Psoriasi: sintomi, alimentazione e cure

psoriasi sintomi cause cureLa psoriasi è una malattia della pelle infiammatoria ma non infettiva, cronica e (attualmente) non curabile in modo definitivo. Si tratta di una forma di dermatite molto comune ma non contagiosa, e diffusa in modo omogeneo su tutto il globo. Nello specifico, si stima che colpisca il 4 % degli italiani ed in media il 2% della popolazione dei paesi occidentali, sia donne che uomini. In genere, sebbene possa colpire ad ogni età, si manifesta più frequentemente nei giovani adulti, e tra i fattori che maggiormente incidono nella comparsa della psoriasi vi sono la predisposizione genetica a lo stress, come vedremo meglio più avanti. Vediamo, intanto, i sintomi principali della psoriasi.

Sintomi e cause

Questa malattia cutanea è facilmente diagnosticabile perché si presenta in modo abbastanza tipico. La psoriasi colpisce alcune zone del corpo – cuoio capelluto, gomiti, ginocchia in prevalenza, ma può manifestarsi ovunque – con la formazione di chiazze di colore rosso o rosato, leggermente in rilievo, secche e ruvide al tatto, che si desquamano in piccoli frammenti di pelle argentati. Poiché si pensa che queste chiazze siano determinate da un ricambio cutaneo troppo rapido, le squame non fanno in tempo a venire eliminate che subito si riformano.

L’andamento della malattia è ciclico, in alcuni periodi si assiste ad una quasi totale regressione dei sintomi, mentre in altri la malattia sembra quasi aggravarsi e le chiazze si moltiplicano. La cause della psoriasi sono ignote, anche se la predisposizione familiare è sicuramente il fattore chiave. Come anticipato stress e fattore ansioso possono influire sulla sua recrudescenza, ma a scatenarla potrebbe essere un problema a livello di sistema immunitario, come accade a chi abbia una pelle “atopica”, ovvero tendente a dermatiti e infiammazioni.

La psoriasi è una malattia “estetica”, nel senso che raramente assume una gravità tale da divenire invalidante. L’unico altro sintomo fastidioso legato alle chiazze è il prurito, che comunque non sempre si manifesta, e che spesso è più che altro legato ad azioni meccaniche quali sfregamento (ad esempio dell’abbigliamento, pensiamo alla ginocchia e ai gomiti) o traumi. In alcuni soggetti la psoriasi ha manifestazioni quasi insignificanti e relegate a zone poco visibili del corpo, ma in altri le chiazze arrivano a ricoprire vaste superfici cutanee risultando visibili e creando un disagio talmente pesante da influire sulla vita sociale e lavorativa di chi ne soffra. Vediamo i vari tipi di psoriasi.

Psoriasi: le diverse tipologie

La psoriasi è una malattia che può assumere diverse forme, e quindi anche i suoi nomi cambiano, ecco le principali: psoriasi volgare (quella più comune), psoriasi guttata (piccole chiazze simili a goccioline), psoriasi invertita (chiazze nelle pieghe di ascelle, ombelico e natiche) e psoriasi pustolosa (con formazione di piccole bolle giallognole piene di siero). Infine, esiste un tipo di psoriasi che colpisce le mani (i palmi) e la pianta dei piedi e che perciò è chiamata psoriasi palmo-plantare. In alcuni rari casi la psoriasi può colpire solo le unghie, e in questo caso parliamo di psoriasi ungueale. Si manifesta con piccoli buchi o spaccature del letto ungueale dette “a macchia d’olio”. Questo tipo di psoriasi è la più difficile da trattare. Quando la psoriasi colpisce vaste aree del corpo e le zone vicino alle articolazioni può anche provocare un certo dolore legato ai movimenti.

Psoriasi: l’alimentazione

Per alleviare i sintomi della psoriasi l’alimentazione pare avere un ruolo importante. Se, come si pensa, il processo di infiammazione cronica della pelle è legato ad un problema autoimmune, allora il paziente dovrà limitare l’assunzione di quegli alimenti che possano contribuire a innescare il processo infiammatorio . Evitare quindi i cibi e le bevande fermentati e i lieviti raffinati (birra, formaggi e latticini, pane e prodotti da forno “bianchi”), gli zuccheri industriali, insaccati e carne speziata e rossa. Fibre, fermenti lattici e probiotici, frutta e verdura specie crudi, legumi e pesce ricco di Omega 3, cereali integrali sono, salvo intolleranze individuali, da preferire.

Psoriasi: cure

Non conoscendone le cause precise, non è possibile una prevenzione, così come cure definitive per la psoriasi. Si usano in genere creme e lozioni per applicazione locale (uso topico) che riducono o cancellano la macchia eritematosa, ma solo momentaneamente.

(leggi l’articolo completo su http://salute.pourfemme.it/articolo/psoriasi-sintomi-alimentazione-e-cure/3561/)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *