Succo di Limone e Aronia per Combattere il Morbo di Alzheimer

Aronia melanocarpa

aronia melanocarpa

Secondo i risultati di un nuovo studio spagnolo, il succo di limone e di aronia, grazie alla sua ricchezza in flavonoidi, potrebbe contribuire a curare le malattie neurodegenerative.  I risultati sono stati giudicati dai ricercatori come “molto promettenti” e sono stati pubblicati sulla rivista Food Chemistry.

Il Dr. Amadeo Gironés-Vilaplana e colleghi fanno notare come il sistema colinergico centrale è il sistema neurotrasmettitore più importante per la regolazione delle funzioni cognitive quali la memoria e l’apprendimento. La perdita di neuroni colinergici nel cervello è una delle principali caratteristiche della malattia di Alzheimer, della demenza senile, dell’atassia, del morbo di Parkinson.

Tuttavia, l’uso di farmaci per inibire le colinesterasi – sono enzimi acetilcolinesterasi (AChE) e butirrilcolinesterasi (BuChE) che svolgono un ruolo chiave nella trasmissione colinergica – e curare queste malattie, porta ad effetti collaterali: disturbi gastrointestinali, nausea, vomito e diarrea, oltre a problemi di biodisponibilità.

A tal proposito il Dr. Gironés-Vilaplana, coordinatore della ricerca, ha scritto: “Per questo motivo, numerosi studi sono alla ricerca di inibitori naturali di BuChE ed AChE che mostrino un migliore profilo di sicurezza”. Da qui nasce l’idea della nuova ricerca spagnola di indagare sulla possibilità che i composti del limone e dell’aronia possano avere un ruolo di inibitori naturali.

(Fonte www.freshplaza.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *