Le ciliege contro gli attacchi di gotta

La gotta è una malattia che molto dolorosa, secondo un recente studio, le ciliege sarebbero un ottimo rimedio contro gli attacchi di gotta. La gotta è una malattia cronica, spesso asintomatica, dovuta all’eccesso di acido urico nel sangue, una malattia antica che, sembra, tornata di moda.

É un disturbo del metabolismo che si manifesta con attacchi di artrite infiammatoria acuta con dolore, arrossamento e gonfiore delle articolazioni. La principale causa è l’iperuricemia, una alterazione delle purine (molecole contenute negli acidi nucleici delle cellule del corpo), che provoca un’alta concentrazione di acido urico nel sangue. Fondamentale, per alleviare la gotta, è la dieta.

rimedi attacchi di gottaLa buona notizia arriva da uno studio pubblicato sulla rivista americana Arthritis & Rheumatism dell’American College of Rheumatology (ACR), mangiare ciliege ridurrebbe del 35 per cento il rischio di attacchi acuti di gotta. Gli scienziati sostengono che dipenderebbe dalle proprietà antinfiammatorie e capacità di ridurre l’acido urico.

Allo studio hanno partecipato 633 pazienti che soffrivano di gotta. Le persone coinvolte sono state seguite per un anno, e studiate tutte le informazioni sulla malattia, i sintomi, le cure, lo stile di vita e la dieta seguita. I pazienti hanno assunto ciliege o succo di ciliege in varie dosi e forme.

sono verificati 1.247 attacchi di gotta, il 92 per cento alla base del dito alluce, il resto in altre zone del corpo. Il dottor Zhang, responsabile dello studio ha spiegato:

I nostri risultati indicano che il consumo di ciliegie o estratto di ciliegia riduce il rischio di attacco di gotta. Il rischio di riacutizzazione della gotta è continuato a diminuire con l’aumento del consumo di ciliegia, fino a tre porzioni nell’arco di due giorni.

Se le ciliege vengono associate ad un farmaco contro l’acido urico, gli attacchi di gotta si riducono del 75 per cento. La conclusione è che mangiare ciliege aiuta molto coloro che soffrono di gotta, ma i ricercatori ricordano che non bisogna abbandonare le cure tradizionali e, soprattutto, chi soffre di questa malattia, deve seguire una dieta sana.

(Fonte www.mondobenessereblog.com)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *