Micronutrienti: Licopene, Luteina, Zeaxantina e Criptoxantina

carotenoidiNella nostra dieta molti sono i nutrienti che vengono regolarmente assunti quotidianamente.
I macronutrienti (proteine, carboidrati e grassi) sono certamente i più conosciuti ma, tuttavia, per supportare quella complessa macchina che è il nostro organismo, occorre anche ingerire micronutrienti (vitamine e sali minerali).

Analizziamo in questo articolo quattro composti, appartenenti alla vitamina A: il licopene, la luteina, la zeaxantina e la criptoxantina.

Il licopene è un composto presente soprattutto negli alimenti di origine vegetale. Ha un’importante funzione antiossidante, caratteristica che lo rende utile nel prevenire malattie cronico-degenerative (cardiovascolari e tumorali). Per svolgere un’adeguata attività antiossidante, dovrebbero essere assunti 50-100 mg di licopene giornalieri. Esso è assunto principalmente con il pomodoro, l’albicocca, il melone, il pompelmo rosa, il cocomero e le carote. Il suo assorbimento è favorito in presenza di lipidi.

La luteina e la zeaxantina appartengono alla classe delle xantofille. Anche queste due molecole hanno un’attività antiossidante, tipica della vitamina A, e, una volta introdotte, si concentrano nella retina, proteggendola dalle radiazioni ultraviolette. Inoltre si pensa che la luteina sia presente nel cristallino, ed in tal modo, previene la cataratta. Probabilmente questi effetti possono essere garantiti da 6 mg giornalieri di luteina e 6 mg giornalieri di zeaxantina. Questi due nutrienti sono principalmente contenuti negli spinaci, nella cicoria, nel radicchio, nelle zucche, nei piselli, nei broccoli ed in altri vegetali.

La criptoxantina è un altro carotenoide appartenente alle xantofille. Sembra che anche essa si concentri nella retina e la protegga da radiazioni ultraviolette. Inoltre sembra svolgere un ruolo molto utile nella protezione delle mucose, della pelle e di altri tessuti corporei, grazie alla protezione efficace svolta nei confronti dei radicali liberi. Questi effetti sarebbero garantiti da circa 10 mg giornalieri di criptoxantina che può essere assunta con agrumi e vegetali a foglia verde.

Questi micronutrienti rappresentano quindi un’ulteriore prova che la frutta e la verdura rappresentano alleati utilissimi, specie per le loro proprietà antiossidanti.

(Fonte www.alimentazione-salute.it/)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *