Le grandi virtù del cavolo nero

Un ortaggio tipico dei mesi freddi che è una riserva di principi depurativi, antivirali e immunostimolanti, utile anche a decongestionare i tessuti irritati

proprietà cavolo neroSiamo arrivati all’inizio della stagione del cavolo nero, famoso soprattutto per la preparazione della  “ribollita”, la tipica minestra toscana. Caratterizzato da foglie bitorzolute color verde scuro,   il cavolo nero è utile per essere una riserva di risorse benefiche che da sfruttare soprattutto in vista dell’inverno Si tratta di un vegetale ricchissimo di sostanze antiossidanti (che spengono i processi infiammatori, migliorano quelli digestivi e hanno mostrato di possedere importanti proprietà di prevenzione antitumorale), sali minerali e vitamine, in particolare la C, che è il migliore vaccino naturale contro virus, dolori e infreddature.

Una manna contro distorsioni e infiammazioni
Forse non tutti sanno che il cavolo è stato sempre utilizzato dalla medicina delle Tradizioni (e quello nero è la qualità migliore a tale scopo) per curare distorsioni, botte, tumefazioni e infiammazioni osteoarticolari. Come? È molto semplice: basta posizionare un paio di foglie preventivamente pestate sulla parte dolente, fissandole con un bendaggio. Questo genere di applicazioni può essere fatto anche aggiungendo alle foglie una manciata di crusca: avendo quest’ultima proprietà “assorbenti”, accelera la guarigione del processo infiammatorio.

Uno scudo contro l’influenza e non solo…
Recenti ricerche confermano che il cavolo nero è utile nella prevenzione di numerose forme tumorali (cancro al colon, al retto, allo stomaco, alla prostata e alla vescica), e risulta efficace per coadiuvare la cura dell’ulcera gastrica, delle coliti ulcerose e anche delle forme influenzali. A tale scopo, la soluzione più semplice è quella di aggiungere un paio di foglie di cavolo nero alle minestre: l’ideale è lessarlo 10 minuti al vapore, poi frullarlo e unirlo alla zuppa a fine cottura, così da non disperderne le virtù curative. Possiamo utilizzare le sue foglie anche sotto forma di centrifugato: in particolare possono rivelarsi utilissime in caso di bruciori di stomaco e infiammazioni intestinali e, in generale, per tutte le difficoltà digestive. Centrifugate 4-5 foglie di cavolo e bevete questo succo fresco prima di pranzo e prima di cena. Continuate così per 30 giorni nel mese di novembre e ripetete il trattamento a marzo, quando il cavolo nero è ancora disponibile sui banchi dell’ortolano.

(Continua a leggere su http://www.riza.it/dieta-e-salute/cibo/3996/le-grandi-virtu-del-cavolo-nero.html)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *