguato apporto di proteine senza ingerire grassi saturi e aumentare i livelli di colesterolo cattivo, gli esperti suggeriscono anche di consumare i fagioli ed il pesce.
  • L’ultima raccomandazione è di controllare le etichette dei prodotti scrupolosamente, evitare di buttare nel carrello qualsiasi cosa, senza aver prima controllato il contenuto di sodio, più o meno elevato, e la percentuale di grassi saturi.

(Fonte www.benessereblog.it)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *