Come dimagrire i fianchi con la Cassia

Avete la tendenza ad ingrassare sui fianchi e sui glutei? Se state cercando un prodotto per dimagrire proprio in quei punti critici, la cassia può essere può essere una valida alleata. Si tratta, infatti, di una pianta tropicale in grado di sciogliere ed eliminare lipidi e grassi in eccesso stimolando la termogenesi.

dimagrire fianchi con cassiaAbbiamo parlato tante volte di questo affascinante processo metabolico, per cui l’organismo, producendo calore, soprattutto negli strati adiposi, brucia energia e di conseguenza anche i grassi. Esistono, infatti, diversi integratori che aiutano a controllare il peso sfruttando proprio il meccanismo della termogenesi, tra cui anche la cassia o più precisamente cassia nomame. Ad essere ricchi di principi attivi utili per il trattamento nelle diete sono soprattutto i frutti.

La cassia è una pianta molto ricca di luteolina e di svariate sostanze che inibiscono l’azione delle lipasi (enzimi del pancreas responsabili della digestione dei grassi ingeriti con il cibo). È in grado, infatti, di diminuire l’assorbimento dei grassi fino al 30% aiutando a tenere sotto controllo l’apporto calorico totale, e nello stesso tempo anche i livelli di colesterolo e trigliceridi.

La cassia ha molteplici virtù, svolge, infatti, un’azione antigonfiore, riduce le smagliature grazie alla sua azione rigenerante sulla pelle, ed è un diuretico naturale, in grado di combattere la ritenzione idrica, anticamera della tanto odiata cellulite.

Dimagrire sui fianchi con l’uso della cassia

L’integratore di cassia, proprio per la sua capacità di sciogliere i lipidi, viene utilizzato frequentemente nelle diete ipocaloriche e nelle cure dimagranti e non a caso viene utilizzata anche nei trattamenti cosmetici per rassodare le cosce e la pancia.

In commercio esistono diversi prodotti a base di cassia nomame per il mantenimento del peso forma dalle capsule alle preparazioni sotto forma di flaconi. Si suggerisce di assumere 2 compresse di cassia 15-30 minuti prima dei 3 pasti giornalieri.

(Fonte www.dietaland.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *