Tag Archives: melone

Melone: Proprietà e Valori Nutrizionali

proprietà del meloneIl melone è un frutto dalle tante proprietà. E’ antistress, ottimo per combattere il caldo, antiossidante a tutti gli effetti, contrastando l’attività dei radicali liberi. Inoltre fa bene alle ossa e alla pelle, stimolando perfino l’abbronzatura naturale.

Ecco perché, specialmente in estate, non dovrebbe mai mancare sulle nostre tavole. Tutti i benefici di cui è portatore sono rapportabili agli elementi dai cui è composto, che determinano anche i suoi valori nutrizionali: acqua, vitamine e sali minerali: vitamina C, potassio, fosforo, calcio.

1. Antistress

Il melone sarebbe un rimedio efficace contro lo stress. E’ stato dimostrato da una ricerca della dottoressa Marie-Anne Milesi, che ha individuato il ruolo antistress svolto dell’antiossidante superossido dismutasi. Si tratta di un enzima in grado di trasformare le sostanze pericolose per l’organismo. In questa maniera anche la fatica è avvertita meno, aiutando contro la stanchezzaprovocata dal caldo.

2. Antiossidante

Le proprietà antiossidanti del melone sono assolte soprattutto dalla vitamina A e dalla vitamina C. la prima si presenta sotto forma di carotenoidi, i pigmenti naturali che conferiscono al melone il colore tipico. I carotenoidi contrastano i radicali liberi, ritardano l’invecchiamento cellulare e prevengono differenti malattie.

3. Aiuto per il sistema nervoso

Se cerchiamo un aiuto per il sistema nervoso, il melone può essere proprio ciò che ci serve attraverso il suo elevato contenuto di vitamina B6. Quest’ultima si dimostra importante per tenere sotto controllo il nervosismo e l’irritabilità e per evitare i disturbi del sonno e le difficoltà di apprendimento.

4. Guarigione delle ferite

La vitamina C contenuta nel melone svolge una funzione di primaria importanza nella formazione del collagene e in questo modo si rivela importante per favorire la guarigione delle ferite, delleustioni, dei tagli.

5. Benefici per le ossa

Il fosforo e il calcio, presenti in abbondanza nel melone, riescono a garantire un’adeguata azione di protezione per le ossa, contribuendo in modo notevole al loro rafforzamento. Inoltre, per mezzo del consumo di questo frutto, si riesce a prevenire l’osteoporosi.

6. Apparato cardiocircolatorio

Effetti assicurati anche a vantaggio dell’apparato cardiocircolatorio. Tutto merito del potassio, che si trova soprattutto nella polpa del frutto e che riesce a favorire la circolazione sanguigna, con ripercussioni positive sul controllo della pressione arteriosa.

7. Alleato di bellezza

Il melone è un alleato di bellezza, perché ha un utilizzo importante anche in cosmesi, in quanto riesce a tonificare e a rendere morbida la pelle. In particolare proprio l’uso del melone può essere determinante per mettere a punto una maschera fai da te per le pelli secche. Ci serve 1 dl di succo centrifugato, da mescolare a un dl di acqua e a 1 dl di latte intero. Il composto va conservato in frigorifero, per poi essere applicato sulla cute.

8. Abbronzatura

Il betacarotene riesce a favorire l’abbronzatura, infatti aiuta l’organismo a produrre la melanina, la quale è la diretta responsabile dell’aspetto dorato della pelle in estate, quando ci si espone ai raggi del sole.

9. Ipocalorico

Il melone è un frutto ipocalorico, che può essere inserito perfettamente nelle diete. Teniamo presente, a questo proposito, che per ogni 100 grammi di melone ci sono 33 calorie. D’altro canto non dobbiamo dimenticare che il melone è ricco anche di fibre e questo conferisce ad esso un elevato potere saziante.

10. Intestino pigro

Il contenuto di fibre permette di riattivare l’intestino pigro, migliorando notevolmente il transito intestinale e combattendo quell’effetto tipico del gonfiore addominale, che avvertiamo dopo aver mangiato.

(leggi l’articolo completo su http://www.tantasalute.it/articolo/melone-proprieta-e-valori-nutrizionali/8461/)

Col Melone Addio Ritenzione Idrica

Questo frutto tipicamente estivo è ipocalorico ma contiene molta acqua: ne bastano poche fette al giorno per vincere la fame e prevenire i gonfiori

Ne esistono molte varietà

melone contro la ritenzione idricaIl melone appartiene (come l’anguria) alla stesa famiglia delle zucchine, dei cetrioli e della zucca.
Quello estivo può essere di due varietà: la “retata”, così chiamata perché ha la buccia ricoperta da un reticolo fittissimo color corda, che oltretutto ha lo scopo di preservare il frutto anche dopo la raccolta, mentre all’interno la polpa è giallo-arancione, molto dolce e aromatica; la varietà “Cantalupo” ha invece la scorza liscia e con venature di colore verde scuro, è più delicata rispetto alla “retata”, e con un profumo penetrante e una polpa gialla e molto gustosa.

Il melone è un frutto che “fa tanto estate” (anche se ne esistono varietà invernali altrettanto gustose e vivaci), ma non tutti lo apprezzano, per via del suo supposto carattere indigesto. In realtà, il problema esiste ma è molto spesso legato al fatto che il melone è ricco di acqua, e la presenza nello stomaco di tutto questo liquido può diluire eccessivamente i frutti gastrici, causando così l’indesiderato effetto collaterale di allungare i tempi della digestione. Per questo è meglio non considerare il melone un frutto da fine pasto, ma consumarlo da solo oppure come merenda. D’altro canto, la ricchezza d’acqua (circa il 90% del peso totale ) è proprio la caratteristica principale di questo frutto e che lo rende un cibo jolly per i giorni più caldi dell’anno. Il melone estivo, poi, è anche ricco di vitamina A, come testimonia il colore arancione, dovuto per l’appunto alla presenza di betacarotene, la stessa sostanza che dà la tinta alle carote e che l’organismo trasforma in vitamina. E le calorie? Davvero poche: solo 33 per 100 grammi di polpa, grazie anche al fatto che i grassi sono praticamente inesistenti (100 grammi ne contengono circa lo 0,2%), e gli zuccheri sono in media 7,4 grammi per etto. La polpa del melone, oltre a essere lassativa (caratteristica che si può arginare condendola con sale e pepe), si può utilizzare anche come maschera idratante per il viso.

Come scegliere il melone “perfetto”?

Affidandosi al naso e alla vista. Forse non tutti sanno che il melone migliore è il maschio che si riconosce da un punto nero situato all’estremità opposta a quella del picciolo. Per quanto riguarda l’olfatto, qual è la strategia migliore da mettere in atto? Innanzitutto, vale la pena di ricordare che annusare il melone prima di metterlo nel carrello della spesa non è solo un gesto rituale: l’aroma è fondamentale per capire il grado di maturazione di questo frutto.

(Fonte riza.it)

Estate: Melone o Cocomero

Insieme a latte, verdura, pesce, yogurt, gelati e ovviamente a tutta la frutta sono i cibi da preferire in estate, in particolar modo per combattere il caldo grazie alla grande abbondanza di acqua e sali minerali in essi contenuti, ottimi per garantire un’equilibrata idratazione.

Ma i veri simboli dell’estate sono il melone ed il cocomero, tra i frutti più ricchi di acqua in assoluto: è per questo che si associano ai cibi rinfrescanti e dissetanti.

Il cocomero presenta oltre il 95% di acqua ed è il frutto dissetante per antonomasia; è completamente privo di grassi ed ha poche calorie (circa 15 per 100 gr) e zuccheri (a differenza di quanto si pensa, il suo sapore dolce deriva da aromi naturali che, oltre a rendere il cocomero saporito, danno anche un senso di sazietà). E’ per questo motivo ideale per chi vuole stare a dieta, infatti mangiarne una fetta prima di un pasto riduce il senso di fame e permette di evitare anche piccoli peccati di gola

Il cocomero ha una buona quantità di vitamina A, C e di potassio. E’ preferibile non mangiare i semi poiché hanno un forte effetto lassativo e possono risultare indigesti soprattutto nei bambini al di sotto dei 3 anni.

Il melone, rispetto al cocomero, ha più calorie (30 calorie per 100 gr), più sali minerali, più vitamine e meno acqua. E’ l’ideale per chi passa tanto tempo sotto il sole perché nutre, disseta e reintegra i sali perduti con la sudorazione. E’ ricco di potassio ma la sua vera forza è nelle vitamine, sia la A che la C: in circa 200 grammi di melone c’è infatti un quantitativo di ben 60 mg di vitamina C, che rafforza le difese immunitarie e protegge la pelle. Attenzione ai semi, perché anche quelli del melone hanno un grande potere lassativo. (fonte www.benessereblog.it).

Frullato di Uva e Melone

Il frullato di uva e melone è un ottimo integratore per l’estate, ricca di frutti rinfrescanti e gustosi proprio come il melone e la prima uva bianca. Un eccezionale mix in grado di eliminare le scorie e di ricaricare le energie.

Il melone o cocomero, come dir si voglia, è un frutto ricco di acqua e di vitamine, A (sotto forma di carotenoidi), C, preziose alleate della nostra pelle, perché rallentano i processi di invecchiamento cellulare, e aiutano a drenare le tossine, la causa numero 1 della tanto temuta cellulite. Il melone, inoltre, è una miniera di sali minerali quali potassio, ferro e manganese, particolarmente utili in questo periodo dell’anno, quando a causa dell’eccessiva calura siamo a rischio disidratazione. E’ un frutto indicato anche per chi è a dieta, visto il suo bassissimo apporto calorico (33 calorie per 100 grammi di polpa).

Anche l’uva è una buona fonte di potassio, calcio, con un buon contenuto di vitamine. Questo frutto è ricco di zuccheri, soprattutto fruttosio e glucosio, perciò è sconsigliato per i soggetti diabetici e per chi è a dieta va mangiata con moderazione. L’uva è estremamente digeribile, e svolge anche un’azione diuretica, in modo particolare quella bianca. E’ inutile dire che è ricca di antiossidanti, ed è molto rinfrescante.

Dopo aver eliminato i semi, centrifugate 200 g di uva bianca di provenienza biologica. Mettete nel mixer 200 g di melone maturo a dadini, aggiungete il succo d’uva e frullate il tutto finché non ottenete un composto schiumoso. Servite freddo e gustalo per tutto il mese 2 volte al giorno, lontano dai pasti.

Inoltre, se aggiungete al frullato di uva e melone, 20-30 gocce di tintura madre di meliloto, che potete facilmente acquistare in erboristeria, favorirete la digestione. Questa pianta dai fiori gialli, infatti, è un buon tonico digestivo e placa anche la cefalea e l’insonnia. (fonte www.dietaland.com)

Anguria e Melone, i Frutti migliori per l’Estate

Con l’arrivo dell’estate, e del caldo, la voglia di anguria e di melone diventa irresistibile. Niente di meglio! Con il sole che picchia, infatti, è facile disidratarsi e questi frutti, ricchi di acqua e vitamine, sono perfetti per reintegrare i liquidi persi.

Superato l’ostacolo della buccia, l’anguria e il melone sono una miniera di sostanze nutritive. L’acqua copre il 90% della polpa, caratteristica che rende questi frutti amici della linea, ma anche i sali minerali e le vitamine A e C sono particolarmente abbondanti.

L’anguria, in particolare, è composta dal 94% di acqua, e in piccolissime quantità anche da proteine e fibre alimentari. E’ un frutto ricco di vitamine A, C, PP, B1, B2 e licopene, che gli conferisce il classico colore rosso. Il licopene è una sostanza antiossidante e come tale aiuta a contrastare i radicali liberi e l’invecchiamento cellulare.

La presenza di sali minerali, come sodio, potassio, ferro, fosforo e calcio, rende l‘anguria particolarmente utile per contrastare il senso di spossatezza tipico del periodo estivo. Grazie all’alto contenuto di acqua, inoltre, ha un potere dissetante e diuretico. Nonostante la sua polpa sia dolce, l’anguria ha un modesto apporto calorico (20 Kcalorie per ogni 100 grammi di polpa), ed è indicata nelle diete dimagranti.

Anche per il melone, l’elemento principale è costituito dall’acqua (90%). Non mancano le proteine, la fibra alimentare, i lipidi, i minerali, soprattutto fosforo e calcio, e le vitamina C, B3 e PP. In piccole percentuali, si trova anche la vitamina A.

