Tag Archives: antiossidanti

Alimenti Ricchi di Antiossidanti

I radicali liberi sono la causa principale dell’invecchiamento precoce: per combatterli ci vengono in aiuto gli antiossidanti, delle sostanze che rallentano il processo ossidativo nel quale le cellule vengono attaccate in modo irreversibile accelerando il processo di invecchiamento, oltre a esporre l’organismo ad alcune malattie.

dieta alimentare antiossidante
Ecco perché è importante conoscere gli alimenti che contengono sostanze antiossidanti: includendoli nella dieta si può proteggere l’organismo dall’azione dei radicali liberi.

Quali sono i dieci alimenti più ricchi di antiossidanti:

  1. Olio extra-vergine di oliva. Ricco di vitamina E e di acidi grassi monoinsaturi, è utile per proteggere il sistema cardiovascolare e ritardare l’invecchiamento cellulare.
  2. Aglio. Contiene antiossidanti utili per il cuore; aiuta a prevenire le infiammazioni e frena la degenerazione cellulare.
  3. Frutti rossi e mirtilli. Ottimi antiossidanti, i frutti rossi sono in grandi di contrastare il declino delle abilità motorie e cognitive.
  4. Broccoli e cavolfiori. Proteggono dal rischio di tumori e dall’insorgenza di cataratte oculari.
  5. Kiwi. Contengono una grande quantità di polifenoli, delle sostanze in grado di proteggere dalle malattie degenerative e dall’invecchiamento precoce.
  6. Cipolle. Ricche di flavonoidi, vanno però consumate fresche perché perdono le sostanze benefiche durante la cottura.
  7. Avocado. Perfetto per ritardare l’invecchiamento dei tessuti grazie alla presenza di vitamine A ed E.
  8. Pomodori. Contengono licopene, un antiossidante che protegge l’organismo dall’ictus, ma anche dalle malattie cardiovascolari, dalla pressione alta e per contrasta il colesterolo.
  9. Spinaci e bietole. Contengono la leutina, un antiossidante molto importante per la vista.
  10. Melograno.

(Continua a leggere su http://www.dietaland.com/antiossidanti-alimenti-ricchi/27184/)

Gli Alimenti più Ricchi di Antiossidanti

cibi antiossidantiPer tutelare la propria salute, è molto importante assumere alimenti ricchi di antiossidanti. Questi ultimi, infatti, permettono di prevenire le malattie cardiache, il cancro, il morbo di Alzheimer, il morbo di Parkinson, ecc.. Gli antiossidanti proteggono le cellule dell’organismo dai danni causati dai radicali liberi. Queste sostanze risultano particolarmente abbondanti negli alimenti di origine vegetale con colori vivaci, tra i quali troviamo:

  • fagioli;
  • mirtilli;
  • carciofi;
  • more;
  • prugne;
  • lamponi;
  • fragole;
  • mele;
  • ciliegie;
  • patate;
  • noci;
  • cannella;
  • origano;
  • chiodi garofano;
  • cioccolato fondente.

Per fornire all’organismo la giusta quantità di antiossidanti è preferibile variare con l’alimentazione in quanto i cibi contengono diversi tipi di antiossidanti, ognuno dei quali permette di proteggere un determinato tessuto del corpo. E’ molto importante consumare quotidianamente quantità elevate di verdure fresche (ad esempio, un’abbondante insalata od un succo di verdure preparato in casa). Per evitare problemi dentali o livelli di insulina troppo alti, si consiglia di limitare il consumo di frutta dolce. Si ricorda che frutta e verdure devono essere sempre lavate con cura in quanto potrebbero presentare residui di antiparassitari.

40 cibi ricchi di antiossidanti.

Aumentare il consumo di una varietà di antiossidanti con questi alimenti sani, il seguente è un elenco di diversi tipi di antiossidanti e cibi ad alto contenuto di ciascuna.

