La philofobia o paura d’amare, si può guarire?

E’ possibile avere paura d’amare? A quanto pare sì. La philofobia(altrimenti detta, appunto, paura d’amare) è una particolare forma di fobia basata sulla paura che l’ondata di emozioni che accompagnano l’innamoramento possano farci perdere il controllo. Proprio per questo l’identikit di chi soffre di questo problema è un individuo che vuole mantenere il controllo non solo sull’ambiente che lo circonda, ma anche dei propri comportamenti e delle proprie emozioni.

philofobia - paura di amareLa possibilità di perdere il controllo della situazione è un’eventualità estremamente difficile per chi soffre di una forma di fobia.
Per questo motivo anche di fronte al desiderio di amare ed essere amati a vincere è la paura di diventare vulnerabili, che ha la meglio su qualunque vantaggio possa derivare dall’avere una relazione sentimentale.

La paura può derivare dall’esperienza di un familiare o di qualche amico. Osservare dall’esterno ciò che succede a chi ci circonda può distorcere la visione della realtà e portare a considerare l’innamoramento come una vera e propria forma di tortura.Ne derivano emozioni contrastanti: l’idea di amare e di essere amati può creare un momentaneo stato di euforia, seguito, però, dalla paura di ciò che comporta provare delle emozioni. Possono addirittura comparire veri e propri malesseri fisici e psicologici, inclusi vertigini, mancanza d’aria, secchezza delle fauci, nausea, sudorazioni, tremori e pianti, attacchi di panico, rapidi cambiamenti d’umore e voglia di scappare.Tutto ciò non significa che chi soffre di philophobia sia condannato a non innamorarsi mai. Se, però, la situazione è grave potrebbe essere necessario rivolgersi a un terapeuta così come si dovrebbe fare anche in caso di altre gravi fobie. Uno dei punti su cui è più importante soffermarsi è quello della capacità di relazionarsi con gli altri: la paura d’amare, infatti, non compromette solo la qualità della propria vita, ma anche quella di chi si innamora di chi ne soffre.

(Fonte www.benessereblog.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *