La salute in ufficio

la salute in ufficioLa salute deve sempre essere protetta e preservata anche sul posto di lavoro. Per guadagnarsi da vivere, soprattutto in un periodo di crisi come questo, molte volte si mette da parte il benessere della singola persona.
Il lavoro occupa la maggior parte del tempo giornaliero, dei pensieri e necessita di uno sforzo fisico e mentale non indifferente. Purtroppo non si può negare che il lavoro può essere la causa di dolori, ansia, stress, che si riflettono, in alcuni casi, anche nella vita privata; però per migliorare la situazione, sia da un punto di vista fisico che emotivo, si possono seguire una serie di semplici regole.

Non ignorare mai lo stress

La prima regola è quella di non ignorare mai lo stress causato dal lavoro. Bisogna essere consapevoli che tutto ciò che ruota attorno al nostro lavoro, pensieri, fatica, impegni, possono essere fonte di stress. Infatti, nella maggior parte dei casi, non è tanto il lavoro in sé, ma sono i pensieri che continuamente vengono in mente e che ci sovrastano: non commettere mai errori, avere la stima e la fiducia del datore di lavoro o dei colleghi, essere sempre precisi, puntuali negli orari e nelle scadenze. È facile consigliare di non dare troppo peso a questi pensieri e di prendere tutto con più leggerezza ma è la prima cosa da fare. Per avere un aiuto da questo punto di vista e imparare a conoscere e a difendersi dallo stress esistono anche delle risorse on line molto importanti, oltre che è necessario sempre parlarne con il datore di lavoro e con degli esperti del rilassamento e della meditazione. Altra cosa è quella di separare il più possibile il lavoro dalla vita privata: quando si è con i propri cari pensare solo a loro e a se stessi; prendersi delle pause; uscire con gli amici; fare un regolare esercizio fisico o un hobby.

Non rimanere troppo seduti

Evitare di trascorrere troppe ore seduti. Anche se il lavoro lo richiede cercare sempre dei momenti o dei motivi per muoversi un pò: stare in piedi quando si è al telefono; spostarsi da un piano ad un altro facendo le scale e non prendendo l’ascensore; spostarci da una scrivania all’altra se si deve comunicare qualcosa al collega, invece, di inviare una mail. La troppa sedentarietà è un danno per la salute: aumenta il rischio di patologie cardiovascolari in quanto non si riesce a “bruciare” grassi e zuccheri. Posture prolungate o movimenti ripetitivi possono affaticare la muscolatura: un muscolo che lavora troppo, con il passare del tempo, diventa duro e indolenzito, mentre quello che non viene mai utilizzato si indebolisce. Tutto ciò provoca dolori e possibili lesioni. La soluzione a ciò è quella di rompere la ripetitività e alternare le attività.

Assumere quando si è seduti sempre una posizione corretta

Un’altra regola da seguire è quella che riguarda la posizione assunta quando si è seduti alla scrivania, magari usando il computer: utilizzare, se è possibile, delle sedie ergonomiche per proteggere e mantenere in asse la parte bassa della schiena; tenere i piedi sul pavimento, o almeno con un poggiapiedi; la tastiera del computer dovrebbe essere sempre posizionata in modo tale che gli avambracci risultino essere in parallelo col pavimento; il monitor deve essere allineato agli occhi, e il mouse deve sempre essere usato con l’intero braccio e non solo con il polso. Una cattiva postura, se non corretta, diventa una consuetudine peggiorando la situazione e la salute in generale.

Far riposare gli occhi

Gli occhi, durante il lavoro, si stancano fino al punto da rischiare patologie come la miopia, soprattutto, quando si è giovani, o la cosiddetta sindrome di computer vision (caratterizzata da mal di testa, affaticamento degli occhi, visione offuscata). È necessario, per la loro salute, proteggerli: distogliere lo sguardo dallo schermo ad intervalli regolari; regolare lo schermo in modo tale che contrasti e luminosità non siano troppo “fastidiosi”per gli occhi;

(leggi l’articolo completo su http://www.tantasalute.it/articolo/salute-sul-lavoro-le-regole-per-il-benessere-in-ufficio/793/)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>