La Pulsatilla per Dolori forti

pulsatillaI dolori forti, specie quelli mestruali, sono un problema molto comune a tutte le donne e di qualsiasi età, il termine medico corretto è dismenorrea. L’intensità del dolore è diversa per ogni fase del ciclo, e sono accompagnati da aumento o diminuzione dell’appetito, stanchezza, difficoltà di concentrazione, mal di schiena, mal di testa e, purtroppo per la nostra linea, la necessità di ingerire dolci. Anche se fortissimi, le mestruazioni dolorose non sono indice di malattie più gravi, come endometriosi o fibromi uterini, in ogni caso, per scongiurare qualsiasi pericolo, in caso di dolori insopportabili, meglio chiedere un parere al medico.

Fra i vari rimedi naturali per i dolori mestruali, ci sono quelle omeopatici, le erbe e gli integratori a base di vimamine, fra cui la vitamina D. È sempre consigliabile chiedere il parere del medico prima di assumere qualsiasi rimedio, soprattutto se si tratta di quelli omeopatici.

Rimedi omeopatici per i dolori mestruali
Belladonna: per i dolori mestruali molto forti;
Chamomilla: in caso di cambiamenti di umore, irritabilità e rabbia che scatenano dolori;
Colocynthis: in caso di rabbia e irritabilità;
Lachesis: per dolori mestruali che peggiorano durante la notte;
Nux vomica: per crampi e dolori alla parte bassa della schiena, accompagnati da nausea, brividi, irritabilità;
Pulsatilla: irritabilità, sbalzi d’umore, vertigini, svenimenti, nausea, diarrea, mal di schiena e mal di testa.

Erbe per i dolori mestruali
Si trovano sotto forma di estratti secchi (compresse, pillole, capsule), tisane, tinture ed estratti liquidi. Anche in questo caso, il medico dovrà accertarsi se sono compatibili con le eventuali cure che si stanno seguendo o farmaci che si assumono, le erbe potrebbero andare ad interferire.
Agnocasto (Vitex agnus castus): estratto, al massimo 20-40 mg al giorno possibilmente appena svegli e prima di fare colazione.
Cimifuga (Actaea racemosa): estratto, al massimo 20-40 mg due volte al giorno.
Curcuma (Curcuma longa) estratto, 300 mg tre volte al giorno.
Viburno (Viburnum opulus): da preparare come fosse un tè: 2 cucchiaini di corteccia essiccata in 1 tazza d’acqua, fate bollire per 15 minuti e bere 3 volte al giorno.

(Fonte www.mondobenessereblog.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *