pubblicità McDonald’s nel libro delle medie

Incredibile ma vero..  Assalto alla scuola:
pubblicità McDonald’s nel libro delle medie

 mc'donald's, libro, tecnologia, scuola media

Guardatela bene questa foto. Se vi raggela siete dalla parte giusta della barricata. Quella dell’indignazione e dello sgomento. Ripeto: l’avete vista bene la foto? Non è una semplice e legittima pubblicità che racconta l’offerta McDonald’s, rincorrendo pateticamente i tempi con tanto di box demenziale su “Le regole d’oro per uno stile di vita sano e attivo”. No, è la pagina 177 del libro delle medie di Tecnologia.

Un testo che ha come sottotitolo: “Materiali Settori produttivi Energia”. E i panini, o le patatine, o i gelati del Mac sono dei materiali tecnologici o energetici? È qualcosa che ha a che fare con la loro digeribilità diversamente agile?

Ora, avete presente quegli avvincenti thriller hollywoodiani in cui un uomo scopre un sistema di interessi che fa base a una corporation che in nome del profitto calpesta diritti civili e sociali senza batter ciglio? Ecco nella realtà non è così. Ma a non essere così è l’immagine dell’eroe che fronteggia “i cattivi” o i metodi delle indagini, non la sostanza. Questa si avvicina troppo spesso alla realtà. Non è così perché certe porcate che al cinema vivono di ardite architetture narrative, nella realtà si fanno con volgare e manifesta impunità.

 Ma è tempo del pensiero forte.

Tre regole definitive:

(1) Con i ragazzi in età scolare non si scherza. Se il marketing gioca da sempre una battaglia ai confini della moralità per raggiungere i consumatori più appetibili, ciò non toglie che debbano esistere dei limiti invalicabili. E se già ci sono non è bello doverli riaffermare.

(2) La guerra ideologica a McDonald’s non mi interessa e indebolisce la sostanza. Non è in gioco un’idea politica del mondo; è in gioco una questione di civiltà e di verità. Per me possono impegnare tutte le risorse che vogliono, chiamare Gualtiero Marchesi – e pure Adrià se gli parte l’embolo – appaltare ricerche ridicole e fare i peggiori carpiati per legittimare la qualità della loro proposta, tanto il fatto incrollabile è che il loro modello di alimentazione non può passare come virtuoso. Non lo dico io, non lo dicono i vegani scalzi o quelli che hanno sotto il cuscino il libro nero delle aziende da cui tenersi alla larga, lo dice la scienza dell’alimentazione in decenni di acquisizioni critiche progressive, lo dicono studi che dimostrano di volta in volta qualcosa di allarmante, dal rapporto con l’obesità ai danni cerebrali. 

Ci aveva già provato l’ex Ministro dell’Agricoltura, il leghista Zaia, e da ste parti si è preso le giuste bastonate, tanto che il Guardian pure ha pensato di dare un’occhiata al nostro allarme.

(3) Però la scuola non può e non deve avallare che al costo di 21,50 euro un testo in uso spieghi ai tuoi figli la dieta del fast food, e in particolare che “alimentarsi al fast-food non sempre e non necessariamente significa assumere calorie e grassi in esubero“. 
Non è solo una questione morale ma anche giuridica. Per chi non ne fosse a conoscenza esiste un Codice di Autoregolamentazione del Settore Editoriale Educativo (si apre un Pdf), che alla voce Pubblicità commerciale dice che “L’editore si impegna a non inserire messaggi pubblicitari, né espliciti né redazionali, nei libri e negli altri strumenti didattici di adozione”.

Che facciamo Editore, ti impegni?

[Crediti | Link: Beppe Grillo, Ansa, Science Daily, Dissapore, Guardian, Aie. Immagine: Facebook]

(Fonte www.dissapore.com)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>