  • Composti di zolfo allium: Porri, cipolle, aglio
  • Gli antociani: melanzane, uva, frutti di bosco
  • Beta carotene: zucca, mango, albicocche, carote, spinaci, prezzemolo
  • Catechine: Vino rosso, tè
  • Rame: pesce, carne magra, latte, noci, legumi
  • cryptoxanthins: rosso peperoni, zucca, mango
  • I flavonoidi: tè, tè verde, vino rosso, agrumi, cipolle, mele
  • indoli: verdure crocifere come broccoli, cavoli, cavolfiori
  • lignani: Semi di sesamo, crusca, cereali integrali, verdure
  • Luteina: mais, verdure a foglia verde (come gli spinaci)
  • Licopene: pomodori, pompelmo rosa, anguria
  • Manganese: pesce, carne magra, latte, frutta a guscio
  • Polifenoli: timo, origano
  • Selenio: pesce, frattaglie, carne magra, cereali integrali
  • Vitamina C: arance, frutti di bosco, kiwi, mango, broccoli, spinaci, peperoni
  • Vitamina E: oli vegetali, noci, avocado, semi, cereali integrali
  • Zinco: frutti di mare, carne magra, latte, frutta a guscio

(continua a leggere su http://www.dietainformaebenessere.com/gli-alimenti-piu-ricchi-di-antiossidanti/)

A Cosa Servono gli Antiossidanti

Gli antiossidanti servono principalmente a contrastare l’effetto dei radicali liberi. Gli stessi vengono prodotti in continuazione e, insieme ad altre molecole, portano a malattie e invecchiamento.

dieta alimentare antiossidanteIl loro contributo, quindi, è fondamentale e, tra l’altro, molto riescono a fare pure contro le reazioni nocive dell’inquinamento atmosferico, fumo di sigarette e radiazioni solari.Il potere degli antiossidanti è forte persino contro qualche tipo di medicina, i grassi animali e gli alcolici. Tutti elementi che possono moltiplicare l’attacco dei radicali liberi con conseguenze non sempre troppo prevedibili. Non tutti comunque devono essere assunti dall’esterno, visto che il nostro corpo che pensa a tutto ne produce una buona parte.

Il pericolo sempre dietro l’angolo, comunque, è che non bastino più e, in questo caso, allora bisogna preferire degli integratori o degli alimenti che contengano sostanze antiossidanti. Si, ma quali sono? Gli antiossidanti esogeni, questo il loro nome esatto si trovano in frutta e verdura a partire da buona parte di sostanze vitaminiche, come la vitamina C. Gli agrumi, quindi, ne sono una buona fonte. Lo stesso vale poi per la vitamina E e il betacarotene, che nel nostro corpo si trasforma in vitamina A. Maggiore attenzione negli ultimi anni è stata rivolta negli ultimi anni pure a pomodoro, aglio, olio extravergine, cavolo, vino rosso e tè verde. Consumare questi alimenti in modo non eccessivo ma costante, è stato provato, che può apportare dei benefici e farci restare in salute più a lungo. I classici ingredienti della dieta mediterranea, tra le migliori al mondo ancora di più adesso che siamo in estate e vogliamo restare leggeri dopo esserci alzati da tavola. Se poi abbiamo pure la certezza di aver fatto qualcosa per la nostra salute, allora è ancora meglio.

(continua a leggere su http://www.mondobenessereblog.com/2013/07/30/benessere-antiossidanti-a-cosa-servono/)

Gli Antiossidanti Estivi per ogni Età

Con gli oligoelementi, le erbe giuste e i prodotti delle amiche api recuperi resistenza e vigore a tutte le età anche in piena estate

antiossidanti estiviDurante le vacanze estive, e anche per garantirsi una ripresa di settembre a tutta energia, si possono assumere per 2 settimane alcune combinazioni di oligoelementi. In particolare consigliamo, alternandoli un giorno dopo l’altro, i mix Manganese-Cobalto (una fiala al mattino sotto la lingua, 15 minuti prima di colazione) e Magnesio (secondo le stesse modalità), indicati per predisporre il metabolismo al cambio di ritmo imposto dall’estate. Oltre a questo, scegli, tra quelli qui sotto, l’integratore specifico per la tua fascia d’età.

Scegli gli alleati più adatti a te e alla tua età

20 – 30 anni: pappa reale e limone
La pappa reale contiene flavonoidi, vitamine del gruppo B e minerali. Serve a ridare vigore. Mezzo cucchiaino, la mattina a digiuno, per un mese, anche diluita in acqua con il succo di limone (antiossidante).

30-40 anni: il polline con lo yogurt
Il polline è ricco di antiossidanti ed è indicato come ricostituente. Ne basta un cucchiaino nello yogurt (anti stipsi) la mattina, per 30 giorni, o spalmato sul pane, con un velo di miele (tonificante).

40-50 anni: il succo di noni
È uno degli antiossidanti naturali più efficaci. Contiene antocianine, utili a proteggere i capillari, che d’estate possono essere maggiormente esposti al danno da radicali liberi soprattutto in questa fascia di età.

Dopo i 50 anni: il ginkgo biloba
È un antiossidante ricco di flavonoidi, indicato per la prevenzione dell’invecchiamento del cervello. Si consiglia l’assunzione di 2 capsule di estratto secco al giorno per cicli di due mesi, interrotti da 20 giorni di pausa.

L’integratore tuttofare è la crema di yogurt, pere e cannella
Quando l’afa ti sfianca e ti toglie le forze, prova questa crema fredda di yogurt e pere arricchita da un pizzico di cannella: nutre, disseta e, grazie agli zuccheri naturali e alle fibre che contiene, ha un’ottima azione depurativa e antiossidante. Puoi utilizzarla per tutta l’estate a merenda o come dessert.

ll vantaggio: lo yogurt purifica la flora batterica intestinale e rigenera le difese, le pere migliorano i processi digestivi e la cannella risveglia l’energia oltre a ridurre (se sono presenti) i depositi di adipe e ristagni.

(Leggi l’articolo completo su http://www.riza.it/benessere/integratori/3866/gli-antiossidanti-estivi-per-ogni-eta.html)

Cosa sono i Radicali Liberi e gli Antiossidanti

Capire cosa sono i radicali liberi e gli antiossidanti è molto importante. Il corpo umano è composto da diversi tipi di cellule, le quali a loro volta sono composte da diversi tipi di molecole. Queste ultime sono costituite da uno o più atomi di uno o più elementi uniti tra loro da legami chimici. Gli atomi sono costituiti da un nucleo, neutroni, protoni ed elettroni. I protoni (particelle caricate positivamente) si trovano all’interno del nucleo dell’atomo, mentre gli elettroni (particelle caricate negativamente) lo circondano.

radicali liberi - antiossidantiGli elettroni sono coinvolti in varie reazioni chimiche e permettono la formazione delle molecole. L’atomo è costituito da più gusci. Il primo guscio può ospitare 2 elettroni, il secondo 8, ecc.. Una volta riempiti i gusci più interni gli elettroni tendono a riempire progressivamente quelli più esterni. La caratteristica strutturale più importante di un atomo che permette di determinarne il comportamento chimico è il numero di elettroni presenti nel suo guscio esterno. Un atomo che ha un guscio esterno completo tende a non avere reazioni chimiche (sostanza inerte). Poiché gli atomi cercano sempre di raggiungere la massima stabilità, tendono ad acquisire, perdere o condividere elettroni con altri atomi per riempire o svuotare il loro guscio esterno. I radicali liberi sono molecole (gruppi di atomi legati tra loro) instabili in quanto presentano un elettrone “spaiato e, quindi, disponibile a reagire con altri composti per catturare un elettrone ed ottenere la stabilità. In pratica, i radicali liberi attaccano la molecola stabile più vicina alla quale “rubano” un elettrone. Quando la molecola “attaccata” perde il suo elettrone, diventa anch’essa un radicale libero, dando vita così ad una reazione a catena. Una volta innescato questo processo, le cellule dell’organismo possono riportare danni importanti. Alcuni radicali liberi vengono prodotti normalmente nel corpo umano durante il suo metabolismo. Tuttavia, anche fattori ambientali come l’inquinamento, le radiazioni, il fumo di sigaretta e gli erbicidi possono generarli. Solitamente, l’organismo riesce a gestirli senza grossi problemi, ma quando esiste una carenza di antiossidanti o quando la produzione di radicali liberi risulta eccessiva, le cellule possono subire dei danni. E’, inoltre, importante ricordare che i radicali liberi si accumulano con l’avanzare dell’età. Gli antiossidanti, come la vitamina C e vitamina E, permettono di proteggere il corpo dai loro effetti distruttivi donando un loro elettrone e ponendo così fine a questa reazione a catena.

(leggi l’articolo completo su http://www.dietainformaebenessere.com/cosa-sono-i-radicali-liberi-e-gli-antiossidanti/)

Esperidina, naturale Elisir di Bellezza

esperidinaL’esperidina è un antiossidante della famiglia dei flavonoidi (vitamina P), composti chimici di origine naturali, molto importanti per la salute del corpo e per la bellezza.  Si trova in grandi quantità soprattutto nella buccia degli agrumi ed è presente anche nelle foglie, in concentrazioni minori.

Quali sono le principali caratteristiche? Nei primi anni, sono state sfruttate soprattutto i suoi effetti capillarotropici, ovvero è in grado di ridurre la fragilità capillare, rendendo le pareti dei vasi molto più resistenti. Ovviamente, è un antiossidante, quindi contrasta l’azione dei radicali liberi, ma anche ipotensivo, mantiene bassi i livelli di colesterolo e in grandi dosi rafforza le ossa. La proprietà più studiata negli ultimi mesi è quella legata al fenomeno dell’invecchiamento. L’esperidina si è dimostrata un elisir di bellezza. L’ha dimostrato una ricerca, firmata dai laboratori de L’Oréal e Nestlé, che si è occupata di mettere in luce sua capacità di eliminare la micro-infiammazione, una delle cause dell’invecchiamento.

La micro-infiammazione è in grado di provocare una sorta di squilibrio tra i radicali liberi e gli antiossidanti, favorendo il lavoro di danneggiamento dei radicali. Ovviamente, si tratta di una situazione totalmente asintomatica e proprio per questo motivo subdola e difficile da contrastare.  Dallo studio realizzato da L’Oréal e Nestlé si è potuto evincere che l’esperidina può essere la chiave per fermare questo processo. In che modo? L’idea delle due aziende è quella di creare un approccio nutrizionale che combina antiossidanti e questo particolare flavonoide.

È stato quindi realizzato un integratore alimentare (Anti-Age Cellulaire), che sfruttando l’azione di selenio e vitamina C è in grado di rallentare dall’interno gli effetti degli anni che passano. È ovvio, nulla può fare se non è inserito nella dieta giusta.  Sempre secondo la ricerca, l’Esperidina assunta per via orale non solo distende la cute, riduce le rughe più marcate, ma contrasta l’ iperpigmentazione cutanea e stimola la produzione di collagene, glicosaminoglicani e acido ialuronico. Risultato? La pelle è più bella, idratata e maggiormente luminosa.

(Fonte www.dietaland.com)

I Benefici delle Fragole: fanno Dimagrire e contrastano Cellulite e Smagliature

Maggio è il mese delle fragole: dolci, gustose e straricche di antiossidanti, a sorpresa sono anche una miniera di principi attivi preziosi per dimagrire. Per sfruttare al meglio queste virtù, l’ideale è mangiarle fuori pasto, a colazione la mattina o come snack.

benefici delle fragolePur essendo un frutto dolce e appetibile, la fragola contiene poche calorie, appena 30 ogni 100 grammi.
Ha prima di tutto un’azione depurativa e anti-infiammatoria, attiva gli antiossidanti già presenti nell’organismo e ha una forte azione di stimolo sulle attività metaboliche.

Inoltre le fragole contengono l’acido acetilsalicilico, che riattiva le difese immunitarie e, dunque, agiscono come un’aspirina naturale, migliorando la funzionalità del microcircolo, con effetti benefici in caso di ristagni venosi, gambe gonfie, cellulite e ritenzione.

Grazie alle fragole si assumono sia vitamine del gruppo B (fondamentali per mantenere la pelle elastica) sia vitamina C (cinque fragole corrispondono alla vitamina contenuta in un’arancia), che previene cedimenti e smagliature. Inoltre, contengono calcio e magnesio (rinforzanti e antifame), ferro (rassodante e antianemico), potassio (dall’azione drenante) ma anche sodio, silice, iodio e bromo: tutti sali che risvegliano il metabolismo.

Le fragole possono essere anche consumate dai diabetici, perché lo zucchero che contengono viene eliminato facilmente dall’organismo. Non ultimo, la fragola è considerata un alimento anticancro grazie alla presenza di acido allagico che riduce l’assorbimento delle tossine tumorali introdotte con cibi e farmaci, a livello dell’intestino.

Le fragole si lavano solo prima del consumo, delicatamente sotto il getto del rubinetto oppure sciacquandole in una bacinella di acqua, ma senza lasciarle in ammollo. Meglio mangiarle appena lavate e senza aggiungere zucchero bianco che, oltre ad aumentare l’apporto calorico, neutralizza gli antiossidanti contenuti nel frutto.

Gustare le fragole con il limone o poche gocce di aceto di mele stimola la diuresi. Oppure si possono frullare con un vasetto di yogurt naturale e una foglia di menta oppure centrifugare con una mela e una banana: otterremo così una merenda nutriente, disintossicante e anti gonfiori.

(Fonte www.freshplaza.it)

Perdere Peso seguendo la Dieta dei Colori

La dieta dei colori è perfetta per perdere peso, ma anche per preparare la pelle alla stagione estiva. Se notate ogni periodo dell’anno è accompagnato da frutta e verdura con colori differenti: in primavera ed estate sono molto più comuni i frutti dalle tonalità intense, come rosso ciliegia, l’arancio melone o il rosa intenso delle fragole. La prima regola quindi per seguire questo tipo di alimentazione è semplicemente consumare prodotti a chilometro zero legati alla stagionalità, perché contengono in linea di massima tutte le vitamine e i sali minerali necessari per la salute del nostro corpo.

La cromodieta

cromodieta la dieta dei coloriCon cromodieta intendiamo proprio un’alimentazione legata al colore dei cibi. A determinare certe colorazioni, infatti, sono alcune vitamine e alcuni antiossidanti. Per fare degli esempi concreti: il rosso indica la presenza di betacarotene, di licopene antiossidanti e antitumorali, molto utili per difendere la pelle dal sole, il verde, invece, la clorofilla e il blu gli antociani che sono sostanze davvero importanti per proteggere i vasi sanguigni e la circolazione. Non è un caso che in estate, quando le gambe soffrono di pesantezza, il consiglio sia sempre quello di consumare i mirtilli o integratori a base di mirtilli. L’arancione è il colore del sole e stimola il metabolismo ed è collegato all’assorbimento di alcuni principi nutritivi. I colori, comunque, hanno anche un effetto di carattere psicologico.

I colori influenzano l’appetito

È stato verificato che il giallo e l’arancione aumentino la secrezione gastrica e attirano i golosi, mentre il viola e il verdastro evocano la “putrefazione” e dunque ci disgustano. Ci avevate mai pensato? Bisogna ammettere che una bella melanzana fa pensare a tutto tranne che alla putrefazione. Questa teoria è stata elaborata da Mariella D’Amico, autrice di ‘Colorpower. Come puoi migliorare salute, relazioni e lavoro con il giusto utilizzo dei colori’. L’esperta ha commentato: “E’ la tonalità dorata del pane che lo fa sembrare più appetitoso. Mentre i cibi rossi mettono in circolo più noradrenalina, e dunque hanno un effetto dimagrante. A patto di riuscire a non mangiare di corsa”.

Per dimagrire mangiare rosso

Esistono dei colori che favoriscono il dimagrimento? La risposta dell’esperta ovviamente è sì. Il rosso è il colore che aiuta a perdere peso, mentre il giallo e l’arancione fanno ingrassare. C’è di più il verde e il viola tolgono l’appetito. Ricordiamo quello che abbiamo accennato all’inizio: i colori sono determinati dagli antiossidanti e dalle vitamine. Per conservarsi in salute, la scelta migliore è fare il pieno di tutti colori. È importante però distinguere tra colori naturali e coloranti, presenti purtroppo in molti cibi: alcuni sono eccitanti e creano nei bambini iperattività, davvero dannosa per la loro crescita. E come si fa a sapere cosa c’è dentro cibo? Leggendo l’etichetta ed evitando tutti quei prodotti che hanno più di cinque ingredienti. Non ve ne resteranno molti.

