Leishmaniosi, la Malattia che colpisce Uomini e Cani

LeishmaniosiUomini e i cani sono spesso colpiti dalla stessa malattia, questa volta parliano della Leishmaniosi, che può colpire entrambi, ma non è il cane a trasmetterla all’uomo.  Ne sentiamo parlare frequentemente nella medicina veterinaria, molto raramente in quella umana, malattia a volte sottovalutata anche se la leishmaniosi viscerale è solo seconda per importanza della sanità pubblica mondiale, dopo la malaria.

La leishmaniosi umana è causata da protozoi del genere Leishmania, ne esistono ben ventitre specie e può essere caratterizzata da diverse sindromi, le più comuni sono tre: la leishmaniosi viscerale (che se non diagnosticata in tempo può esser mortale perchè colpisce diversi organi interni milza, fegato e midollo osseo), la leishmaniosi cutanea e la mucocutanea (tipica dei paesi tropicali e dell’America Latina). Vediamone i sintomi principali.

Leishmaniosi umana viscerale: febbre irregolare, gonfiore e dolore addominale, diarrea, tosse, perdita di peso, anemia, ittero.
Leishmaniosi umana cutanea: papule eritematose in via di sviluppo, placche e ulcerazioni con pus che si asciuga formando una crosta, ferite che se non si infettano sono indolori.
Leishmaniosi umana mucocutanea: lesioni cutanee che guariscono spontaneamente, difficoltà a dormire a causa della congestione nasale, polipi nasali che si allargano al labbro superiore, sindrome più comune nei pazienti di razza nera.

La causa della Leishmaniosi è il morso dei pappataci (flebotomi) femmina infetti, in genere non ci si accorge del morso di questi insetti poichè volando non fanno rumore, sono più piccoli delle zanzare ed i loro morsi possono passare inosservati perchè non fanno male. I pappataci di solito sono più attivi al tramonto, di sera e durante la notte (dal crepuscolo all’alba). Alcune specie di Leishmania si possono trasmettere mediante trasfusione di sangue o uso di aghi infetti.

Si può contrarre se si visitano zone a rischio, per turismo o per lavoro, la leishmaniosi è più diffusa nelle zone rurali, maggiormente a rischio chi fa viaggi non organizzati, i campeggiatori, i soldati, i missionari e gli ornitologi.

Il discorso non cambia per la Leishmaniosi, dei nostri amici cani, per i quali l’incubazione varia da un minimo di 1 mese fino a svariati anni. Nel cane la Leishmaniosi si manifesta senza distinzione di razza o sesso, come per gli umani, i cani che vivono all’aperto sono maggiormente esposti al rischio di puntura da parte del pappatacio e quindi al rischio di infezione.

Esiste la prevenzione per questa dolorosa e pericolosa malattia, un esame del sangue può stabilire se è in corso, si passa poi ad una iniezione che dovrà essere fatta con regolarità secondo il consiglio del veterinario di fiducia. I più colpiti sono i cani di taglia grande, solo perchè il pappatacio ha più spazio per colpire il cane, a differenza di quelli piccoli. Esistono anche dei collarini che si dovranno indossare dai primi giorni di caldo fino ad ottobre inoltrato, in ogni caso, non sostituiscono il vaccino.

(Fonte www.mondobenessereblog.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *