A cosa serve il Ficus Carica? Scopri le indicazioni e le proprietà

ficus caricaIl ficus carica altri non è che il nome scientifico della pianta di fico, della quale vengono utilizzate le gemme macerate in acqua e glicerina in modo da ottenere un preparato leggermente alcolico, impiegato in fitoterapia per le patologie gastrointestinali derivate dalla somatizzazione dell’ansia.

Le proprietà del ficus carica in gemmoderivato sono molteplici: è lassativo, rimineralizzante, tonico, vitaminico (la pianta del fico è ricca di vitamine A, C, PP, B2, B1) e digestivo. Contiene anche molti acidi organici, enzimi ed elementi come zolfo, iodio, manganese, bromo, sodio, potassio, calcio, fosforo e ferro.

È quindi particolarmente indicato a chi soffre di disturbi digestivi legati all’ansia, come stomaco teso, spasmi gastrici, acidità di stomaco, bruciori e generiche difficoltà di origine nervosa, perché agisce come calmante dei centri che controllano le secrezioni dello stomaco durante la digestione: diminuendo la produzione di gastrina, l’ormone presente nella mucosa gastrica, il ficus carica agisce come antinfiammatorio naturale.

La posologia del ficus carica è di 40 gocce sciolte in acqua, due volte al giorno prima dei pasti principali nelle stagioni come primavera e autunno, che sono quelle dove i disturbi digestivi si presentano con più frequenza; non ha controindicazioni né rischi per il sovradosaggio. È un prezioso alleato naturale, ideale per chi non vuole assumere farmaci di derivazione chimica per curare i malanni gastrointestinali da tensione nervosa.

(Fonte www.benessereblog.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *