Daily Archives: settembre 2, 2012

Cibi Afrodisiaci per l’Uomo e per la Donna

cibi afrodisiaciChi l’ha detto che i cibi piccanti sono afrodisiaci? Per rinfocolare la passione e vivere una vita sessuale appagante non c’è niente di meglio che baccalà, frutta e verdura!   Quella del peperoncino, infatti, secondo gli esperti, sarebbe soltanto un’errata vox populi.

Con grande stupore, il baccalà, così come il merluzzo, sono una sorta di viagra naturale. Il peperoncino, invece, soprattutto se abbinato ai superalcolici, potrebbe essere causa di performance spiacevoli.

Per evitare defaillance imbarazzanti sotto le lenzuola e conservare il vigore sessuale, dunque, occorre adottare dei piccoli stratagemmi alimentari, a tutto vantaggio anche della longevità. Secondo una ricerca di Harvard, infatti, chi ha un’attività sessuale regolare vive mediamente 2 anni e mezzo in più.

Quali sono, allora, i cibi afrodisiaci? L’urologo Fabrizio Iacono dell’Università Federico II di Napoli ha stilato un menù utile per tenere viva passione. In prima linea troviamo le insalatone e le macedonie di frutta, che contengono un buon quantitativo di Sali minerali e vitamine.

Anche i frutti di mare possono dare una mano, soprattutto le ostriche, poiché sono ricche di zinco e iodio, e il cioccolato fondente, una vera miniera di feniletilamina, non a caso definita la molecola dell’amore, che rilascia dopamina, un neurotrasmettitore, la cui attività genera sensazioni piacevoli in seguito a comportamenti che soddisfano stimoli come fame, sete, desiderio sessuale.

Esistono poi sostanze come la glucosamina, che favoriscono il rilascio di ossido di azoto, neurotrasmettitore chimico dell’erezione. L’ossido d’azoto, infatti, viene utilizzato anche nei farmaci contro l’impotenza. Anche l’arginina è in grado di migliorare le proprietà erettili dell’uomo, poiché anch’essa funge da precursore dell’ossido di azoto, e baccalàe merluzzo ne contengono in abbondanza.

L’attenzione dei ricercatori, inoltre, soprattutto negli ultimi tempi, si è concentrata su 3 alimenti noti da millenni per le loro proprietà: l’alga ecklonia bicicli, il tribulus terrestris, e il fungo cordyceps. L’ecklonia è molto utile per mantenere il benessere sessuale maschile grazie alla sua spiccata azione antiossidante (pari a 30 volte più potente del tè verde), inoltre, essendo molto ricca di una categoria di polifenoli (florotannini) che non si trovano nelle piante terresti, aiuta a contrastare i radicali liberi.

(Fonte www.dietaland.com)

La Lingua Bianca e l’Alitosi, quali sono i Rimedi Naturali

rimedi alitosiPer trovare un rimedio alla lingua bianca e all’alitosi bisogna prima di tutto individuarne le cause. I due disturbi sono collegati: l’alitosi ha infatti tra le principali cause, oltre alla carie, proprio la lingua bianca. In tal caso curare il disturbo risolverà alla radice il problema dell’alito cattivo.

Una delle cause più comuni della lingua bianca è l’infezione da mughetto. Altri fattori scatenanti sono la disidratazione, la cattiva igiene orale, la presenza eccessiva di batteri ed il fumo. Smettere di fumare è sicuramente d’aiuto per scongiurare il problema.

Quando si nota una patina bianca sulla lingua, è possibile ricorrere a diversi rimedi naturali: innanzitutto è bene bere delle bevande analcoliche (l’acqua andrà benissimo) per reidratare il cavo orale. Molto spesso infatti basta reintegrare i liquidi persi per ripristinare il colore normale della lingua e liberarsi anche dall’alitosi. Se la lingua bianca è causata da una cattiva igiene orale, sarà sufficiente prendere la buona abitudine di lavarsi più volte al giorno i denti, almeno tre, dopo ogni pasto (non immediatamente dopo mangiato, lasciate passare qualche minuto). In particolare è molto importante lavarli prima di andare a dormire, ed evitare di consumare qualsiasi alimento dopo esserseli lavati. Inoltre, quando si lavano i denti, è sempre bene passare lo spazzolino anche sulla lingua. Esistono anche degli spazzolini con la spazzola apposita per la lingua che possono tornare utili allo scopo.

Se nessuno di questi due metodi ha funzionato, è possibile provare sciacquando la bocca con dell’acqua calda salata che uccide i batteri che provocano il colore inusuale della lingua ed i cattivi odori. È consigliabile effettuare quest’operazione 3 volte al giorno. In questo modo la lingua dovrebbe tornare al suo colore naturale nel giro di pochi giorni. Un metodo simile prevede l’impiego di mezzo cucchiaino di curcuma disciolto in un bicchiere d’acqua con cui fare i gargarismi. Quando invece le cause sono più serie, come ad esempio un’infezione da mughetto, consultate il medico perché è necessario assumere dei medicinali specifici.

(Fonte www.benessereblog.it)