Sudorazione Abbondante: quali sono le possibili Cause?

cause sudorazione eccessivaNel linguaggio scientifico la sudorazione abbondante è definita con il termine iperidrosi. Si tratta di una disfunzione in cui la sudorazione avviene in quantità nettamente maggiori e più frequenti rispetto al normale, dove per valori normali si intende la quantità di sudore che basterebbe al corpo per raffreddarsi. In particolare l’iperidrosi si concentra maggiormente sulle ascelle e sulle mani, ma può manifestarsi anche sui piedi, sul viso, sul tronco o può essere diffusa, cioè riguardare tutto il corpo indistintamente.

In più della metà dei casi le cause restano ignote, e dunque si parla di iperidrosi idiopatica, primaria o essenziale, mentre se la sudorazione eccessiva è la conseguenza di una malattia sottostante si parla di iperidrosi secondaria. I principali disturbi, i fattori e le malattie che possono causare una sudorazione abbondante inclusono l’ipertiroidismo (azione eccessiva della ghiandola tiroidea), ipoglicemia (bassa presenza di zucchero nel sangue), terapia ormonale per curare alcuni tipi di tumori, obesità, menopausa, problemi gastrointestinali o malattie psichiatriche.

Esistono anche dei fattori ambientali e/o comportamentali scatenanti, a prescindere dalla causa primaria. La sudorazione abbondante infatti si manifesta più di frequente quando fa caldo, oppure quando si assume caffeina, capsaicina o alimenti che alzano la temperatura del corpo, oppure in seguito a delle forti emozioni.

Infine la sudorazione abbondante può essere semplicemente il risultato di un’innervazione sovrabbondante delle ghiandole sudoripare. Già normalmente tali ghiandole, vista la loro condizione, sono iperattive, ma questo disagio può comportare ulteriori fattori di stress, a causa dell’imbarazzo che scatena il disturbo nelle relazioni interpersonali. L’ansia ingigantisce il problema e può provocare un ulteriore aumento della sudorazione in un circolo psicofisico vizioso. In questo caso è bene rivolgersi ad uno psicologo per imparare a gestire l’ansia ed evitare ripercussioni dell’iperidrosi sulla vita sociale e lavorativa.

(Fonte www.benessereblog.it)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>