La Dieta Mediterranea fa Bene a Corpo e a Mente

dieta mediterraneaLa Dieta Mediterranea dovrebbe essere la regina della tavola, perché propone un regime alimentare molto equilibrato e salutare. Stando a recenti studi, non aiuta solamente il benessere del nostro corpo, ma anche quello della mente. Lo ha dimostrato la ricerca, condotta dalle Università di Las Palmas de Gran Canaria e di Navarra e pubblicata sull’European Journal of Clinical Nutrition, durante cui sono stati monitorati gli effetti della dieta mediterranea su ben 11 mila studenti. I risultati? Davvero sorprendenti.

La Dieta Mediterranea aiuta la mente

Secondo gli esperti spagnoli, la Dieta Mediterranea protegge il cervello da eventuali patologie croniche. Il motivo? Sicuramente le sostanze nutritive e antiossidanti derivanti da frutta, verdura, legumi, pesce, olio d’oliva e noci. Inoltre, limita il consumo di carne, formaggi e alcolici, sostanze che devono essere ridotte se si desidera conservare una buona qualità di vita, prevenendo il colesterolo alto e il diabete. L’autrice della ricerca, Patricia Sanchez Henriquez, ha spiegato: “Il progressivo invecchiamento della popolazione nei paesi sviluppati rende ancora più interessante scoprire quali aree dell’organismo ricevono impulsi positivi da una dieta sana. I nostri risultati hanno dimostrato che dopo quattro anni, i ragazzi che avevano osservato una regolare dieta mediterranea risultavano più sani non soltanto fisicamente ma anche psicologicamente”.

Dieta Mediterranea e sport per prevenire Alzheimer

La Dieta Med previene l’ Alzheimer? Da molti anni si discute su questo tema e ora l’ Istituto Besta ha deciso di dare il via a una nuova sperimentazione per verificarlo. Secondo ricerche precedenti, la normale dieta occidentale favorisce lo sviluppo della malattia, perché contiene troppi carboidrati complessi, zuccheri, e soprattutto grassi, che aumentano l’insorgere dell’obesità. Il Besta, con il Policlinico, Istituto dei Tumori e San Raffaele, desidera provare che seguire alla lettera un regime alimentare di stampo mediterraneo migliora le performance della mente, tenendola lontana da malattie come Alzheimer. Per i primi sei mesi sono state arruolate 20 persone, che saranno divise in due gruppi. Alberto Guglielmo, Presidente del Besta, ha dichiarato: “L’aumento delle malattie neurodegenerative, in crescita esponenziale in rapporto alla crescita delle aspettative di vita e all’invecchiamento della popolazione comporterà sempre di più il doversi misurare con enormi problemi finanziari, organizzativi e sociali, difficilmente sopportabili dalla singola famiglia, dai singoli Istituti di ricerca e dallo Stato”.

In tutto la ricerca coinvolgerà circa 350 persone, in 20 mesi (dovrebbe essere presentata per l’Expo2015) e prende spunto da alcuni studi significativi, come quello di Nikolaos Scarmeas, neurologo della Columbia University, che ha osservato 1.880 persone per un periodo medio di 4,3 anni, arrivando così alla conclusione che fare sport, un’attività fisica moderata, e mangiare Med riduce il rischio di Alzheimer del 50 percento.

(Fonte dieta.pourfemme.it)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>