Forti e Sani Grazie ai Semi

La loro ricchezza di minerali e acidi grassi aiuta a rinforzare la salute dei nostri bimbi, soprattutto d’inverno: l’ideale è mangiarli a colazione

benefici e proprietà dei semi

Alimento negletto sulla tavola italiana ma essenziale per la crescita armoniosa dei nostri figli, il seme è uno dei più preziosi integratori naturali: contiene in sé il “progetto” della pianta, così come il vostro bambino contiene in sé l’adulto futuro . Ogni seme racchiude quindi un enorme potenziale energetico. L’energia del seme si esprime, in termini biochimici, sotto forma di acidi grassi essenziali, i cosiddetti grassi “buoni” che assicurano il regolare funzionamento del sistema nervoso. I semi commestibili sono inoltre un’ottima fonte di vitamina E, che protegge la cute, e sali minerali, che favoriscono lo sviluppo muscoloscheletrico.

Prevengono anche debolezza e sovrappeso
Normalmente è consigliabile introdurre i semi nell’alimentazione del bambino dopo i 18 mesi, per abituare l’organismo ed evitare pericolose reazioni allergiche durante lo sviluppo. Il consumo di semi è importante soprattutto per i bambini che mangiano poca carne e pesce, perché, grazie all’alto contenuto di acido linoleico, minerali, ferro, magnesio e zinco, contribuiscono a ottimizzare l’apporto nutritivo quotidiano. Nonostante siano abbastanza calorici, i semi sono comunque preferibili alle merendine piene di calorie “vuote”: la maggior parte delle calorie del seme proviene proprio dall’acido linoleico e oleico, grassi ad alto valore biologico, che migliorano anche il rendimento cerebrale. Fra l’altro bastano porzioni minime di semi per avvertire un senso di sazietà che dura a lungo.

I semi di girasole aumentano il vigore fisico
I semi di girasole sono una buona fonte proteica, sono ricchi di vitamine del complesso B e forniscono minerali come magnesio, acido folico, rame, selenio, e triptofano che stabilizza l’umore: per la colazione dei piccoli si può aggiungere un cucchiaio di semi tritati in un vasetto di yogurt oppure, come snack, si possono consumare al naturale con l’aggiunta di un cucchiaio di uvetta. Una raccomandazione importante è di conservarli in frigorifero se li acquistate nella versione senza guscio, per evitare che irrancidiscano.

Quelli di zucca potenziano la memoria
I semi di zucca sono un ricco scrigno di fosforo e sali minerali. Quelli che si trovano in commercio sono tostati al forno e leggermente salati: per questo costituiscono un croccante snack a metà pomeriggio oppure un valido sostituto del parmigiano per arricchire una vellutata di carota o zucca al posto dei soliti crostini.

I semi di sesamo nutrono nervi e articolazioni
Campioni di virtù, i semi di sesamo sono ricchi di calcio, ferro, fosforo, manganese, zinco e rame. Un gustoso condimento che si sta diffondendo anche in Italia è il gomasio, una polvere a base di sesamo e sale, utilizzata per condire.
Quando si prepara il gomasio per i bambini, i semi, dopo essere stati tostati leggermente, devono essere pestati o tritati più del normale per renderli più digeribili e la proporzione di sale deve essere minore. Un’ottima combinazione di sapore e qualità nutrizionale è un cucchiaino di gomasio sul pesce al forno.


Quelli di lino stimolano intestino e midollo
Dai semi di lino, i più ricchi di acido alfa-linoleico e Omega 3, indispensabili per la crescita, si ricava un olio da utilizzare solamente a crudo in alternativa all’olio d’oliva, per la sua azione rinforzante e disintossicante. Se si usano i semi di lino interi, bisogna tritarli leggermente e utilizzarli subito per evitare il deperimento.

(Continua a leggere su http://www.riza.it/figli-felici/alimentazione/4071/forti-e-sani-grazie-ai-semi.html)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>