Tag Archives: dimagrire

Amarene, un alleato per dimagrire

Questo bellissimo frutto estivo dal gusto asprigno rassoda ed elimina le infiammazioni e gli eccessi di grassi e zuccheri nel sangue che frenano la perdita di peso
amarene per dimagrireL’amarena, che giunge a piena maturazione tra giugno e luglio, è un frutto ricco di sostanze utili per drenare, sgonfiare e per rimetterci in forma in vista delle vacanze, per molti imminenti. Ha lo stesso contenuto calorico (63 kcal l’etto) della sua “parente” più prossima, la ciliegia, ma presenta una concentrazione maggiore di sostanze antiaging come bioflavonoidi e antociani che, oltre a conferire l’acceso colore rosso, combattono e prevengono le infiammazioni e contrastano le flaccidità. La ricchezza in bioflavonoidi agisce positivamente anche sul circolo sanguigno, prevenendo la formazione di ictus, trombosi e rafforzando i capillari. Un buon centrifugato di amarene fresche assunto regolarmente allevia la formazione degli antiestetici capillari che tendono a rompersi nella stagione calda e conferisce quindi alla pelle un aspetto più sano e tonico.
Le amarene: antiage e antigonfiori! Le amarene sono soprattutto un eccellente rimedio naturale per chi, soprattutto d’estate, soffre di gonfiori alle gambe e ritenzione idrica. Il loro effetto diuretico è dovuto al contenuto di vitamine (gruppo B, PP, vitamina C e betacarotene) e minerali come ferro, calcio, magnesio, potassio e fosforo. L’amarena contiene inoltre acido malico (che stimola la digestione) e ha un’azione depurativa sul sangue e sul fegato perché abbassa i livelli di colesterolo e trigliceridi. Le vitamine A e C, i flavonoidi e gli oligoelementi in essa contenuti hanno un’efficace azione antinfiammatoria e antiage, e favoriscono la produzione di collagene, stimolando il rassodamento dei tessuti cedevoli. Aiutano a ridurre il girovita L’amarena è anche un frutto da non farsi mancare se si vuole ridurre il girovita e perdere qualche chilo nella zona addominale perché, oltre a depurare, stimola l’intestino. Rispetto alla ciliegia, l’amarena ha un sapore più asprigno e amarognolo, caratteristica che rende questo frutto più saziante. Una decina di amarene nei fuori pasto o centrifugate calmano la fame nervosa e ripuliscono il sangue dai grassi accumulati. Oltre ad avere un contenuto calorico basso, le amarene sono adatte anche ai diabetici, perché i loro antociani contribuiscono ad abbassare la glicemia. (Continua a leggere su http://www.riza.it/dieta-e-salute/dimagrire/4291/amarene-un-alleato-per-dimagrire.html)

Come stimolare la Leptina per Perdere Grasso Naturalmente

stimolare la leptinaLa leptina è un ormone proteico prodotto dal tessuto adiposo che ha il compito di regolare il senso di sazietà. Nelle persone obese, a causa dell’eccessiva massa grassa, si sviluppa una resistenza alla leptina, che così non è più in grado di comunicare correttamente con il cervello e inviare messaggi efficacemente. Quindi, maggiore è il grasso nella persona, minore è l’efficacia dell’ormone della sazietà. Di seguito, vedremo come “risvegliare” e stimolare la leptina affinché si possa riuscire a controllare la fame ed eliminare il grasso in modo naturale ed efficace.