(Fonte dieta.pourfemme.it)

Vino Rosso e Noci per la Memoria e un Cervello sempre Giovane

nociSecondo i risultati di uno studio spagnolo consumare olio, noci, un bicchiere di vino rosso e caffé ridurrebbe il rischio di malattie cognitive e dell’Alzheimer, migliorando l’attività della memoria e le capacità cerebrali.
La dieta meditarranea ancora una volta dimostra di essere la più indicata per i suoi benefici in termini di salute. Non dovrebbe stupirci infatti che nei paesi in cui vengono consumati alimenti tipici di questa dieta ci sia un tasso di obesità più basso e la popolazione sia più longeva.

Una dieta a base di olio, noci, un bicchiere di vino rosso e un caffè aiuterebbe quindi la nostra memoria a mantenersi in allenamento e allo stesso tempo il nostro cervello resterebbe sempre giovane e in forma. Le noci in effetti, diversamente da quanto si possa pensare,  sono un frutto secco completo e salutare. Oltre ad essere ricco di acidi grassi Omega-3 e Omega-6 che combattono il colesterolo cattivo, questo alimento contiene molte vitamine, tra le quali la vitamina B1, B2, B6 ed E,  importanti nella lotta contro l’invecchiamento e le malattie cardiovascolari.

vino rossoIl vino rosso invece è ricco di polifenoli, tra cui il resveratrolo, che ha molte proprietà benefiche tra cui la prevenzione del cancro, la protezione del cuore e del cervello fino alla riduzione delle patologie collegate all’età, agli stati infiammatori, al diabete e all’obesità. Naturalmente occorre sempre non esagerare, quindi è necessaria una consumazione da bassa a moderata. Quindi gli antiossidanti e soprattutto i polifenoli contenuti in olio, vino, caffè e noci, non devono mancare nella nostra dieta, proprio perchè sono gli molto preziosi per mantenere il cervello sano molto a lungo.

Lo studio PREDIMED (PREvencion con DIeta MEDiterranea), condotto da ricercatori dell’università di Barcellona su 450 uomini e donne fra i 55 e gli 80 anni, tutti ad alto rischio cardiovascolare, è stato pubblicato sul Journal Alzheimer Deseases.

(Fonte www.mondobenessereblog.com)

Lo Spuntino Ideale prima della Palestra? Il Crescione

spuntino ideale per palestraLo spuntino ideale prima di entrare in palestra è il crescione. Ma non confondetevi: non sto parlando della specialità romagnola fatta con la pasta della piadina, ma di quell’insalata dal gusto leggermente piccante imparentata con cavolfiori, cavoli e broccoli e talmente ricca di antiossidanti da proteggere il DNA dai radicali liberi che vengono prodotti durante l’esercizio fisico.

A svelare questa proprietà del crescione è uno studio condotto da alcuni esperti di sport britannici, pubblicato sul British Journal of Nutrition. I ricercatori hanno chiesto a 10 uomini giovani e in salute di mangiare tutti i giorni, per 8 settimane, 85 grammi di crescione. In seguito a tutti i partecipanti è stato chiesto di correre sul tapis roulant aumentando gradualmente l’inclinazione del tappeto. Poche settimane dopo l’esercizio è stato ripetuto senza, però, mangiare il crescione.

Confrontando campioni di sangue prelevati prima e dopo la corsa i ricercatori hanno scoperto che la dieta a base di crescione evita il danneggiamento del DNA associato all’esercizio fisico.

Mark Fogarty della Napier University di Edimburgo, primo autore dello studio, ha spiegato che

anche se siamo tutti consapevoli di quanto l’esercizio possa essere benefico per i nostri corpi, correre sul tapis roulant, alzare i pesi, o sottoporsi a livelli elevati di allenamento può avere i suoi costi. L’aumento della richiesta di energia nell’organismo può far accumulare radicali liberi che possono danneggiare il nostro DNA.

Tuttavia, il crescione aiuta ad aumentare i livelli di alcune vitamine dal potere antiossidante. Per chi non ama molto l’insalata, c’è un’altra buona notizia: secondo i ricercatori non c’è bisogno di mangiarlo tutti i giorni per proteggere il DNA mantenendosi in forma.

(Fonte www.benessereblog.it)