Il melone è un frutto molto dissetante, diuretico e ricco di sostanze antiossidanti che aiutano a prevenire lo stress ossidativo. La presenza di betacarotene, inoltre, stimola l’organismo a produrre la melanina. L’apporto calorico è leggermente maggiore rispetto all’anguria. A parità di peso, infatti, porta circa 33 kcalorie. Il melone è un ottimo spuntino, che si presta molto bene anche per dei gustosi frullati spezza fame. (fonte www.dietaland.com)

Melone, il Frutto del gran Caldo

Il melone è un frutto estivo ricco di acqua e di zuccheri di pronta assimilazione che idratano, dissetano e danno energia senza appesantirci

Il melone è uno dei frutti-simbolo della stagione calda: dal bel colore solare, ricco di acqua, di fibre e di zuccheri, è nel contempo dissetante e nutriente, e non pesa sulla bilancia, visto che ha solo una trentina di calorie all’etto.

Questa pianta delle Cucurbitacee è originaria dell’Asia centrale e della Turchia: a partire dal V secolo a.C., sbarcò in Egitto e poi a Roma. I meloni italiani più celebri, i Cantalupi (con la scorza spessa e la polpa profumata), furono portati nella nostra Penisola dall’Oriente nel Quattrocento e coltivati per la prima volta a Cantalupo, nei terreni pontifici nei dintorni di Roma. Ma il melone non è solo molto buono: scopriamo come sfruttarne le virtù curative.

Un tonico per la circolazione: con mezzo melone al giorno controlli la pressione

Il melone contiene un’altra percentuale di sali minerali (tra cui ferro, fosforo, sodio e calcio) e in particolare di potassio, il sale che contribuisce a tenere sotto controllo la pressione e ripristina le scorte idriche perdute a causa della sudorazione. Consumare ogni giorno mezzo melone o anche un piccolo melone intero aiuta a proteggere il sistema cardiocircolatorio perché questo frutto contiene l’adenosina, una sostanza che aiuta a mantenere fluido il sangue ed evita la formazione di coaguli. Il melone è anche una miniera di fibre (che mantengono pulito e attivo l’intestino) e vitamine A e C, prezioso “nutrimento” dell’epidermide che durante l’estate è particolarmente esposta agli stress termici e all’aggressione dei raggi solari. Non è invece indicato per i diabetici (è molto ricco di zuccheri) e per chi soffre d gastrite.

La sua polpa è idratante: a fettine disseta la pelle secca

Un primo ed efficace impiego del melone è rappresentato da questa maschera per il viso, perfetta dopo una giornata di esposizione al sole. La polpa di melone assorbe il calore dalla cute e la riporta al giusto grado di idratazione.

Gusta il melone anche con le verdure

Questo piatto rinfrescante e saziante, da  gustare come antipasto, scaccia caldo ed è utile anche per reintegrare i sali persi con il sudore.

Ingredienti

un melone

una falda di peperone verde

una falda di peperone rosso

un finocchio piccolo

2 foglie di basilico

un cucchiaino di aceto di mele

un cucchiaio d’olio extravergine d’oliva

un cucchiaio di semi di sesamo

6 gherigli di noce

sale q.b.

Preparazione

Lavare e pulire finocchi e peperoni e tagliarli a tocchetti; aggiungere le noci, il sesamo, le folgie di basilico spezzettate, condire con sale, aceto di mele, e olio d’oliva. Tagliare il melone in senso orizzontale, svuotare ogni metà dalla polpa e tagliarla a tocchetti. Unire la polpa alle altre verdure e la marinata nel frutto svuotato. (fonte www.riza.it)

Cocktail di Uva e Melone, l’integratore di Giugno

Questo frullato reidrata, elimina le scorie e ti ricarica di energia!

Giugno è uno dei mesi più generosi di frutti rinfrescanti come il melone e la prima uva bianca, protagonisti del nostro integratore per l’estate. L’uva bianca è ricca di zuccheri facilmente assorbibili e contiene: vitamine del gruppo B, vitamina PP, vitamina C, vitamina A, potassio, calcio magnesio, ferro, iodio, fosforo, antiossidanti e procianidine oligomeriche (le OPC), sostanza che tonificano la circolazione ed evitano i gonfiori. Il melone, dal canto suo, oltre ad avere un alto contenuto di acqua utile per reintegrare le perdite dovute alla sudorazione, è ricco di vitamina A e C (preziose per la pelle) e accelera il drenaggio delle tossine che generano infiammazioni e cellulite.

