Una Mela al Giorno combatte il Colesterolo Cattivo

Problemi di colesterolo? Secondo gli scienziati dell’Ohio State University basta mangiare una mela al giorno per 4 settimane per ridurre del 40% i livelli di colesterolo LDL, quello comunemente definito “cattivo”. La notizia arriva dalle pagine del Journal of Functional Foods, dove Robert DiSilvestro e colleghi hanno pubblicato i risultati di uno studio in cui l’effetto sulle quantità di colesterolo nel sangue associato al consumo di mele è stato paragonato a quello ottenibile assumendo integratori a base dei loro principi attivi antiossidanti, i polifenoli.

ridurre colesteroloLa ricerca ha coinvolto 51 adulti in buone condizioni di salute, non-fumatori, di età compresa tra i 40 e i 60 anni. A 16 dei partecipanti è stato chiesto di mangiare ogni giorno per 4 settimane una grossa mela Red o una Golden Delicious, mentre ad altri 17 sono state prescritte capsule di polifenoli a una dose di 194 mg al giorno.
I rimanenti 18 hanno assunto un placebo privo di polifenoli.

che la forma di colesterolo cattivo più pericolosa è quella ossidata, gli scienziati hanno analizzato i livelli di LDL ossidate in ciascun partecipante. Di Silvestro ha spiegato che

L’estratto di polifenoli ha prodotto un effetto misurabile, ma non forte tanto quanto la mela. Ciò può essere dovuto al fatto che la mela contiene altri elementi che potrebbero contribuire all’effetto o al fatto che, in alcuni casi, questi composti sembrano essere assorbiti meglio quando sono consumati sotto forma di cibo.

Chi ha assunto il placebo, invece, non ha registrato nessun beneficio sull’ossidazione del colesterolo LDL.

Di Silvestro ha spiegato che

Quando il colesterolo LDL viene ossidato assume una forma che dà il via all’aterosclerosi, o all’irrigidimento delle arterie.

Pensiamo che i polifenoli siano i responsabili di gran parte dell’effetto delle mele.

Meglio, quindi, affidarsi ai frutti della natura piuttosto che assumere integratori contenenti loro principi attivi…

(Leggi l’articolo completo su  www.benessereblog.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *