Daily Archives: maggio 31, 2013

Vitamina B: Dove si trova, Alimenti e Benefici

vitamina BCon il termine vitamina B si intende in realtà un gruppo di sostanze, i cui benefici sono molto importanti per la nostra salute. Esse infatti sono fondamentali per garantire il buon funzionamento del fegato e del sistema nervoso, intervengono nel metabolismo dei lipidi e delle proteine e trasformano i carboidrati in glucosio. Ci aiutano a sentirci meno stanchi, favoriscono la digestione, contrastano le infiammazioni. Sono veramente tante le proprietà. L’assunzione mediante il cibo dovrebbe essere sempre assicurata e, in caso di carenze, si può ricorrere all’uso di specifici integratori.

I benefici

In generale, la vitamina B, secondo i risultati di una sperimentazione australiana, rappresenterebbe un toccasana per il cervello, costituendo l’elemento fondamentale per una memoria efficiente. Avrebbe degli effetti considerevoli contro il decadimento cognitivo e contro l’invecchiamento che inficia le funzioni cognitive. Infatti, è stato visto che è anche alleata contro l’Alzheimer.

Esaminiamo adesso nello specifico i benefici apportati dalle vitamine del gruppo B, prendendo in considerazione le principali sostanze di cui ha bisogno il nostro organismo.

La vitamina B1 è molto utile se ci sentiamo spesso stanchi o se siamo soggetti allo stress, se abbiamo poco appetito, se soffriamo di dolori muscolari o se respiriamo con difficoltà.

Se soffriamo spesso di bruciori e prurito, di fenomeni come stomatiti o lesioni alle labbra, è importante non fare mancare al nostro corpo la vitamina B2. Questa vitamina aiuta contro le infiammazioni.

La vitamina B3 ci aiuta a combattere le cattiva digestione e la nausea. Inoltre è fondamentale per garantire la regolarità intestinale e l’idratazione della pelle.

La vitamina B6 può aiutare contro l’iperattività, anche perché essa è implicata nella sintesi di molti neurotrasmettitori, come la serotonina e la dopamina. Inoltre interviene come modulatore degli ormoni steroidei.

La B9 partecipa al metabolismo delle proteine e alla sintesi del Dna, svolge un ruolo importante nel funzionamento del sistema cerebrale e nervoso.

La B12 è fondamentale per garantire delle importanti riserve energetiche per l’organismo. La B17 è implicata nella ricerca scientifica che riguarda la terapia dei tumori.

Dove si trova: alimenti

La vitamina B1 si trova soprattutto nella soia, nei cereali integrali, nella frutta secca e nel germe di grano, la B2 è presente nel lievito di birra, nel tuorlo d’uovo, nei piselli e nello yogurt, mentre la B3 è contenuta nel fegato, nel pesce e nel lievito di birra.

Per assumere la vitamina B6, dovremmo inserire nella nostra alimentazione pane integrale, fegato di vitello, pesce, pollame, lenticchie, spinaci, banane. Le verdure a foglia verde, come gli spinaci, le cime di rapa, i broccoli e gli asparagi, sono ricche di vitamina B9 o acido folico.

La B12, oltre che nel fegato, si trova

(continua a leggere su http://www.tantasalute.it/articolo/vitamina-b-dove-si-trova-alimenti-e-benefici/36443/)

Mangiare Vegetariano e Vegano per Vivere più a Lungo

Che vegetariani e vegani conducano uno stile di vita corretto è risaputo, un nuovo studio aggiunge addirittura che mangiare vegetariano e vegano fa vivere più a lungo. Questo è quanto risulta da un’indagine effettuata dall’Avventist Health Study che ha ripreso gli studi effettuati negli anni Settatanta e Ottanta dalla Loma Linda University della Califormia.

come vivere più a lungoGli Avventisti del settimo giorno sono un gruppo di religiosi che seguono uno stile di vita decisamente in controtendenza con quello genericamente seguito dagli americani. Innanzitutto non fumano, non bevono, non consumano droghe e sono vegetariani.

Lo studio, che si chiama ‘Adventist Health Study 2′, ha coinvolto 96mila fedeli, provenienti da Stati Uniti e Canada, con età comprese tra i 30 e i 112 anni. Dopo aver compilato un questionario nel quale si spiegavano nel dettaglio le proprie abitudini, i partecipanti hanno avuto cura di aggiornarlo ogni due anni. Da questo si è partiti per stabilire che mangiare vegetariano e vegano fa vivere più a lungo.

Gli studi hanno stabilito che la dieta vegetariana, a base di frutta, verdura, noci e legumi, riduce il rischio di cancro, malattie del cuore e diabete di tipo 2. Il ‘National Institutes of Health’ aveva dato alla Loma Linda una borsa di studio per continuare questo tipo di ricerca. Ebbene, gli Avventisti vegetariani vivono una media 83.3 anni (gli uomini) e 85.7 le donne.

La dieta vegana, più rigida di quella vegetariana, abolisce anche latte, latticini, uova e derivati e non vengono acquistati prodotti che implichino lo sfruttamento diretto di animali. Uno dei fondatori della chiesa Avventista è John Harvey Kellogg, l’inventore dei cerealia colazione.

Le ultime statistiche Eurispes, dicono che in Italia sono cinque milioni i vegetariani, solo lo 0,4 per cento è vegano. In maggioranza sono le donne a scegliere la dieta vegetariana o vegana. Anche i giovani tra i 18 e i 24 anni si avvicinano a questo stile di vita.

(leggi l’articolo completo su http://www.mondobenessereblog.com/2012/10/17/mangiare-vegetariano-vegano-vivere-lungo/)