Daily Archives: luglio 26, 2012

Come curare l’Ascesso Dentale con Rimedi Naturali

cure naturali ascessoE’ universalmente riconosciuto come il dolore più fastidioso che si possa provare: il mal di denti piega chiunque lo provi, costringendolo a vagare per casa imprecando a mezza bocca mentre l’altra metà è devastata dal gonfiore.
Di sdraiarsi per cercare sollievo nel riposo non se ne parla: stando coricati aumenta il flusso del sangue alla testa e di conseguenza al dente, acuendo il dolore.

Se non ci si vuole imbottire di classici antidolorifici o non si dispone dei rimedi chimico-medici più comuni, per curare l’ascesso dentale in attesa della visita dal dentista esistono alcuni rimedi naturali che aiutano a lenire il dolore e a combattere, in alcuni casi, l’infezione che lo causa.

Vediamoli:

Sale: un granello (grosso) del comune cloruro di sodio poggiato sul dente incriminato ha un’azione antibatterica che aiuta a disinfettare e sfiammare; anche qualche sciacquo localizzato con acqua tiepida e sale+limone può essere di aiuto.

Limone: come il sale, disinfetta e ha un leggero effetto antidolorifico. Si può tagliare una fettina piccola e applicarla sulla gengiva dolorante; va tenuto poco, però, perché l’acido citrico rischia di rovinare lo smalto del dente.

Chiodi di garofano: come già riportato dai colleghi di Gustoblog, i chiodi di garofano non sono soltanto una spezia profumata e aromatizzante; se li possedete in casa, prendetene uno e mettetelo sul dente che duole. È un ottimo anestetico naturale e attenua il dolore con efficacia.

Basilico:  oltre a prepararci il pesto e ad usarlo come arma antietà, preparate un infuso di 3/4 cucchiai di foglie tritate in 100 ml di acqua per fare degli sciacqui localizzati sul dente. È un buon alleato sia per il mal di denti che per le fastidiosissime afte.

Cipolla: non baderete certo all’alito se avete un dente che vi fa vedere le stelle… La cipolla tritata, sia cotta che cruda, è ottima non solo in cucina ma anche per disinfiammare la parte dolente. Si fa un impacco da appoggiare sul dente.

Aglio: non combatte solo gli attacchi dei vampiri.. Sin dall’antichità, il famoso medico Ippocrate lo consigliava come cura per le infezioni e le ferite. Nel caso di un ascesso dentale particolarmente doloroso, basta schiacciare leggermente uno spicchio sbucciato e posizionarlo tra il dente e la guancia per qualche minuto, non di più perché può causare irritazione e “bruciature” della pelle.

Va da sé come questi rimedi siano soltanto dei palliativi in attesa di una visita dentistica accurata e, in caso di dolore forte, assolutamente improrogabile.

(Fonte www.benessereblog.it/)

Olio Extravergine di Oliva, il Condimento più Salutare per l’Insalata

olio extra vergine d'olivaSì grassa è meglio. Avete capito bene. Il succo di limone o l’aceto bianco con cui spesso condiamo le nostre insalatone, estive e non, non sono i condimenti migliori per valorizzare le proprietà nutrizionali di lattughe&co. Molto meglio optare per condimenti più corposi, ricchi di grassi insaturi, come l’olio extravergine di oliva, fiore all’occhiello della dieta mediterranea. Così salutare per il suo alto contenuto di vitamina E e di antiossidanti da poter essere venduto in farmacia.

Le indicazioni per i condimenti più salutari per le nostre insalate ci arrivano da un recente studio condotto da un’équipe di ricercatori della Purdue University, pubblicato sulla rivista Molecular Nutrition and Food Research. Secondo quanto appurato da Mario Ferruzzi, prima firma della ricerca, gli oli ricchi di grassi insaturi garantiscono un assorbimento maggiore dei carotenoidi e delle altre sostanze nutritive presenti nelle verdure.

Perché è presto spiegato: la luteina, il licopene, il betacarotene e gli altri nutrienti presenti nell’insalata verde sono tutte sostanze solubili nei grassi, ecco perché le foglie di lattughe scondite o condite con succo di limone apportano al nostro organismo dosi inferiori di vitamine e antiossidanti.

Ovviamente, non bisogna esagerare con le dosi e in alcuno modo abusare dei condimenti grassi fa bene. Ci vuole equilibrio. Ecco perché, tra tutti gli olii testati nello studio, effettuato su un campione di ventinove persone, l’olio extravergine di oliva ne è uscito trionfante. Rispetto agli altri condimenti ricchi di grassi monoinsaturi, l’olio di oliva è quello più leggero.

Condire l’insalata con l’olio extra vergine di oliva ci permette dunque di assorbire tutti i nutrienti della lattuga senza appesantire eccessivamente l’organismo con dosi eccessive di grassi. E a proposito di dosi, se vi state chiedendo qual è la giusta quantità di olio d’oliva per condire l’insalata, i ricercatori hanno scoperto che bastano 3 grammi di olio per garantirci tutti i benefici per la salute apportati dal connubio tra verdure e grassi insaturi.

(Fonte www.benessereblog.it)

Il Pomodoro per i Trattamenti di Viso, Corpo e Capelli

Il pomodoro ha mille virtù che deve a un mix di betacarotene, vitamica C, potassio, licopene, acidi, sostanze preziose che ne fanno un super alimento e un alleato prezioso per la pelle, i capelli, la circolazione. Funziona come integratore e anche per via esterna, sotto forma di bagno, impacco, maschere. Insomma, il pomodoro per i trattamenti di viso, corpo e capelli, costa poco ed è una vera e propria ricetta di bellezza in rosso.

pomodoroIl bagno al pomodoro per riattivare la circolazione, si ispira ai trattamenti delle Spa americane, in versione casalinga per rafforzare i capillari e prevenire le varici. A casa fai così: far bollire un chilo di pomodori in 2 litri di acqua per 10 minuti, passandoli poi nel passaverdura e conservando l’acqua di cottura, ricca di potassio e acidi organici. Immergiti in una vasca di acqua tiepida a cui è stata aggiunta questa acqua di cottura. Con una spugna massaggiare sulla pelle il pomodoro cotto e passato, come se fosse un bagno schiuma. Restate immerse in perfetto relax per 10-15 minuti, poi risciacquare con acqua fresca. Questo bagno tonifica la pelle, attenua le piccole vene superficiali, favorisce lo sgonfiamento degli arti inferiori. Potenzia l’abbronzatura e rende la pelle più luminosa.

Un impacco nutriente per il viso, si prepara frullando un pomodoro maturo con 2 cucchiai di olio di jojoba. Spalmate il composto ottenuto sul viso, evitando il contorno degli occhi. Tenete in posa 5 minuti, poi risciacquate con acqua tiepida. Nutre e idrata la pelle del viso in profondità.

il pomodoro è efficace anche per i capelli. Frullate un pomodoro maturo e aggiungete un cucchiaio di bicarbonato di sodio. Applicate sui capelli ancora da lavare e lasciate in posa per 5 minuti, avvolgendo la testa con una garza. Fate lo shampoo e risciacquate con cura. Il pomodoro ridà lucentezza ai capelli tinti di biondo.

Il pomodoro, oltre ad essere una verdura gustosa che ben si adatta a qualsiasi ricetta, è uno dei cibi antiossidanti per eccellenza, ricco di betacarotene, licopene e vitamine che agiscono efficacemente contro i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento. Gli esperti dicono che non esiste farmaco più efficace.

(Fonte www.mondobenessereblog.com)

Denti più Bianchi in 6, semplici Mosse

come avere denti bianchiDenti bianchi e sani, sorriso smagliante, cosa c’è di più seducente? Davvero la bocca è forse il punto focale del nostro viso, ed è soprattutto la nostra dentatura ad attrarre l’attenzione, sia in positivo che in negativo. I denti sono un biglietto da visita importante, e mai come ora tutti noi cerchiamo di curare al meglio la nostra igiene orale anche per ottenere il massimo dal punto di vista estetico dal nostro sorriso. Esistono molti sistemi per “sbiancare” i denti, alcuni professionali da effettuare negli studi dentistici e alquanto costosi. Ma senza arrivare a questi estremi da divi di Hollywood, magari ci capita di utilizzare dentifrici che promettono un favoloso “effetto whitening“, oppure siamo tentati dalla ormai famose “strisce” sbiancanti che si vendono in farmacia.

Ma si tratta di metodi efficaci? Come facciamo a sfoggiare una dentatura bianchissima ma, soprattutto, sana? Vediamo i consigli degli esperti.

Per migliorare l’aspetto e il nitore dei nostri denti, per smacchiare e rendere meno opaco lo smalto dentale, ci sono alcuni semplici stratagemmi che tutti noi possiamo seguire, e che ci vengono consigliati direttamente dagli esperti di igiene dentale. Si tratta di sei, semplici mosse, eccole.

Denti bianchi mangiando cruditè

Per mantenere in buona salute i denti, soprattutto puliti, forti e bianchi, bisogna mangiare spesso alimenti crudi e croccanti come le mele, il sedano, le carote, i finocchi. Masticandoli manteniamo anche le gengive ben irrorate e sane.

Denti bianchi con i dentifrici giusti

I dentifrici sbiancanti funzionano davvero, ma è molto importante che acquistiamo sempre quelli che contengono il fluoro, che è la sostanza indispensabile per proteggerci dalla carie perché combatte i germi che proliferano nella nostra bocca.

Denti bianchi con il bicarbonato di sodio

Il bicarbonato di sodio è utilissimo anche per sbiancare i denti una tantum. Ovvero, magari per un’occasione speciale. Vietatissimo usarlo spesso perché ha un effetto corrosivo sullo smalto, esattamente come limone e aceto. Tuttavia, il bicarbonato ha anche un ottimo effetto antinfiammatorio, per questo possiamo usarlo per degli sciacqui anche in caso di gengive arrossate.

Denti bianchi grazie al calcio

Per denti sani, bisogna assumere calcio, anche sotto forma di yogurt e di formaggio, oltre che di latte. Ottima tutta la verdura verde, e specialmente le crucifere e gli spinaci, ma anche il prezzemolo e il basilico, che ugualmente sono ricchi di questo minerale.

Denti bianchi con lo xilitolo

I chewing-gum allo xilitolo sono ottimi quando siamo fuori casa e non possiamo lavarci i denti, perciò teniamone sempre una confezione nella borsa. Aiutano a mantenere l’alito fresco e i denti immacolati.

Denti bianchi? Occhio a the e caffè

Occhio a the, caffè, propoli, macchiano terribilmente i denti. Cercate di lavarli sempre dopo aver assunto queste bevande, ma sempre e solo non prima di 20 minuti dalla consumazione, altrimenti l’effetto sarebbe controproducente.

(Fonte salute.pourfemme.it)