Attività fisica

Abbiamo appena detto che maggiore è il grasso corporeo, minore è l’efficacia della leptina. Quindi, innanzitutto bisogna cominciare a perdere qualche chilo di troppo facendo esercizio fisico. Non è necessario eliminare quanto più grasso possibile in poco tempo, l’importante è cominciare a eliminare il grasso. Nel momento in cui si inizia a perdere anche solo un minimo di massa grassa, la comunicazione dell’ormone leptina con il cervello comincia a migliorare. Secondo la University of Texas Health Science Center basta perdere anche solo un paio di chili per aiutare i livelli di leptina a ritrovare la normalità. Nei soggetti obesi infatti, i livelli di leptina aumentano proprio perché il corpo tenta di colmare la mancanza di comunicazione con un maggior numero di ormoni leptina, il problema è che comunque tale comunicazione con il cervello non migliora nonostante la maggiore presenza dell’ormone. L’obiettivo è quindi quello di ridurre la massa grassa e quindi anche l’alta concentrazione di leptina nelle cellule adipose in modo da ristabilire una comunicazione adeguata con il cervello.

Fare attività fisica regolarmente è il modo migliore per iniziare a perdere peso. Basta anche solo una camminata di 30 minuti al giorno oppure a giorni alterni. Oltre alle attività cardiovascolari come corsa, nuoto, bicicletta e altre, si consigliano i pesi per aumentare la massa muscolare, la quale aiuta a eliminare il grasso più efficacemente.

L’attività fisica inoltre contribuisce a diminuire i livelli di stress, altra causa legata all’aumento di peso. In questo caso, sarebbe bene praticare lo yoga, che unisce l’esercizio fisico al rilassamento psico-fisico, l’ideale per abbattere lo stress e gli accumuli di grasso.

Alimenti che aumentano la sensibilità alla leptina

Mangiare cibi che bilanciano i livelli di leptina può aiutare a ristabilire la sensibilità a questo ormone e migliorare i segnali che manda al cervello. Consumare proteine a prima colazione può essere utile a ripristinare la sensibilità alla leptina, come anche cibi ricchi di fibre e verdure a foglia verde. In pratica tutti quei cibi poveri di calorie vuote e grassi cattivi.

Altro aspetto importante nell’alimentazione è quello di mangiare piccoli pasti frequenti, anziché pochi pasti abbondanti, durante tutto il corso della giornata in modo da accelerare il proprio metabolismo. Le porzioni devono essere a basso contenuto calorico e gli snack devono essere salutari, come per esempio yogurt magro, frutta, frutta secca, insalata, cereali e così via. La frutta fresca e la verdura offrono una buona fonte di energia e sono alimenti a basso contenuto calorico quindi si possono mangiare più volte al giorno.

Sostituire i carboidrati semplici con quelli complessi. Secondo la rivista Journal of Sports Science and Medicine, l’insulina è legata alla regolazione della produzione di leptina. I carboidrati integrali, tra cui i cereali integrali, riso, pane e pasta integrali, contribuiscono a un rilascio lento e regolare di insulina durante l’arco giornata. Questo è importante per mantenere un tasso costante e sano di glucosio nel sangue in modo che non si verifichino sbalzi con rilasci eccessivi di insulina e crolli nei livelli di zuccheri, con inevitabili riscontri negativi sull’appetito e quindi sul peso corporeo.

Mangiare cibi poco grassi è importante, ma è altrettanto importante scegliere alimenti che contengono grassi buoni, dato che il nostro corpo ha bisogno di questi grassi per il corretto funzionamento e per la giusta energia. I cibi che contengono grassi salutari come gli omega 3 sono per esempio oli vegetali, frutta secca come noci, arachidi e mandorle, semi di lino (meglio se tritati), semi di chia, semi di girasole e altri semi oleosi, pesce grasso (non più di due volte a settimana) come sgombro, halibut, e salmone.

Dimagrire con le Fragole

In questo piccolo frutto di maggio si nasconde una miniera di micronutrienti bruciagrassi, fra i quali il potassio, che riduce gli accumuli di liquidi e adipe 

fragole fanno dimagrireMaggio è il mese delle fragole: dolci, gustose e straricche di antiossidanti, a sorpresa sono anche una ricca miniera di principi attivi preziosi per perdere peso. Per sfruttare al meglio queste virtù, l’ideale è gustarle fuori pasto, a colazione la mattina o come snack.

