Daily Archives: ottobre 22, 2012

Terapia del limone, cos’e’?

dieta del limoneLa cura del limone unisce le proprietà dell’agrume a una dieta sana ed equilibrata.
Il limone è un frutto dalle molteplici caratteristiche, di cui il fisico può beneficiare tutto l’anno, grazie alla natura sempreverde dell’albero.
Il limone è innanzitutto depurativo: assumerlo al mattino, a digiuno, aiuta a drenare i liquidi, a eliminare le tossine, a disinfettare stomaco e intestino e a regolare il transito intestinale.
Inoltre, il limone sembrerebbe anche in grado di combattere la cellulite.

I suoi benefici non finiscono qui: ricco di vitamina C, specie se fresco, il limone permette di difendersi dai raffreddori e dalle influenze stagionali. Fare i gargarismi aiuta a combattere i mal di gola più ostici in maniera naturale. Questo speciale agrume non solo aumenta le difese immunitarie, ma aiuta a prevenire alcune malattie, come l’arteriosclerosi, e a distruggere i calcoli della cistifellea.

Probabilmente, la novità che molti ignorano è quella riguardante le proprietà dimagranti del limone: la dieta del limone aiuta a perdere peso in poche settimane, pur mangiando tutto; si tratta di una dieta che non priva l’organismo dei nutrimenti di cui ha bisogno e che permette, allo stesso tempo, di beneficiare anche di una cura depurante, disintossicante e in grado di aiutare il fisico sotto molteplici aspetti, come sopra sottolineato. Tuttavia, se si hanno particolari problemi, è sempre bene sentire il medico prima di intraprendere tale dieta.

La cura del limone è molto semplice: ogni mattina, a digiuno, prima di fare colazione, occorre bere un bicchiere di limonata, mescolata ad acqua a temperatura ambiente. Il primo giorno di dieta, bisogna bere l’equivalente del succo di un solo limone. Il secondo giorno di due limoni, il terzo giorno di tre e così via, fino a che non si arriva a quindici giorni corrispondenti al succo di quindici limoni. Dopodiché si invertono le proporzioni, quattordici, tredici, dodici limoni, fino ad arrivare al succo di un limone durante il trentesimo giorno di cura. In ogni caso, anziché bere la spremuta di quindici limoni tutti al mattino, si può dividere il succo durante la giornata, arrivando ad almeno tre bicchieri al giorno di limonata.

La cura del limone, però, deve essere supportata da un’alimentazione sana, completa e che rinforzi il potere drenante, disintossicante e depurante del limone. Pertanto, nel corso della giornata, tra colazione, pranzo, cena e spuntini, occorre bere moltissima acqua e mangiare altri cibi in grado di depurare e disintossicare. Via libera alla frutta, da consumare preferibilmente al mattino, e alle verdure, da accompagnare allo spuntino di metà mattina e alla merenda.

(leggi l’articolo completo su  www.freshplaza.it)

Cupuacu, un nuovo Elisir dal cuore dell’Amazzonia

Ritrova l’energia vitale, favorisci il dimagrimento e mantieni giovane e bella la pelle grazie ai frutti di Cupuacu, un vero tesoro da conoscere e utilizzare

“Nascosto” per millenni nel cuore della foreste pluviali dell’amazzonica, l’albero del Cupuacu è oggi largamente coltivato nelle giungle della Colombia, del Perù e del nord del Brasile. La tradizione indigena conosceva da tempo alcuni effetti benefici dei frutti di questa pianta, lenitivi del dolore addominale e stimolanti per l’aumento dell’energia e della resistenza.

cupuacuOggi la ricerca ne evidenzia altre qualità: i frutti del Cupuacu hanno dimostrato essere eccellenti coadiuvanti di un percorso di prevenzione antitumorale, stabilizzazione della pressione sanguigna, rinforzo del sistema immunitario.
Ma non solo: sembrano essere anche ottimi in un percorso di dimagrimento, eccellenti idratanti per la bellezza di pelle e capelli, e persino stimolanti della libido.

Un alleato del benessere e della forma

I frutti di Cupuacu contengono una polpa bianca e tenera nota per la dolce fragranza al gusto di cioccolato ed ananas , dalla quale si ricava un nettare che sarà poi la base di una bevanda e di altri prodotti: il frutto di Cupuacu può essere gustato anche sotto forma di frullati, gelati e veri e propri dessert appetitosi. Molto ricco di antiossidanti, contiene diverse sostanza utili alla salute come i tannini, i flavonoidi e i fitonutrienti che contribuiscono a mantenere il corpo sano e il cuore resistente. Grazie al contenuto di vitamine B1, B2, B3 (Niacina), acidi grassi, aminoacidi e vitamine A e C il Cupuacu è davvero un grande alleato della forma fisica e del benessere. Il succo può essere gustato come bevanda, una o due volte al giorno per circa due mesi come terapia iniziale e può essere continuata a piacere per mantenere gli effetti benefici desiderati. Cupuacu è in ogni caso disponibile come integratore, sia sotto forma di capsule che in polvere.

Cupuacu, ottimo per il dimagrimento

I benefici sulla salute sono dunque molteplici e in particolare studi recentissimi spiegano quando l’uso di questo frutto sia utile nella battaglia per la perdita di peso. I flavonoidi, i polifenoli e altri nutrienti essenziali presenti nel Cupuacu (in particolare la vitamina C) lavorano insieme per aiutare a metabolizzare il grasso in eccesso , rinforzare il metabolismo e inibire la produzione di nuove cellule di grasso aiutando il processo di dimagrimento. Si può dire inoltre che l’effetto brucia grassi sia quasi un “effetto collaterale” della grande energia che il suo consumo regolare sa donare…

Il burro di Cupuacu, nuovissimo rimedio contro le rughe

La polpa del frutto di Cupuacu viene utilizzata anche nella preparazione di prodotti cosmetici come le lozioni per il corpo, poiché è altamente idratante e – similmente al burro di cacao – coadiuvante nella rigenerazione cellulare; un ingrediente ideale per la cura della pelle perché viene assorbito velocemente, e la lascia coperta di un velo soffice e nutriente.

(leggi l’articolo completo su www.riza.it)

Cure contro l’Emicrania

rimedi emicraniaQuesto tipo di mal di testa è conosciuto come emicrania e generalmente inizia prima dei 30 anni. Chi ne soffre è destinato a conviverci per gran parte della vita.
L’emicrania è una malattia cronica, pertanto non c’è un trattamento definitivo che la curi; tuttavia esistono cure per controllarla e avere in tal modo una vita normale.

La frequenza delle crisi è molto variabile, normalmente possono verificarsi più episodi al mese (da uno a quattro di media) e la durata è sempre relativa, può variare da 4 a 72 ore a seconda della messa in atto delle cure oppure no. Per curare l’emicrania possiamo parlare di due tipi di trattamenti sintomatici (che si eseguono quando appare il dolore) e quello preventivo (indicato per i casi più complicati, ovvero per coloro che hanno più di tre crisi al mese).

il trattamento sintomatico occorre menzionare:

  • Gli analgesici o calmanti (paracetamolo o acido acetilsalicilico). Non è il metodo più utilizzato poiché la sua efficacia è bassa. Inoltre si corre il rischio di soffrire di cefalea cronica quotidiana e questo porta a un dolore quotidiano.
  • Antinfiammatori. Sono quelli più utilizzati quando le crisi sono intense. Tra gli effetti secondari si annoverano problemi di stomaco come gastrite e ulcere.
  • Ergotamina. Si utilizza molto in combinazione con gli analgesici semplici. Non possono essere utilizzati se non sono prescritti dal medico, poiché possono provocare tra gli effetti indesiderati debolezza, vomito, vertigini, nausea, crampi, dolore addominali, diarrea.
  • Triptani. E’ il farmaco specifico per trattare l’emicrania e si applica nei momenti più acuti.

(leggi l’articolo completo su  www.benessereblog.it)