Daily Archives: settembre 10, 2012

L’elenco dei Cibi che contengono Ferro per combattere l’anemia

Il ferro è un minerale essenziale per la salute umana e per un buon funzionamento del nostro organismo: la sua carenza può portare all’anemia ferropriva e ad altre patologie più o meno serie, perché il ferro è indispensabile nella formazione dei globuli rossi del sangue. Ovviare a questa carenza è possibile: basta assumere i cibi adeguati che permettano di combattere il rischio di anemia.

alimenti che contengono ferroVa specificata un’importante caratteristica legata all’assimilazione del ferro nel nostro organismo: la sua biodisponibilità, ovvero l’effettivo assorbimento dell’elemento da parte dell’intestino, e l’interazione con altri nutritivi e vitamine che possono ridurre o aumentare la biodisponibilità del ferro.

L’elenco dei cibi più ricchi di ferro comprende molti alimenti di origine animale; ma non disperino i vegetariani, anche la flora mette in campo le sue armi per il nostro fabbisogno di ferro. In questa lista, il numero si riferisce alla quantità di ferro presente per 100 gr di alimento:

  • Fegato d’oca (30,53 mg)
  • Cioccolato fondente amaro (17,4 mg)
  • Vongola (13,98 mg)
  • Cacao amaro (13,86 mg)
  • Ostrica, cotta 11,99 mg
  • Caviale (11,88 mg)
  • Paté di pollo inscatolato (9,19 mg)
  • Muesli con frutta e frutta secca (8,75 mg)
  • Muesli (8,20 mg)
  • Lenticchie (7,54 mg)
  • Ostrica (6,66 mg)
  • Farina di soia (6,37 mg)
  • Germe di grano (6,26 mg)
  • Pollo – coscia (6,25 mg)
  • Ceci (6,24 mg)
  • Patate, bollite (6,07 mg)
  • Seppia (6,02 mg)
  • Pinoli secchi (5,53 mg)
  • Fagioli cannellini (5,49 mg)
  • Fagioli borlotti freschi (5,00 mg)
  • Fiocchi d’avena (4,72 mg)
  • Nocciole (4,70 mg)
  • Alici sott’olio (4,63 mg)
  • Arachidi (4,58 mg)
  • Grano duro (4,56 mg)
  • Mandorle secche (4,51 mg)
  • Crema di nocciole e cacao (4,38 mg)
  • Prugne secche (3,90 mg)
  • Arachidi tostate (3,50 mg)
  • Nocciole (3,30 mg)
  • Fichi secchi, mandorle secche sgusciate (3 mg)
  • Spinaci (2,90 mg)

Se volete fare il pieno di ferro per il vostro organismo, ricordate la biodisponibilità: in generale la vitamina C contenuta in frutta e verdura  come agrumi, frutti di bosco, kiwi, fragole, pomodori, peperoni, ortaggi a foglie verdi, facilita l’assorbimento intestinale del ferro.  Al contrario il caffé e il té, i latticini (ricchi di calcio) e i pomodori sono degli inibitori dell’assimilazione del ferro; quindi se siete dei grandi consumatori di questi alimenti e pensate di avere una carenza di ferro, è bene eliminarli dalla dieta e privilegiare… il succo d’arancia.

(Fonte www.benessereblog.it)

La Cicoria tra i Rimedi per la Cellulite

cicoriaLa cicoria può essere una valida alleata nella lotta alla cellulite e alla ritenzione idrica, due problemi spesso correlati.

Quando i liquidi ristagnano nell’organismo, a causa del malfunzionamento del sistema venoso e linfatico, il tessuto connettivo degenera, causando la formazione della cellulite e, a lungo termine, anche di patologie più gravi come l’ipertensione, l’insufficienza renale, patologie alla vescica o al fegato, ecc.

La cicoria è un ortaggio dalle molteplici proprietà curative, e comprende numerose varietà. In genere, quando è selvatica ha un retrogusto più amaro, compensato però dalla ricchezza di sali minerali, principi attivi e vitamine, la cicoria coltivata, invece, ha un sapore più dolce, ma contiene anche meno micronutrienti.

Della cicoria si usano sia le foglie, che le radici, queste ultime soprattutto per preparare decotti e infusi.

Le foglie della cicoria sono una vera miniera di betacarotene, potassio e calcio, ma anche di fibre, con un apporto calorico davvero modesto (12 Kcal per 100 g di prodotto). La sua caratteristica principale è il sapore amarognolo, che si deve all’acido cicorico. Proprio questo principio è un toccasana per chi soffre di ritenzione idrica e di cellulite, favorendo la secrezione della bile e la diuresi, infatti, ha un effetto depurativo e disintossicante.

(Fonte /www.freshplaza.it/)

Le Proprieta’ Benefiche della Rucola

proprietà rucolaAppartenente al gruppo delle crocifere come cavoli e broccoli, la rucola ne condivide le proprietà antiossidanti ed antitumorali, grazie al contenuto di vitamina C, ferro, potassio, magnesio, calcio, sodio e fosforo; durante la stagione invernale combatte efficacemente gli stati influenzali.

Dopo un abbondante pasto, la rucola aiuta il lavoro dell’apparato digerente: studi condotti in Arabia Saudita hanno dimostrato che può alleviare i sintomi di gastrite e ulcera, in più stimola la diuresi e depura il fegato.

In tempi remoti, l’erba veniva utilizzata per la cura dello scorbuto, una grave patologia causata dallo scarso apporto di vitamina C nell’organismo.

Come nel caso di altre piante, anche la rucola non sfuggiva alle credenze popolari: presso i romani veniva impiegata come sostanza afrodisiaca, e nel periodo rinascimentale sembra che alcuni religiosi caddero in tentazione dopo aver assaggiato un elisir a base di rucola.

Tornando all’uso culinario, la rucola è un ingrediente fondamentale per la preparazione dell’insalata misticanza, una ricetta tipica del centro Italia; apprezzato anche l’abbinamento con bresaola e scaglie di parmigiano.

(Fonte www.freshplaza.it)