Sono dolci ma poco caloriche..
Pur essendo così dolce e appetibile, la fragola contiene poche calorie: appena 30 per etto di prodotto. Questo frutto ha un’azione depurativa e disinfiammante, attiva gli antiossidanti già presenti nell’organismo e ha una marcata azione di stimolo sulle attività metaboliche. Inoltre le fragole contengono l’acido acetilsalicilico, che riattiva le difese immunitarie (e dunque agisce come un’aspirina naturale) e migliora la funzionalità del microcircolo, con effetti benefici in caso di ristagni venosi, gambe gonfie, cellulite e ritenzione. La presenza di antociani, potenti antiossidanti naturali che hanno un’ottima azione preventiva sui disturbi cardiovascolari, migliora anche la funzionalità del fegato e dei trattenere liquidi e scorie.

Con loro fai scorta di sali e vitamine
Grazie alle fragole assumiamo sia vitamine del gruppo B (fondamentali per conservare la pelle elastica) sia vitamina C (cinque fragole corrispondono allo stesso contenuto in vitamina C di un’arancia!), che previene cedimenti e smagliature. Inoltre questi dolci frutti di maggio contengono calcio e magnesio (rinforzanti e anti fame), ferro (rassodante e anti anemico), potassio (dall’azione drenante) ma anche sodio, silice, iodio e bromo, tutti sali che ravvivano il metabolismo . Con le fragole facciamo scorta di fibre che favoriscono la sensazione di pienezza gastrica, un lento assorbimento degli zuccheri e quindi il mantenimento dell’equilibrio glicemico. Le fragole possono essere assunte anche dai diabetici perché lo zucchero che contengono (il levulosio) viene eliminato facilmente dall’organismo.

Combatte gas e fermentazioni
Rinfrescante, diuretica e dissetante (contiene il 90% di acqua), la fragola riduce la ritenzione idrica, favorisce la diuresi, facilita il dimagrimente ed è anti stipsi. Il succo che si ottiene centrifugando una manciata di fragole fresche è un’ottima bibita per i primi caldi. Aggiungendo il succo di un limone si raddoppia la concentrazione di vitamina C e si evitano le fermentazioni.

(Leggi l’articolo completo su http://www.riza.it/dieta-e-salute/dimagrire/4229/via-una-taglia-con-le-fragole.html)

Vuoi Perdere Peso? Aiutati con il Caffè Verde!

E se lo abbini a fibre ed altri elementi snellenti ottieni uno dei più efficaci alleati salva linea. Scopri insieme a noi quali sono e come utilizzarli

proprietà dimagranti caffè verdeIl caffè verde è il tuo alleato per perdere peso ed è anche un vero e proprio toccasana per l’organismo. Contiene infatti oltre 1000 antiossidanti, tra i quali un’elevata quantità di acido clorogenico, un principio attivo naturale che contribuisce al dimagrimento e mantiene giovani corpo e mente.

Questo acido organico, infatti, stimola il metabolismo, favorendo la riduzione del peso corporeo. Ha inoltre un’azione antiossidante quattro volte superiore a quella del tè verde, e ciò lo rende unico nella lotta ai radicali liberi, vere e proprie tossine che fanno invecchiare velocemente e causano malattie. Il caffè verde, grazie ai suoi principi attivi, è quindi particolarmente indicato per chi vuole dimagrire.

Ma per avere un vero alleato nella lotta contro il sovrappeso, oltre al caffè verde ricco di acido clorogenico ci vogliono il Fungo Lingzhi antiossidante e depurativo del fegato, utile anche per far abbassare i livelli il colesterolo “cattivo” (LDL) se elevati; la Cassia Senna per ridurre il grasso nel sangue e favorire un’ulteriore riduzione dell’adipe e del peso corporeo; le Fibre che danno sensazione di pienezza se il mix viene assunto a pranzo. E per ottenere una bevanda deliziosa, a questo mix di ingredienti si può aggiungere la Polvere di Rosa.

Oggi in commercio puoi trovare tutti questi preziosi ingredienti in un unico prodotto, una miscela solubile in acqua per una bevanda gradevole ed efficace da utilizzare all’interno di un programma finalizzato alla riduzione del peso corporeo. E rimodellarti non sarà più un sogno ma una realtà!

(Continua a leggere su http://www.riza.it/dieta-e-salute/dimagrire/4167/vuoi-perdere-peso-aiutati-con-il-caffe-verde.html)

Coi Finocchi Assimili Meno Grassi

come assimilare meno grassiÈ difficile trovare tante virtù in un unico ortaggio: fa digerire, sgonfia, drena, sazia e riduce anche i “danni” degli altri cibi che mangi nello stesso pasto…

Tra i vari tipi di ortaggi presenti sulle nostre tavole praticamente tutto l’anno, il finocchio ha ben sei proprietà che lo rendono un efficace dimagrante naturale. Ecco quali sono.

Calorie minime
Con le sue 9 calorie per etto, il finocchio è in assoluto l’alimento a minor apporto energetico. In una ideale scala energetica compresa tra uno (1) e cento (100), il finocchio occupa il primo posto e l’olio (di qualunque tipo) con le sue 900 calorie per cento grammi occupa il centesimo posto.

Basso indice glicemico
È dovuto alla composizione dei finocchi, che contengono solo l’1% di zuccheri a fronte dell’1,2% di proteine e del 2,2% di fibre: mangiare finocchi, tra l’altro, aiuta anche a ridurre l’indice glicemico degli alimenti più ricchi di zuccheri assunti nello stesso pasto.

Potere saziante elevato
Per visualizzare il potere saziante dei finocchi rispetto all’olio è sufficiente pensare che un cucchiaio di olio (circa 100 kcal) corrisponde a 5-6 finocchi medi puliti, ossia a un peso di 1110 grammi (circa 100 kcal). Il senso di sazietà oltre che dal volume è determinato dalla consistenza che costringe a masticare (più lentamente si mastica, più aumenta il senso di sazietà) e dall’aroma intenso di anice (dovuto alla presenza di anetolo) che placa sia il desiderio di dolce che di salato.

Diuretico e depurativo
L’elevato contenuto di acqua (93,2%), l’abbondanza di potassio (394 mg in 100 g) che favorisce la diuresi, il trascurabile contenuto di sodio (4 mg in 100 g) che favorisce la ritenzione idrica, rendono il finocchio un diuretico naturale ad elevata vocazione depuratrice.

Regolarizza l’intestino
 Il finocchio contiene soprattutto fibre insolubili (svegliano l’intestino pigro favorendo il regolare allontanamento delle scorie) ma anche fibre solubili che rallentano l’assorbimento dei grassi e degli degli alimenti assunti nello stesso pasto).

Sgonfia la pancia
Grazie alla sua ricchezza di oli essenziali, il finocchio ha proprietà antispastiche e carminative poiché riduce la fermentazione intestinale.

Crudo o cotto, placa l’appetito
I finocchi sono ortaggi conosciuti in tutte le regioni d’Italia e possono essere consumati freschissimi da ottobre ad aprile-maggio. Tra le varietà più diffuse, ricordiamo le seguenti.

(Leggi l’articolo completo su http://www.riza.it/dieta-e-salute/cibo/4176/coi-finocchi-assimili-meno-grassi.html)

Più Snella con le Radici Invernali

Sono ortaggi con poche calorie, ma un elevato numero di fibre che aumentano il senso di sazietà e alleggeriscono, aiutandoti a dimagrire e trovare e mantenere il peso forma

dimagrire con ortaggi invernaliLe radici invernali sono state a lungo snobbate in cucina. Colpa della loro (ingiusta) fama di ortaggi “poveri” e della loro difficile reperibilità. Ma oggi rape, topinambur, sedano rapa, scorzobianca e cardi si trovano, in stagione, anche al supermercato e possono diventare gustosi alleati per ritrovare il peso forma. Ricchi di minerali, fibre e vitamine, questi ortaggi contengono pochissime calorie e aiutano a liberarti dai liquidi in eccesso.

Gustale cotte ma anche crude
In versione cotta le radici invernali combattono il cedimento dei tessuti e la cellulite. Se crude, apportano vitamine antiossidanti, come la C e la E e il betacarotene, utili per contrastare i radicali liberi che, oltre a provocare un invecchiamento precoce, rendono più difficile lo smaltimento dell’adipe. Ecco i principali, con i loro principi attivi.

La scorzobianca combatte la ritenzione
È una radice di forma allungata, biancastra, con un gusto amarognolo. Contiene inulina e potassio ed è ideale cotta al vapore. Se invece si fa lessare, l’acqua di cottura può essere bevuta come depurativo o utilizzata come “base” per minestre fortemente diuretiche. Le calorie sono 15 l’etto.

Il cardo migliora la digestione
Del cardo si consumano le coste una volta cotte: è una pianta ricca di acqua e per questo contiene pochissime calorie, soltanto 9 per etto. Il suo sapore è leggermente amarognolo e, proprio per questo, stimola l’attività gastrica ed epatica, combattendo la distensione addominale dopo i pasti.

Il sedano rapa aumenta il senso di sazietà
Bianco e rotondo, possiede un sapore aromatico, profumato ma dolce al tempo stesso, che è inconfondibile grazie al contenuto di un olio essenziale, il sedanolide. Ha un elevato contenuto di fibre. E le calorie sono solo 22 per etto di prodotto!

La rapa vince fame e gonfiore
Contiene soltanto 19 calorie per 100 g ma ha il “difetto” di assorbire molto i grassi con cui viene condita. Anche se ha un basso apporto di fibre, è interessante dal punto di vista nutrizionale soprattutto per il contenuto di potassio, che la rende una preziosa alleata anti gonfiore.

(Continua a leggere su http://www.riza.it/dieta-e-salute/dimagrire/4080/piu-snella-con-le-radici-invernali.html)

La Dieta Liquida Dimagrante e Disintossicante

La dieta liquida è un particolare regime alimentare a base di frullati, succhi, centrifugati, zuppe e molta acqua, che consente di disintossicare l’organismo. Viene seguita sia per dimagrire sia per scopi terapeutici in caso ad esempio di pancreatite, bendaggio gastrico o come preparazione alla colonscopia. Vediamo cosa si può mangiare con la dieta liquida e le ricette.

dieta liquida disintossicante dimagranteLa dieta liquida è efficace per perdere peso, ma va subito precisato che può essere seguita solo per brevi periodi e sotto stretto controllo medico. Una riduzione eccessiva delle calorie, infatti, può innescare un circolo vizioso pericoloso, per cui le cellule, dopo aver consumato le scorte di zuccheri al livello di fegato e muscoli, a “caccia” di cibo, vanno ad intaccare anche le proteine. Questo vuol dire che il dimagrimento non è dovuto alla perdita di grasso, ma di massa magra e quindi di quella muscolare. Senza considerare il fatto che quando si riprende a mangiare normalmente si recuperano i chili persi con i famosi “interessi”, ovvero altri chili nuovi. Ciò non toglie, chiaramente, che se ci sono esigenze mediche particolari e si è seguiti da specialisti o si segue per poco tempo (max 3 giorni) la dieta liquida può essere utile.

Dieta liquida: cosa mangiare

La dieta liquida è molto restrittiva e non consente di mangiare alimenti solidi, ma esclusivamente in forma liquida. Se lo scopo è quello di dimagrire, con questo particolare regime dietetico si possono perdere circa 2-3 Kg, ma come detto prima, va seguito per poco tempo onde evitare anche la perdita di massa magra e muscolare e poi la ripresa dei chili persi. Gli alimenti che si possono mangiare in una dieta liquida a scopo disintossicante sono:

  • Centrifugati di verdura
  • Frullati di frutta e latte
  • Succhi di frutta
  • Succo di pomodoro
  • Succo di carote
  • Frutta
  • Acqua
  • Yogurt
  • Tisane
  • Caffè
  • Gelato (sostituisce il pranzo o la cena)

Per dolcificare i frullati è consentito utilizzare il miele, lo zucchero di canna o il fruttosio, mentre per condire i centrifugati è possibile utilizzare l’olio d’oliva (1 cucchiaino per ogni pasto), il limone o l’aceto di mele. La dieta liquida per dimagrire, inoltre, prevede anche un regime di mantenimento in cui è permesso integrare cibi come pesce e carni bianche, legumi e cereali integrali. I cibi da evitare, invece, sono tutti quelli che favoriscono la formazione della ritenzione idrica, come:

  • Sale
  • Dado da brodo
  • Alimenti in scatola
  • Salumi e insaccati
  • Formaggi grassi
  • Dolci confezionati

(Leggi l’articolo completo su http://www.dietaland.com/la-dieta-liquida-dimagrante-disintossicante/26177/)

La Forza Dimagrante delle Fibre

Ecco gli antifame naturali che regolarizzano l’intestino, abbassano l’indice glicemico e placano la fame

dimagrire con le fibre alimentariQuali sono, dove li trovi
Le fibre insolubili sono i galattomannani, le pectine, le gomme e le mucillagini. Contenute principalmente nella frutta, in alcuni legumi, nelle verdure e nei fiocchi d’avena, si sciolgono nei liquidi, aumentando notevolmente il loro volume, e hanno la proprietà di formare un gel che si amalgama con il resto del cibo presente sia nello stesso piatto sia nel tubo digerente, aumentando così il senso di sazietà. Vediamo come…

Più volume, meno sovrappeso
Le fibre solubili (ma anche quelle insolubili) non apportano calorie ma volume. Di conseguenza, poiché il senso di sazietà è dato non dalla quantità di calorie ma dal volume del cibo ingerito, placano la fame, limitando l’assunzione di calorie in eccesso: un fattore fondamentale per la prevenzione del sovrappeso!

Con loro l’intestino è regolare
Le fibre solubili, gonfiandosi, aumentano la massa del contenuto intestinale e ne accelerano il transito, riducendo la permanenza del cibo nel tubo digerente. Questo comporta:

– la prevenzione della stipsi;

– una più rapida eliminazione delle tossine;

– un ridotto assorbimento di grassi e zuccheri, che aiuta a contrastare colesterolo e diabete. A tutto vantaggio della linea!

Abbassano l’indice glicemico
Come già detto, le fibre permettono di assorbire meno zuccheri. Questo comporta livelli più bassi di glicemia nel sangue e quindi un minor rischio sovrappeso, ricordando che più aumenta il livello di zuccheri nel sangue, più il metabolismo rallenta!

Il consiglio in più

(Leggi l’articolo completo su http://www.riza.it/dieta-e-salute/dimagrire/3886/la-forza-dimagrante-delle-fibre.html)

Dieta per Perdere Peso con Frutta e Verdura

Quando si tratta di nutrizione, la ricerca può impiegare molto tempo prima di dare delle risposte nette e definitive. Oggi, però, dal Regno Unito arriva una scoperta che potrebbe avere un immediato riscontro pratico ed aiutare chi ha difficoltà a perdere peso: riempire dispensa e frigorifero di frutta e verdura aiuta a non abbuffarsi anche quando non vengono mangiate.

dieta dimagrante perdere peso con frutta e verduraLo studio che ha portato a questa conclusione, presentato in occasione del congresso annuale della Society for the Study of Ingestive Behaviour da Nicola Buckland, ricercatrice dell’Università di Leeds, ha dimostrato che il profumo e addirittura la sola vista dei cibi salutari spesso associati alla dieta può aiutare a raggiungere i propri obiettivi di dimagrimento.

Ecco qualche esempio pratico:

  • annusare il profumo di un’arancia fresca riduce di più del 50% la quantità di cioccolato ingerito;

  • iniziare un pasto con un’insalata piuttosto che con altri antipasti – ad esempio delle tartine – riduce la quantità del cibo mangiato successivamente.

Una questione di autocontrollo
In generale, i cibi salutari che spesso sono associati alle diete possono essere un valido aiuto per migliorare il proprio autocontrollo quando si è affamati. Diverso è il caso in cui le tentazioni si presentino lontano dai pasti: è stata la stessa ricerca a dimostrare che non c’è frutta che, mangiata durante i pasti, tenga a bada la voglia di mangiare uno snack offerto a ore di distanza.

Niente miracoli, quindi, ma solo un piccolo trucco per riuscire a controllarsi meglio a tavola ed evitare di abbuffarsi di portate poco salutari. Come ha spiegato Buckland, “fattori che ricordino il cibo salutare possono costituire un promemoria istantaneo per chi è a dieta”.

Qualche consiglio pratico

Naturalmente resta valido quanto spesso ricordato dagli esperti di nutrizione: frutta e verdura aiutano a saziarsi senza introdurre troppe calorie. La stessa Buckland ha aggiunto che ordinare come antipasto un’insalata aiuta a ridurre la quantità totale di cibo introdotto.

L’esperta ha suggerito, però, anche altri utili accorgimenti:

  • concentratevi per qualche istante sull’odore o sull’aspetto di un cibo salutare;
  • assicuratevi sempre che il cesto della frutta sia pieno e riempite il frigorifero di cibi salutari;

(continua a leggere su http://www.freshplaza.it/article/56491/Perdere-peso-con-frutta-e-verdura-consigli-pratici-per-una-dieta-di-successo)

L’Alimentazione Naturale per Perdere Peso Gradualmente

Scegliere di dimagrire non è mai una decisione facile ed immediata: l’intenzione c’è tutta, ma spesso ci si demoralizza di fronte alla difficoltà di perdere peso. La chiave sta tutta nella pazienza e nella capacità di regolarsi quando si mangia: vediamo in cosa dovrebbe consistere l’alimentazione naturale per perdere peso gradualmente, in modo da non causare problemi metabolici o carenze nutrizionali gravi.

dieta per perdere peso gradualmenteInnanzitutto bisogna chiarire cosa si intenta per alimentazione naturale: secondo noi di Benessereblog, l’alimentazione naturale è quella che rispetti i ritmi del nostro corpo e, su scala più ampia, quelli delle stagioni: privilegiare la frutta e la verdura di stagione, bilanciare le proteine e i carboidrati con attenzione, mantenersi ben idratati, variare molto la scelta dei cibi.

Vale la pena, poi, stilare una breve lista di consigli per guadagnare e mantenere una linea invidiabile, senza dar retta alle diete ipocaloriche e iperproteiche tanto di moda ultimamente, che garantiscono solo un effetto yo-yo continuo:

  • alimentazione varia e bilanciata che tenga sotto controllo le calorie senza andare in eccessivo deficit energetico e risvegli il metabolismo;
  • lavarsi i denti subito dopo mangiato, in modo da inibire il senso di fame;
  • mangiare lentamente e masticare con calma, per sentirsi sazi più in fretta;
  • attività fisica che alterni esercizi aerobici tipo corsa, cyclette, camminata sostenuta, sci di fondo, nuoto di durata e altri tipo di sport di resistenza con esercizi di tipo muscolare come
  • (continua a leggere su http://www.benessereblog.it/post/38241/lalimentazione-naturale-per-perdere-peso-gradualmente)