Se aggiungi il meliloto aiuta anche a digerire

Aggiungi al frullato di uva e melone 20-30 gocce di tintura madre di meliloto (in erboristeria): l’estratto di questa pianta dai fiori gialli, che cresce ai margini dei prati e dei boschi, è un buon tonico digestivo; placa anche la cefalea e l’insonnia che spesso si accompagnano ai disturbi gastrici.

Come si prepara

Per due bicchieri di frullato, centrifuga (dopo aver eliminato i semi) 200 g di uva bianca di provenienza biologica; metti nel mixer 200 g di melone maturo a dadini, aggiungi il succo d’uva e frulla il tutto finché non ottieni un composto schiumoso. Servi freddo e gustalo per tutto il mese 2 volte al giorno, lontano dai pasti. (fonte riza.it)

Melone ricco di potassio

Arrivata la bella stagione è anche il momento di variare finalmente la scelta della frutta da portare in tavola, che si fa più ampia, succulenta, colorata e salutare. A spiccare tra le molte possibilità di stagione c’è anche il melone, quello d’estate. È uno dei frutti tipici del periodo estivo, caratterizzato da un altissimo contenuto d’acqua ma anche dal delizioso sapore dolce che supplice ad ogni voglia di dessert e dunque aiuta anche la dieta. Le sue migliori caratteristiche però, oltre che nella festa per gusto e occhi, stanno nelle proprietà nutrizionali. Contiene infatti un’ottima fonte di potassio che contribuisce al mantenimento dell’equilibrio elettrolico e dunque al buon funzionamento muscolare. Tra i suoi effetti, com’è noto, c’è anche la prevenzione efficace dei crampi. Non solo le banane, come vedete, sono tra i frutti consigliati agli sportivi per mantenere i muscoli in forma. Possiamo introdurre il melone come alternativa e servirlo non solo come frutta a fine pasto o salutare snack pomeridiano ma anche come spuntino pre-sport o aggiungerlo alle insalate per colorarle e insaporirle con un tocco un po’ esotico e un contributo benefico da non sottovalutare. (fonte /www.benessereblog.it/)

Il melone contro lo stress

Tra i molti rimedi per lo stress ce n’è uno che non solo non pesa adottare ma è anche gradevolissimo e in linea con la stagione. Si attua a tavola, mangiando una fetta di fresco e succoso melone. Troppo bello per essere vero? L’Istituto francese per la ricerca agricola ha fatto sapere, in seguito ad una ricerca pubblicata sulla rivista Nutrition, che l’alto contenuto di betacarotene del melone aiuta ad abbassare le proteine dello stress nell’intestino, contribuendo ad un maggior benessere con una cura semplice che della cura non ha neanche il più vago aspetto. D’altro canto sappiamo bene che del benessere ci si può prendere cura partendo dalla tavola e dalla dieta. Un generoso apporto di antiossidanti è il primo passo per stare bene e la protezione del tratto intestinale una strategia sicuramente vincente. (fonte www.benessereblog.it)

Girasole di more e melone

Tra poco potremo mettere sulle nostre tavole meloni e more … e allora abbiamo scoperto questo meraviglioso blog A mouse on the table … e questa meravigliosa ricetta scritta proprio da Rosemary

Oggi ho deciso di servire la frutta in modo davvero originale!

Protagonisti un melone e delle deliziose more di rovo!
L’abbinamento è perfetto, ha il gusto dell’estate!
Facilissimo da realizzare, questo bel Visualfood non non mancherà di dare un tocco di allegro colore alla vostra tavola.
Vedrete, gli ospiti sapranno apprezzare l’idea di trovare il melone già tagliato in comode porzioni. 
Le more poi accontenteranno i più golosi.
E se proprio proprio volete esagerare potete mettere a disposizione di ogni commensale una coppetta di panna montata o di gelato alla vaniglia! 
Questo modo un po’ insolito di servire la frutta va bene in tutte le stagioni il melone infatti si trova in varietà diverse tutto l’anno. Per le more invece, basterà una passeggiata in campagna, mentre nelle stagioni invernali potranno essere sostituite da acini d’uva tagliati a metà o altra frutta scura a piacere.

Se volete aggiungere un tocco di verde, aggiungete ai bordi qualche fogliolina di menta.

Sul sito potrete vedere anche il videotutorial.