Fragole e Mirtilli: un toccasana per la Memoria delle Donne

Mangiare spesso piccoli frutti può aiutare le donne a rallentare la perdita di memoria correlata all’età. Lo afferma un nuovo studio americano pubblicato sugli Annals of Neurology.

Lo studio è stato condotto da un team di scienziati dello Brigham and Women Hospital e della Harvard Medical School di Boston. In particolare, dalla ricerca è emerso che le donne con un più alto consumo di mirtilli o di fragole hanno mostrato da 1,5 a 2,5 anni di rallentamento nell’invecchiamento cognitivo. Lo studio ha coinvolto 16.000 donne attraverso questionari e interviste telefoniche in un arco di tempo di circa due anni.

“Abbiamo fornito la prima prova epidemiologica che le bacche possono rallentare la progressione del declino cognitivo nelle anziane”, ha spiegato Elizabeth Devore, primo autore dello studio e ricercatrice al Brigham and Women Hospital. Le donne che hanno fatto registrare il più elevato consumo di piccoli frutti hanno mostrato la tendenza ad avere più alti livelli di attività fisica rispetto a coloro che invece hanno mostrato di mangiarne un minor numero. Lo studio ha comunque preso in esame anche fattori come l’istruzione e il fumo.

“Questi risultati possono produrre delle implicazioni potenzialmente molto alte sulla salute pubblica”, ha concluso Devore, “l’assunzione di frutti di bosco, come mirtilli e fragole, rappresenta una modifica abbastanza semplice nella dieta media e quindi potrebbe costituire un test diffuso negli adulti più anziani al fine di verificare l’effettivo mantenimento di migliori performance cognitive”.

(Fonte www.freshplaza.it)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *